10 trucchi per aiutare il bambino a finire i compiti delle vacanze

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

Mettiamo subito le cose in chiaro: ogni esperienza vissuta può essere un'importante occasione di apprendimento e crescita, questo vale per tutti noi e vale in particolare per i bambini che sono dei "portatori sani" di curiosità e voglia di conoscere.
Questa introduzione semplicemente per affermare che anche il periodo delle vacanze, indipendentemente dai compiti assegnati dagli insegnanti, è un momento fondamentale in cui i nostri bambini hanno modo di osservare, partecipare e quindi imparare, in modo forse non tradizionale: divertendosi, visitando nuovi luoghi e conoscendo direttamente quello che solitamente leggono sui libri, correndo, arrampicandosi, sporcandosi... In una sola parola sperimentandosi.
Visto questo "gran da fare" vacanziero, come fare a convincere i nostri bambini a studiare anche quando non vanno a scuola?
In questa breve guida troverete 10 piccoli trucchi per aiutare il vostro bambino a finire i compiti per le vacanze.

211

Condividere con il bambino l'organizzazione delle attività di studio

Proviamo a responsabilizzare i nostri bambini rendendoli partecipi dell'organizzazione dell'attività di studio.
Prima di iniziare i compiti per le vacanze prendiamoci un momento insieme a loro per condividere la scelta di alcuni aspetti relativi ai compiti da svolgere nelle vacanze: se studiare quotidianamente, quante ore al giorno, in quale momento della giornata...
Lo scopo della condivisione è quello di non far vivere come imposizione queste attività, facilitandone pertanto un approccio maggiormente positivo.

311

Rendere il momento di studio una parentesi piacevole

Il periodo della scuola è particolarmente impegnativo e faticoso per molti bambini, proviamo, almeno nelle vacanze, quando abbiamo più tempo e meno impegni da rincorrere, a ritagliare uno spazio/studio il più possibile sereno e piacevole. Come?
Ad esempio consentendo ritmi più lenti, scherzando e affrontando anche qualche errore o svista in modo divertente, incoraggiando a trovare collegamenti tra ciò che si sta studiando e i momenti piacevoli che si stanno vivendo in vacanza.

Continua la lettura
411

Favorire la concentrazione

Questa regola non necessita di grandi spiegazioni.
Grandi o piccini, a scuola o in vacanza, quando si affronta un lavoro importante l'attenzione deve essere il più possibile orientata a quello, eliminare quindi qualsiasi possibile fonte di distrazione.
Niente TV, telefoni, videogiochi, riviste, album o giornalini che possano ostacolare la concentrazione sui compiti.

511

Stabilire il tempo da dedicare allo studio in base alle esigenze del bambino

Ciascun bambino ha propri ritmi di apprendimento, attenzione e concentrazione. Sarebbe inutile (soprattutto in vacanza!) costringere un bambino che non ne ha voglia ad affrontare tempi di studio che non riesce a reggere. È preferibile dedicare anche soltanto un'ora al giorno ai compiti piuttosto che costringere un bambino a tempi prolungati di studio.

611

Alternare gli argomenti di studio

Per favorire l'attenzione dei bambini durante lo svolgimento dei compiti (non soltanto in vacanza) è buona norma che non si dedichino ripetutamente e per tempi eccessivi allo stesso argomento o materia. È positivo cambiare anche tipologia di studio, se hanno in precedenza affrontato un argomento orale/astratto per risvegliare l'attenzione dei bambini è bene passare successivamente ad un argomento più pratico e concreto.

711

Favorire l'autonomia nello svolgimento dei compiti

Quello del genitore è per certi versi un ruolo da funambolo, dovendosi muovere in molte circostanze in perfetto equilibrio tra ruoli e comportamenti spesso opposti.
Favorire l'autonomia nello svolgimento dei compiti significa per un genitore lasciare che affronti il lavoro con i propri strumenti e le proprie risorse, lasciare che provi, sbagli e riprovi nuovamente; significa però anche essere presente in caso di richiesta di supporto, per fornire un chiarimento o una spiegazione e aiutare a creare quei collegamenti tra studio ed esperienza vissuta che sono fondamentali per un apprendimento attivo e non superficiale.

