10 consigli per stimolare il linguaggio del bambino

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

La capacità comunicativa verbale dei bambini comincia a prendere forma già nei primi mesi di vita con il pianto, ma è solo tra i 12 ed i 18 mesi che i piccoli cominciano ad articolare le prime frasi composte. Ogni bambino ha i suoi tempi, anche se esistono delle indicazioni generali sulle capacità che ogni bambino dovrebbe aver acquisito in base alla sua età. Quello che è certo è che lo sviluppo del linguaggio è influenzato soprattutto dall'ambiente esterno, dunque noi adulti abbiamo la responsabilità di aiutare i nostri piccoli nell'apprendimento verbale, aiutandoli con stimoli ben precisi. Vediamo quindi 10 consigli utili per stimolare il linguaggio del bambino.

211

Incoraggiare l'ascolto

Contrariamente a quanto si possa pensare, la stimolazione più efficace non consiste nell'incoraggiare il bambino a parlare, bensì ad ascoltare. È infatti con l'ascolto che il piccolo metterà a punto la sua capacità di elaborazione delle parole. Parliamogli quindi molto, in modo chiaro e lento, affinché possa percepire al meglio quanto gli stiamo dicendo.

311

Leggere ad alta voce

Questo secondo consiglio è strettamente legato al precedente in quanto uno dei modi migliori per incoraggiare l'ascolto dei bambini è quello di leggere loro a voce alta. Scegliamo libri adattai al contesto, semplici, che raccontino le nostre azioni quotidiane e che siano possibilmente accompagnati da illustrazioni che favoriscano la comprensione e catturino la loro attenzione.

Continua la lettura
411

Contestualizzare le parole

I discorsi che rivolgiamo ai nostri bambini dovrebbero sempre essere contestualizzati, quindi riferiti a ciò che ci sta intorno, a quello che stiamo facendo, a quello che possiamo vedere in quel preciso momento. In questo modo i piccoli avranno un immediato riferimento visivo, cui ricondurre le nostre parole. Ad esempio, spieghiamo loro quello che in quel momento sta facendo il nostro animale domestico, piuttosto che un'altra persona presente.

511

Correggere gli errori

Naturalmente non possiamo pretendere che il bambino impari immediatamente a pronunciare le parole nel modo corretto, quando però ci accorgiamo di qualche errore dobbiamo imparare a correggerlo, senza ovviamente sgridarlo o prenderlo in giro, affinché il piccolo possa interiorizzare e ricordare la giusta pronuncia. Fare finta di niente sarebbe sbagliato.

611

Parlare in modo corretto

Questo quinto consiglio si lega direttamente al precedente. Per aiutare i nostri bambini ad apprendere la giusta pronuncia delle parole dobbiamo essere noi stessi i primi a parlare in modo corretto. Molti adulti amano storpiare le parole per renderle più simpatiche o carine (spesso infatti si ricorre all'uso di vezzeggiativi inventati), ma questo non è il metodo migliore per aiutare i piccoli. Usiamo parole semplici ma diciamole in modo corretto.

711

Non ripetere di continuo le parole

Molti adulti ripetono costantemente la stessa parola con la speranza che questa possa essere interiorizzata e quindi ripetuta dal bambino. Nemmeno questa è la strategia giusta. Insistere troppo potrebbe infatti infastidire il piccolo che potrebbe reagire male causando l'effetto opposto: il rifiuto di quella determinata parola.

811

Non insistere con le domande

Un'altra pratica molto diffusa è quella di "costringere" i bambini a raccontare qualcosa ponendo loro domande continue. Questo avviene soprattutto quando vogliamo rendere partecipi amici e parenti dei progressi fatti dai nostri figli. I bambini però dovrebbero potersi esprimersi liberamente, le domande dirette servono per informasi, non per incitare i piccoli a dire per forza qualcosa.

