10 modi per aiutare un bambino poco socievole

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il mestiere del genitore è quello più difficile di tutti: crescere un figlio non è mai un'impresa facile e di certo nessuno è così perfetto, da non sbagliare mai. Tuttavia mettere su famiglia è sempre una bellissima cosa, un importante sogno ed anche uno sviluppo non indifferente nella vita di due persone innamorate. Ma crescere un figlio non è facile per molti motivi: economici, morali, ecc. Capita che un bambino abbia dei problemi, non a livello di benessere fisico, bensì di benessere morale. Talvolta un bimbo può rivelarsi un po' timido, chiuso, taciturno e poco socievole. Di certo tutto ciò non è di vitale preoccupazione, ma si tratta comunque di un qualcosa su cui dovrete intervenire. Interagire con altri bambini è molto importante per tutti, sia per voi genitori che per vostro figlio stesso. Ma cosa potreste fare se vostro figlio è poco socievole? Ed è proprio di questo che vi parlerò in questa lista, nello specifico vi elencherò i 10 modi per aiutare un bambino poco socievole.

26

Occorrente

  • Un esperto
  • Un cane
  • Vari corsi artistici
36

Sfruttare il consulto di un esperto

Un bambino può rivelarsi poco socievole per vari motivi: sia per carattere, magari ereditato da un genitore, sia per dei problemi a relazionarsi, ecc. Il consulto di un esperto è un opzione che dovreste valutare per aiutare vostro figlio ad essere più socievole: magari dietro questo disagio, ne è nascosto un altro. Eliminando la radice del problema, risolverete il problema stesso. Potreste anche sfruttare il consulto di libri che parlino d'infanzia, o adolescenza, qualora vostro figlio si trovi in quel momento della sua vita. Si sa che l'adolescenza è un momento difficile, e che comporta varie problematiche, dunque non dovrete drammatizzare neanche in questo caso.
Un altro esperto che potreste consultare è un po' diverso dal classico tipo: si tratta di un animale.
Anche se un cane non parla come una persona, potrebbe rivelarsi di incoraggiamento per vostro figlio, aiutandolo ad uscire di casa e ad interagire con qualcuno, per aprirsi al mondo.

46

Sfruttare dei corsi e delle gite

I modi per socializzare, una volta chiesto l'eventuale consulto di un esperto, sono davvero tanti. Ve ne elenco quattro che potreste sfruttare. Il primo è la danza: la danza è un ottimo modo per socializzare. Attraverso essa si viene a contatto col proprio corpo ed anche con quello di un'altra persona, se si tratta di ballo di coppia. In più casi, anche nel mondo dello spettacolo, la danza si è rivelata un'ottima alleata per la risoluzione problemi quali la timidezza e la difficoltà a socializzare. Sfruttare dei corsi di ballo per vostro figlio, è un opzione che dovreste considerare.
Oltre alla danza, e come seconda opzione, anche il teatro potrebbe rivelarsi di grande aiuto per il vostro bambino: quando si ha a che fare con il mondo del teatro, socializzare diventa molto più semplice. A meno che non si tratti di un monologo, di solito vi è un'intera compagnia teatrale che organizza piccoli, medi e grandi spettacoli. Indirizzarlo verso uno di questi corsi potrebbe essere un'ottima idea per aiutarlo a socializzare, mettendolo a contatto col pubblico.
Tuttavia è bene che facciate caso anche alle preferenze del vostro bambino: se esso protende verso il calcio, oppure un altro sport, è bene indirizzarlo verso esso, e spronarlo nel coltivare tale hobby. Il terzo suggerimento valido per aiutarlo a socializzare riguarda la chiesa: qualora siate religiosi potreste sfruttare un corso di catechismo, o qualcosa del genere, per fare in modo sia a contatto con la gente ed impari a socializzare.
Il quarto suggerimento che potreste sfruttare riguarda le gite di classe: lasciate che vada tranquillamente in gita, anzi spronatelo a farlo qualora non voglia. Le gite di classe sono ottime per aiutare il vostro bambino a staccarsi da voi ed anche a socializzare.