811

Stabilire dei periodi di "non studio"

In base alla durata delle vacanze e alla quantità dei compiti da svolgere, è importante che i bambini per un po' stacchino completamente dal lavoro scolastico.
Nella pausa estiva, ad esempio, si può decidere di iniziare i compiti delle vacanze dopo 10- 15 giorni dalla chiusura della scuola, questa pausa consentirà di riprendere lo studio con maggiore voglia e motivazione.

911

Stabilire piccoli premi e gratificazioni

Sappiamo quanto siano importanti per i nostri bambini i riconoscimenti in caso di successo dopo un lavoro impegnativo!
La regola è valida anche durante le vacanze, come premi non abbiamo che l'imbarazzo della scelta:  un bagno un po' più lungo al mare, un gelato in più, un'escursione divertente.

1011

Non organizzare ogni fase della giornata

Oltre che stabilire, insieme ai bambini, tempi e momenti preferibili per lo svolgimento dei compiti, è opportuno non riempire le giornate di impegni che, seppur piacevoli, potrebbero non lasciare spazio al riposo, alla lentezza e perché no, anche alla noia, considerata nemico infido di ciascuno di noi ma che è spesso utile a stimolare fantasia e creatività.

1111

Concedere delle deroghe, in alcuni casi

Ok l'organizzazione, perfetta la pianificazione, necessaria la regolamentazione (ma condivisa) del lavoro scolastico da svolgere per le vacanze, ma se qualche volta tutto ciò dovesse saltare, per un impegno nuovo, per una giornata un po' storta ed anche perché il bambino ha un momento un po' così non facciamone un dramma, siamo in vacanza e possiamo concederci anche la libertà di stravolgere i nostro piani!

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come motivare un bambino a fare i compiti

Tutti siamo stati bambini e come tali, ci ricorderemo sicuramente quando arrivava il momento di fare i compiti: avremmo preferito uscire a giocare con i nostri coetanei, invece ci toccava stare in casa a svolgere i compiti per il giorno dopo. I nostri...
Bambino

Come aiutare il bambino da 0 a 3 mesi a dormire

Il sonno è fondamentale per la serenità del bambino. L'alternanza tra le ore di veglia e quelle dedicate al riposo assicura al piccolo una corretta scansione della giornata. I neo genitori devono quindi aiutare il bambino a trovare il ritmo adeguato...
Bambino

Come aiutare il bambino a superare un lutto

Perdere una persona cara succede prima o poi a tutti. Se la persona è un familiare molto stretto, come un genitore, un fratello o un nonno, la vita non sarà mai più come prima. Quando la perdita accade ad un bambino, gli adulti non sanno proprio come...
Bambino

Come aiutare un bambino a superare la paura dei cani

Chiunque può avere paura dei cani ma capita più frequentemente nei bambini che, pur non essendo mai stati morsi dall'animale, ne hanno timore. Questo succede perché il loro comportamento vivace mette i cani in condizione di euforia o rabbia, che li...
Bambino

Come aiutare un bambino a superare la perdita di un cane

La perdita del proprio cane è un evento luttuoso. Si prova un dolore identico alla scomparsa di una persona cara. Si dà per scontato che un cane viva meno di un essere umano. Eppure, quando questo splendido animale muore, in casa resta un enorme vuoto....
Bambino

Come aiutare un bambino ad esprimersi

Ogni bambino è un mondo tutto da scoprire che racchiude in sé bisogni, sentimenti, emozioni, paure, angosce spesso per lui difficili da esprimere. Un adulto in grado di cogliere i suoi vissuti e di comprendere e soddisfare le sue richieste facilita...
Bambino

Come aiutare un bambino timido

Come è possibile riuscire ad aiutare efficacemente un qualsiasi bambino timido? Qualora il vostro piccolo soffra di timidezza, è necessario cercare di incoraggiarlo a reagire, in modo che si possa inserire bene all'interno di un gruppo di persone coetanee,...
Bambino

Come aiutare un bambino con difficoltà di linguaggio

Lo sviluppo del linguaggio avviene in tempi diversi. Il bambino apprende le parole più elementari dai genitori, dai fratellini o dalle sorelline. I fattori biologici ed ambientali contribuiscono ad accrescere il suo vocabolario. Tuttavia, si possono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.