911

Creare un ambiente adatto alla comunicazione

Quando comunichiamo con i nostri bambini dobbiamo assicurarci che anche l'ambiente esterno sia favorevole. Evitiamo quindi i rumori troppo forti o la televisione accesa, che potrebbero distogliere l'interesse dei nostri piccoli. Quando parliamo con loro guardiamoli negli occhi ed assicuriamoci che la loro attenzione sia concentrata esclusivamente verso di noi.

1011

Rispettare i turni di parola

Così come noi adulti non amiamo essere interrotti dai nostri interlocutori, allo stesso modo i nostri piccoli hanno il diritto di portare a termine quanto stanno dicendo. Non interrompiamoli di continuo perché magari non capiamo perfettamente ciò che vogliono dirci o perché commettono errori nella pronuncia. Rispettiamo sempre i loro tempi e permettiamo loro di concludere i loro discorsi, anche se non sono del tutto sensati, quando avranno finito potremmo porre delle domande o correggerli.

1111

Usare il linguaggio non verbale

Infine vogliamo ricordare che il linguaggio non verbale è altrettanto importante di quello verbale nell'apprendimento dei bambini. Quando spieghiamo qualcosa ai più piccoli possiamo aiutarci con i gesti, indicando per esempio gli oggetti o le persone di cui stiamo parlando o mimando le azioni che vogliamo descrivere. Questo metodo li aiuterà senz'altro ad esprimersi con più facilità ed ad interiorizzare più velocemente il significato delle parole.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Giocattoli: quali scegliere per i bambini da 0 a 3 anni

I primi tre anni di vita di un bambino sono fondamentali per la sua crescita e il suo sviluppo, non solo fisico ma anche comportamentale ed emotivo. Per un bambino piccolo ogni giorno è una nuova scoperta e sicuramente con l'aiuto dei giocattoli giusti...
Bambino

Come stimolare la curiosità del bambino

In questo articolo vi spiegherò come stimolare la curiosità del bambino. La curiosità è presente nel bambino già dalla prima infanzia, e la curiosità è il motore che muove tutte le scoperte e le esperienze. Stimolare la curiosità del bambino si...
Famiglia

Giochi bebè: 5 attività per stimolare lo sviluppo psicofisico

I primi mesi di vita del piccolo sono scanditi da scoperte, traguardi e nuove acquisizioni che i genitori devono incoraggiare predisponendo opportune attività, così da dare enfasi e stimolare le sue abilità motorie e coordinative insieme alle competenze...
Bambino

Come stimolare un bambino a camminare

Quando un bambino inizia a camminare? Senza dubbio quando glielo consentono le strutture ossee e muscolari ma anche quando tutte le funzioni neurologiche che permettono la marcia sono appropriatamente mature. Un altro aiuto fondamentale, quando il bambino...
Bambino

Come stimolare la drammatizzazione del bambino con il gioco del risveglio

Quando si ha un bambino è molto utile, fin dai primi anni, fare in modo che la sua capacità di drammatizzazione sia già molto alta, questa particolare caratteristica potrà aiutare il bambino nel futuro in particolari situazioni. In questa guida vi...
Bambino

Come stimolare un bambino a parlare

Le mamme sono abituate ad avere tutto sotto controllo, ma se un bambino decide di non voler imparare a parlare è finita: non parlerà. E così le mamme di tutto il mondo si incontrano nei blog o nei forum per discutere di questo problema a prima vista...
Bambino

5 consigli per stimolare olfatto e gusto nei bambini

L'olfatto e il gusto sono due dei cinque sensi che camminano in coppia. Non è facile separarli specialmente quando si è di fronte ad una bella torta profumata. In questo caso infatti si mette in moto prima l'olfatto, che acquisendo l'odore della torta...
Bambino

Come insegnare a parlare ai bambini

A partire dai primi mesi di vita dei bambini, uno dei momenti più attesi, per ogni genitore, è quello di sentir pronunciare le prime parole al proprio figlio. Perché ciò avvenga è molto importante stimolare i bimbi nel modo giusto, affinché sviluppino...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.