5 consigli per non perdere i bambini in spiaggia

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Arriva l'estate, finalmente si torna al mare, un po' di relax e passeggiate e nuotate in tutta serenità. Niente di più falso se si hanno al seguito dei bambini, soprattutto se hanno dai due anni in su, camminano, corrono e, magari, non parlano in modo sufficientemente comprensibile per qualcuno che non sia il suo papà o la sua mamma.Perché in quel caso, oltre alla sabbia e al sole, ci troveremo ad afforntare il solito dilemma: come fare per non perdere i bambini in spiaggia. L'incubo di ognoi genitore, di ogni baby sitter e di ogni adulto a cui siano affidati dei bimbi. Ecco, quindi, 5 consigli per non perdere i bambini in spiaggia, che potranno aiutarci ad evitare di vagare disperati per il lungomare.

26

Evitare le località più affollate

La prima regola da seguire nell'organizzare una giornata al mare con i bambini è quella di scegliere una spiaggia adatta a loro e, quindi, non troppo affollata. In questo modo saremo in grado di piazzare il nostro ombrellone abbastanza vicino al bagnasciuga, l'area preferita dai piccoli, e tenerli sott'occhio senza dovergli correre dietro tutto il tempo.

36

usare costumini colorati e bracciali di riconoscimento

Per essere sicuri di riconoscere i nostri figli anche a una certa distanza è sempre meglio far indossare loro dei costumini un po' particolari, colorati e con qualche disegno particolare che li distingua dagli altri. Ma ancor più utile sarà dotarli di braccialetto di riconoscimento, così che, anche in caso dovessero allontanarsi e smarrirsi, qualche adulto gentile saprà come rintracciare i suoi genitori, magari attraverso un numero di telefono o fornendo il nominativo ai servizi di sicurezza in spiaggia, per esempio al bagnino, se ne trovano in commercio di vari tipi, con una gamma di informazioni riportabili anche ampia e per diversi usi.

Continua la lettura
46

Usare l'ombrellone come punto di riferimento

Per facilitare al bambino il rientro alla nostra postazione dovremo trattenerlo un minuto per fargli memorizzare colore e fantasia dell'ombrellone e magari delle sdraio attorno ad esso. Sarà anche meglio legare alla cima dell'ombrellone un palloncino colorato facilmente riconpcibile e individuabile quando escono dall'acqua. Del resto ritrovare la strada spesso diventa un problema anche per noi adulti quando, dopo una nuotata, ci si ritrova su un punto diverso della spiaggia, soprattutto nei luoghi un po' affollati.

56

La giusta postazione

Possibilmente dovremmo piazzare l'ombrellone in linea con un chiosco bar, facilmente riconoscibile e individuabile dai bambini, o affittarne uno già numerato e scrivere nel braccialetto dei bimbi il numero corrispondente. Importante anche assicurarsi che nelle vicinanze ci sia un servizio di salvataggio con una torretta che, al di là delle emergenze in acqua, potrà esserci d'aiuto quando andremo alla disperata ricerca dei bambini più distratti o avventurosi.

66

Il giusto grado di attenzione

Ultima, ma non meno importante, la sana abitudine di tenere un occhio su ciò che stiamo facendo e uno sui nostri bambini. Perché, nonostante tutte le precauzioni che potremo adottare, un bambino troverà sempre il modo di allontanarsi, seguire qualche nuovo amichetto e, alla fine, farci disperare. La responsabilità del controllo e della vicinanza resta sempre in capo ai genitori o agli accompagnatori di turno, per cui non potremo permetterci di immergerci nella lettura o, addirittura, farci un pisolino sotto il sole! Per questo motivo sarà sempre meglio andare al mare almeno in presenza di due adulti, che potranno organizzare dei turni per la vigilanza sui piccoli. Ci vuole poco, in fondo, per non correre pericoli inutili.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come creare una pista di biglie in spiaggia per i bambini

Siete in spiaggia con i vostri bambini, fa caldo e non è previsto alcuni tipo di animazione. I vostri bambini hanno voglia di giocare ma non sanno cosa fare, sono stufi dei soliti castelli e di fare il bagno proprio non ne hanno voglia. Chissà quanti...
Bambino

Come non perdere la pazienza con i bambini

La nascita di un figlio rappresenta il momento più bello nella vita di una coppia. Allo stesso tempo, il nuovo arrivato, porta "scompiglio" nella vita familiare. Cambiano tutte le abitudini e le priorità dei genitori. L'adattamento alla nuova vita è...
Bambino

5 consigli per la corretta idratazione dei bambini

Sia che si tratti del periodo estivo, in cui fa molto caldo, si suda e si tende quindi a perdere liquidi e con essi i sali minerali indispensabili per la salute del nostro corpo, sia che si tratti di periodi particolari cui si può incorrere, come l'essere...
Bambino

5 consigli per gestire la frustrazione dei bambini

In questa lista vedremo 5 consigli utili per gestire la frustrazione nei bambini. Il pianto è un meccanismo di comunicazione fondamentale nei bambini. Con la crescita si trasforma In un modo per comunicare la sua insoddisfazione verso qualcosa o una...
Bambino

Arti marziali per bambini: consigli per iniziare

Le arti marziali sono un antico metodo di addestramento del corpo, della mente e dello spirito, originario della Cina. Coloro che praticano le arti marziali cercano tuttavia di vivere sempre in armonia con sé stessi e con gli altri, ma al contempo anche...
Bambino

Come organizzare l’armadio dei bambini: consigli e idee

La cameretta del bambino è il luogo della casa in continuo movimento ed evoluzione. L'ordine è il sogno di ogni genitore. Tutto si sposta: giochi, sedie,cassettiere, oggettini vari e peluche. L'unica cosa che non si sposta è l'armadio. Tuttavia, lo...
Bambino

Karate per bambini: consigli per iniziare

L'attività sportiva per i bambini è fondamentale per uno sviluppo ottimale. Lo sport insegna ai piccoli a socializzare e a rispettare le regole. Una crescita armoniosa non può fare a meno della pratica sportiva. Ma quale sport è meglio far intraprendere...
Bambino

Consigli per le scarpe per i bambini con piedi piatti

La sindrome dei piedi piatti è detta anche del piede pronato vago e compare quando il bambino ha già sviluppato a pieno l'apparato muscolo-scheletrico. Se quindi nei primissimi anni di età notate che vostro figlio non ha l'arcata plantare ben definita,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.