5 cose che un padre non dovrebbe dire a suo figlio

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il compito dei genitori è quello di crescere i figli nel miglior modo possibile. Tale compito non è un impresa semplice, in quanto riuscire ad inculcare i giusti valori alle nuove generazioni in modo che da gradi possano essere degli uomini migliori, è un impresa ardua. La difficoltà è dovuta da una serie di fattori e non per ultima alla scelta delle parole giuste da utilizzare al fine di essere compresi e non respinti dai propri figli. In questa breve guida, ci occuperemo di illustrare le 5 cose che un padre non dovrebbe mai dire a suo figlio.

27

Sei come tua madre

In una famiglia comune, quando il figlio compie un azione scorretta, si tende a paragonare il suo comportamento con quello di altro componente della famiglia. Quando un padre dice al proprio figlio " sei proprio come tua madre", compie in realtà un doppio errore! Questa frase infatti mette in evidenza non solo che il figlio ha agito in maniera scorretta facendolo sentire inadeguato, ma include nell'ipotetico errore anche la mamma che come si sa che per ogni figlio rappresenta un punto cardine della propria esistenza. Da ciò si deduce che il consiglio è quello di non pronunciare mai questa frase al fine di evitare l'allontanamento naturale dell'adolescente.

37

Non farai mai nulla di buono

Una delle frasi più terribili che un padre possa dire al proprio figlio è "non farai mai nulla di buono"! Chi è genitore sa che spesso, il comportamento dei propri ragazzi può portare alla esasperazione e questa ha la potenzialità di fare dire cose che non si pensano ma che si dicono e che possono ferire. Dire una frase del genere ad un ragazzo, può comportare delle conseguenze molto serie che non sarà facile cancellare nel corso degli anni. Ricordatevi che le parole possono ferire molto più di uno schiaffo e provocare delle ferite interiori difficili da cancellare.

Continua la lettura
47

Non sei capace

Anche se pensiamo che nostro figlio non sia in grado di compiere un compito, un lavoro o una mansione, non dovete mai dire loro " tu non sei capace". Questo atteggiamento non farà mai crescere vostro figlio e lo renderà insicuro per tutta la vita. Se credete che non sia pronto per svolgere determinati compiti, utilizzate parole diverse o imparate loro a come agire.

57

Devi fare come ti dico

Spesso il troppo amore verso i figli e il naturale trasporto nel proteggerli, possono portare un padre a commettere degli errori pur non volendo. Imporre al proprio ragazzo le nostre decisioni, anche se riteniamo che siano quelle giuste per il suo bene, non è mai un atteggiamento corretto. Dire " devi fare come ti dico", annulla il diritto del minore il fare le sue scelte e se è il caso di sbagliare. Ricordatevi che per crescere e formarsi, è necessario anche compiere errori.

67

Io non l'avrei mai fatto

Ultima frase, ma non in termine d'importanza, che un padre non dovrebbe mai dire al proprio, è "io non l'avrei mai fatto". In questo pochissime parole infatti si racchiude un grande significato che potrebbe provocare in vostro figlio una ferita importante non facile sa rimarginare. Questo non significa che dovrete essere sempre d'accordo con le scelte di vostro figlio, ma escludere il fatto che voi non avreste mai preso quella decisione potrebbe fare nascere una certa delusione nel ragazzo che adesso si sentirà insicuro. Se proprio volete lamentare la vostra disapprovazione, mettete in evidenza prima le motivazioni in modo da essere compresi e non respinti dal vostro ragazzo.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

5 modi per dire al partner che si desidera un figlio

Per il sesso femminile pensare ad una gravidanza e quindi ad un figlio è una cosa che viene naturale, anche in età giovanile. Le donne quindi, chi prima chi poi, crescono con la consapevolezza e con il desiderio che un giorno della loro vita saranno...
Famiglia

Come gestire un padre geloso

Gestire un papà geloso è un problema che devono affrontare molte ragazze adolescenti. Per un padre è difficile accettare che quella che sinora era una bimba bisognosa soltanto del suo amore e delle sue cure, stia adesso crescendo e diventando una donna;...
Famiglia

10 motivi per fare un figlio a 30 anni

Non esiste un' età precisa per avere un figlio. Ci sono donne che hanno un desiderio materno sin da giovanissime, chi invece più in là con gli anni. A volte un bambino arriva anche nei momenti meno attesi e la gioia comunque prevale al di sopra...
Famiglia

Come spiegare ad un figlio che la mamma ha un nuovo compagno

Il matrimonio è una bellissima cosa, un'unione tra due persone che dichiarano il loro amore reciproco, e che spesso sfocia nel concepimento di un bambino. Purtroppo però non sempre quest'unione ha un lieto fine, e molte sono le storie di separazione...
Famiglia

5 segnali che vostro figlio usa stupefacenti

L'uso di sostanze stupefacenti è sempre più diffuso tra i giovani e giovanissimi ed anche tra gli adulti. L'età purtroppo si abbassa sempre di più. Abbiamo addirittura ragazzini che già alle scuole medie, spesso trascinati da compagni più grandi,...
Famiglia

Come abituare tuo figlio al nuovo compagno

Il nuovo compagno può essere considerato il terzo genitore e per abituare tuo figlio, non devi mai metterti al livello del bambino, ma utilizzare astuzia e diplomazia. Oggi sempre più genitori si separano e dopo il divorzio formano una nuova famiglia...
Famiglia

Come gestire la gelosia del figlio adolescente verso il fratello

La gelosia tra fratelli è naturale, c'è sempre stata, e ci sarà sempre perché fa parte del processo di crescita. Ogni bambino o adolescente che sia avverte spesso questo sentimento nei confronti del proprio fratello. In modo particolare, l'adolescenza...
Famiglia

5 motivi per aspettare prima di avere un secondo figlio

Quante di voi mamme desiderano un secondo figlio? E quante di voi mamme siete insicure sul da farsi e siete in dubbio se aspettare, magari perché siete usciti da poco da un parto cesareo, o impazienti, perché il vostro primogenito si sente solo e vuole...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.