Continua la lettura
56

Sfruttare le situazioni giuste

Oltre ad una serie di corsi già elencati (dalla danza al teatro, al calcio, passando addirittura per la chiesa) anche sfruttare le occasioni giuste potrebbe essere un valido aiuto per vostro figlio. Per aiutarlo a socializzare potreste attuare una di queste cinque idee. La prima riguarda l'invitare a casa vostra dei bambini, compagni di classe o altro, che esso conosce. Potreste farlo per una festa o semplicemente per farli studiare tutti insieme.
La seconda invece riguarda l'incentivare la partecipazione di vostro figlio, alle attività proposte dalla scuola o dai vostri amici, o dai parenti.
Incoraggiatelo sempre ad uscire di casa, ad uscire almeno con un amico o amica, non lasciate che si chiuda in casa e stia per conto suo il più del tempo: è proprio questo il terzo aiuto che potreste provare. Incentivatelo anche, se vostro figlio sarà nell'età giusta, nella ricerca di un piccolo lavoretto: in questo modo non solo sarà più indipendente, ma sarà costretto a socializzare e imparerà ad aprirsi.
Ed infine, come quinto aiuto che potreste sfruttare per rendere più socievole il vostro bambino, potreste indirizzarlo verso delle iniziative benefiche o di volontariato.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Siate sempre un supporto positivo per vostro figlio, e non fategli mai pesare il suo essere poco socievole.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come aiutare il bambino a superare un lutto

Perdere una persona cara succede prima o poi a tutti. Se la persona è un familiare molto stretto, come un genitore, un fratello o un nonno, la vita non sarà mai più come prima. Quando la perdita accade ad un bambino, gli adulti non sanno proprio come...
Bambino

Come aiutare il bambino da 0 a 3 mesi a dormire

Il sonno è fondamentale per la serenità del bambino. L'alternanza tra le ore di veglia e quelle dedicate al riposo assicura al piccolo una corretta scansione della giornata. I neo genitori devono quindi aiutare il bambino a trovare il ritmo adeguato...
Bambino

Come aiutare un bambino a superare la balbuzie

La balbuzie è un'alterazione del linguaggio. È caratterizzata dall'uso di suoni ripetitivi o prolungati. Sono frequenti delle pause tra una parola e l'altra. A volte ci sono dei veri e propri blocchi nella fonazione. Il balbuziente formula un pensiero,...
Bambino

Come aiutare un bambino a superare la paura dei cani

Chiunque può avere paura dei cani ma capita più frequentemente nei bambini che, pur non essendo mai stati morsi dall'animale, ne hanno timore. Questo succede perché il loro comportamento vivace mette i cani in condizione di euforia o rabbia, che li...
Bambino

Come aiutare un bambino a superare la perdita di un cane

La perdita del proprio cane è un evento luttuoso. Si prova un dolore identico alla scomparsa di una persona cara. Si dà per scontato che un cane viva meno di un essere umano. Eppure, quando questo splendido animale muore, in casa resta un enorme vuoto....
Bambino

Come aiutare un bambino ad esprimersi

Ogni bambino è un mondo tutto da scoprire che racchiude in sé bisogni, sentimenti, emozioni, paure, angosce spesso per lui difficili da esprimere. Un adulto in grado di cogliere i suoi vissuti e di comprendere e soddisfare le sue richieste facilita...
Bambino

Come aiutare un bambino con difficoltà di linguaggio

Lo sviluppo del linguaggio avviene in tempi diversi. Il bambino apprende le parole più elementari dai genitori, dai fratellini o dalle sorelline. I fattori biologici ed ambientali contribuiscono ad accrescere il suo vocabolario. Tuttavia, si possono...
Bambino

Come aiutare un bambino a farsi degli amici

Una sana vita sociale fin da piccoli aiuta a formare adulti felici e consapevoli. Ecco perché è importante che i genitori aiutino il proprio bambino a superare eventuali resistenze nel confrontarsi con gli altri compagni di gioco e di scuola. È bene...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.