10 modi per consolare un bambino che piange

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

Il bambino, in genere, non conosce molti mezzi espressivi, specialmente se neonato e incapace di comunicare a parole. Pertanto, un veicolo di comunicazione efficace è rappresentato dal pianto, con cui il bambino tenta di far comprendere i propri bisogni, attirare l'attenzione su di sé o esprimere un fisiologico e quanto mai naturale capriccio. È compito della persona adulta determinare la causa delle sue lacrime e, di conseguenza, mettere fine ad esse. Ecco qui di seguito 10 modi per consolare un bambino che piange.

211

Assecondare i suoi bisogni

Partendo dalla più tenera età, ovvero quando il bambino è un neonato, la fame, la sete, il bisogno di dormire e il bisogno di essere in braccio alla madre sono le cause più frequenti del suo pianto. Per far smettere il pianto del bambino in uno di questi casi, non si deve far altro che assecondare la sua necessità.

311

Fargli dei massaggi

Non è raro che il neonato pianga per un malessere fisico, soprattutto dovuto alle coliche che si manifestano nei primi mesi di vita. Il bambino in preda a queste dolorose colichette non desidera altro che dei massaggi: il contatto con le vostre mani è, per il piccolo, un toccasana ed ha una funzione completamente rilassante.

Continua la lettura
411

Dargli il ciuccio

Il filosofo austriaco Sigmund Freud ci insegna che la suzione è il primo stimolo del bambino. Infatti, secondo questi studi, è proprio il piacere proveniente dalla suzione che induce il bambino ad allattare, e quindi a sopravvivere. Oltre ad essere un'alternativa al capezzolo, il ciuccio ha un effetto benevolo per il neonato in lacrime, e per intensificare il piacere molte madri immergono il ciuccio nel miele (senza esagerare).

511

Farlo muovere

Sono tanti i bambini che piangono non appena vengono riposti nella culla. Questo perché i bambini amano il movimento: cullarlo, parlargli mentre lo si culla fino a che non si addormenta, certamente potrebbe essere una buona soluzione per placare il suo pianto.

611

Fare la mamma canguro

Molto spesso il bambino reclama semplicemente la presenza materna: dopo 9 mesi di simbiosi tra madre e figlio, quest'ultimo difficilmente può rinunciare alla propria àncora, la madre. Allora, portarlo sempre con voi, almeno finché non diventa troppo pesante, molto spesso può essere una soluzione per far smettere il bambino di piangere: non vi resta che acquistare una fascia o un marsupio stile madre canguro. In questo modo, potrà stare con voi mentre sbrigate qualche piccola faccenda domestica e, al tempo stesso, beneficiare del movimento (anche se la vostra schiena ne risentirà sicuramente!)

711

Fargli ascoltare la vostra voce o la musica

La voce della madre è paragonabile al canto dell'usignolo per il neonato. La voce materna ammalia il bambino più del canto delle sirene. Cantargli la ninna nanna, soprattutto se il bambino si agita perché vuole stare con voi, o semplicemente per un capriccetto, potrebbe essere una buona idea. O se non volete cantare, basta sintonizzare la radio su un canale di musica classica, o accendere la televisione su un programma di cartoni animati per acquietare il vostro cucciolo.

811

Comprargli dei giocattoli farmaceutici adatti

Se il bambino piange a causa del classico mal di denti, inevitabile man mano che i mesi passano, non c'è molto da fare. È un processo lento e doloroso e da cui tutti siamo passati: non vi resta che comprare dei giocattolini di gomma che servono proprio a fargli sfogare il dolore per i denti.

911

Coccolarlo

Le coccole, poi, si sa, fanno miracoli. Spesso e volentieri il bambino piange a calde lacrime semplicemente perché vuole attirare l'attenzione: il bambino è un piccolo Narciso che solo la madre può capire. Coccolarlo spesso è una gioia incontenibile per il bambino, che percepisce attraverso le vostre attenzioni l'amore materno.

1011

Parlargli come se fosse adulto

Quando il bambino cresce, anche i problemi aumentano. A 2 o 3 anni, i motivi delle sue lacrime sono legati a dei semplici capricci. In questi casi, il modo migliore per arginarli è parlargli da persone adulte. Non serve rimproverarlo duramente, o picchiarlo come fanno molti genitori. I bambini non sono più stupidi di noi adulti, per cui parlare loro può servire a farli ragionare .

1111

Scendere a compromessi

Mentre il bambino piange, parlargli e scendere a compromessi (ragionevoli) può farlo maturare, oltre a mettere fine alle sue lacrime. Per esempio, se il bambino piange perché non vuole mangiare le verdure, bisogna fargli capire - ad esempio- che se mangerà il piatto di verdure, il giorno dopo la mamma sarà disposta a preparargli le patatine fritte o qualunque altro cibo di cui i bambini sono ghiotti. In questo modo, il bambino capirà che nella vita bisogna guadagnarsi le cose attraverso sforzi e sacrifici.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

5 modi per consolare un bambino

I bambini provano sicuramente diverse emozioni in base a ciò che gli accade. Sia i bambini molto piccoli che quelli più grandi, possono anche offendersi o star male per qualcosa ed è quindi necessario sempre provvedere a consolarli nel modo giusto...
Bambino

Come gestire un bambino che piange in macchina

Il bambino che piange in macchina è una delle situazioni più complicate da gestire. Il pianto nel bambino, così come nell'adulto, è una manifestazione di malessere, sia esso di natura fisiologica che emotiva. Vostro figlio o il bambino in questione...
Bambino

Come gestire un bambino che piange dal dottore

Lattanti e bambini più o meno grandi possono piangere per svariati motivi. Il pianto, infatti, è uno dei primi mezzi di comunicazione che un bambino adotta per comunicare con il mondo circostante. I bambini, soprattutto i più piccoli, sanno bene, infatti,...
Bambino

Come tranquillizzare un bambino che piange

Quando si ha a che fare con un bambino piccolo, molti genitori vanno in crisi quando lo sentono piangere, perché non sanno come comportarsi o calmare il loro piccolino. Di solito quando si tratta di un neonato, è difficile capire cosa provochi tale...
Bambino

5 modi per provare a calmare un neonato che piange

Il pianto di un neonato può essere provocato da diversi fattori quali ad esempio stanchezza, fame, coliche, pannolino sporco, sete, temperatura troppo bassa oppure eccessivamente elevata e molti altri ancora. Il compito, non sempre facile, di chi si...
Bambino

5 modi per gratificare un bambino

L'educazione di un bambino, si sa, è parecchio complicata ed è basata su un equilibrio molto sottile in cui non è sempre ben distinguibile ciò che potrebbe essere positivo e ciò che potrebbe, al contrario, arrecare un danno. Comunemente l'educazione...
Bambino

Come comportarsi quando un neonato piange

Piccoli, indifesi e teneramente meravigliosi! Eppure i piccoli appena nati non sono solamente dei teneri "cuccioli" d'uomo da vezzeggiare, ma hanno specifiche necessità che vanno rispettate. Il pianto nei neonati è il primissimo contatto utilizzato...
Bambino

Motivi per cui un neonato piange

Poiché tutti i bambini non hanno ancora l'uso della parola, l'unico metodo di comunicazione che ha un neonato per farsi capire dai genitori o da chi gli sta intorno è il pianto. Ogni qual volta che sente il bisogno di comunicare qualcosa infatti l'unico...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.