Marsupio terapia: guida ai benefici

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

La "Marsupio terapia", nota anche come "kangaroo mother care", è un metodo assistenziale rivolto ai bambini nati pretermine, ispirato ai marsupiali australiani. Adottata dai pediatri della Colombia al fine di ridurre sensibilmente la mortalità cui andava incontro la maggior parte dei neonati prematuri, questa terapia ha aperto una nuova prospettiva alla neonatologia dei paesi in via di sviluppo che dispongono di inadeguate strutture ospedaliere. Grazie alla sua comprovata efficacia, la Kangaroo mother care ha raccolto consensi e trovato applicazione nelle cliniche dei paesi industrializzati per rendere meno medicalizzate e più umane le cure rivolte ai piccoli nati da gestazione anticipata. Questa terapia, estesa anche ai neonati nati a termine, consiste nel contatto epidermico tra madre e bambino, il quale, nudo, viene posto sul seno materno in posizione eretta e con l'orecchio sul torace, in modo da sentire il battito cardiaco del genitore. Ciò consente, in una certa misura, di ricreare l'ambiente prenatale che ha caratterizzato la vita fetale. Ecco una preziosa guida ai suoi benefici.

24

Tra i vantaggi fisico- biologici della Marsupio terapia vanno menzionati:
La stabilità e la regolazione termica
Il miglioramento dei parametri respiratori con riduzione sino alla scomparsa delle apnee
La stabilizzazione della frequenza cardiaca e scomparsa delle bradicardie
I migliori livelli di ossigenazione
L'aumento del peso con riduzione della degenza ospedaliera.

34

Risvolti positivi, fisici e affettivi, si registrano anche nella madre. La Marsupio terapia, infatti, stimola l'allattamento materno, aiuta a sviluppare competenza e sicurezza nell'accudimento del piccolo, riduce sensibilmente il senso di impotenza che attanaglia la mamma quando il neonato è prematuro e consente una più decisa assunzione del ruolo genitoriale, appagando il forte desiderio di contatto e partecipazione durante i primi giorni di vita del figlio. Per i suoi vantaggi fisici, emozionali e affettivo-relazionali, la Kangaroo mother care viene estesa anche ai bambini nati con gestazione regolare. Sembra che, con questa pratica, i piccoli piangano meno, dimostrino un maggiore stato di quiete e serenità, presentino un più rapido sviluppo delle capacità psicomotorie nonchè un più intimo rapporto con la madre. Un ruolo centrale assume, inoltre, la figura paterna che può prestarsi a tale pratica condividendo più intimamente l'accudimento del piccolo e instaurando un più stretto rapporto affettivo con il figlio.

Continua la lettura
44

Non meno importanti risultano essere i vantaggi relativi alla sfera affettivo-relazionale. Questa pratica, infatti, rende più graduale l'adattamento alla vita extrauterina, infonde serenità al bambino, promuove un più intimo rapporto tra madre e figlio, rinsalda gli elementi di comunicazione e di riconoscimento reciproco, determina uno stato di quiete, aiuta la ragolazione dello stress conseguente all'abbandono della vita prenatale, aumenta il senso di sicurezza e protezione, crea una sorta di feed-back tra l'organismo materno e quello del neonato.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

5 modi per provare a calmare un neonato che piange

Il pianto di un neonato può essere provocato da diversi fattori quali ad esempio stanchezza, fame, coliche, pannolino sporco, sete, temperatura troppo bassa oppure eccessivamente elevata e molti altri ancora. Il compito, non sempre facile, di chi si...
Bambino

5 modi per coccolare il neonato

Il contatto fisico per un neonato è estremamente importante e non bisogna pensare che un bambino appena nato voglia stare sempre in braccio semplicemente per un suo capriccio. Del resto, dopo nove mesi trascorsi nel grembo materno è normale che abbia...
Bambino

Come indossare una fascia porta-bebè

Avete mai pensato alla fascia porta-bebè come valida alternativa al classico marsupio? A differenza del marsupio, infatti, la fascia garantisce al neonato e alla mamma una piacevole comodità, tepore e protezione. Le posizioni da sperimentare variano...
Bambino

10 suggerimenti per calmare il pianto di un neonato

Ogni genitore alle prese con un neonato può raccontare di avere sperimentato innumerevoli metodi, classici, consigliati o inventati, per calmare il bambino in lacrime, a volte con successo e altre inutilmente. Il pianto di un bambino non può passare...
Bambino

Ortoterapia: cos'è e a cosa serve

Ortoterapia è il termine con cui si indica la terapia della coltivazione; si tratta di una pratica riabilitativa che risale alla fine del 1800, quando negli Stati Uniti nacquero le prime serre a scopo terapeutico, per giungere nel secolo scorso a veri...
Bambino

Come affrontare le coliche del neonato

Le coliche sono il cruccio per tutte le mamme di neonati. Infatti queste colpiscono un gran numero di bambini piccoli. Si presentano all'incirca un ora dopo il pranzo. Sono difficili da prevenire e da evitare. In questa guida cercheremo di fornire le...
Bambino

10 modi per consolare un bambino che piange

Il bambino, in genere, non conosce molti mezzi espressivi, specialmente se neonato e incapace di comunicare a parole. Pertanto, un veicolo di comunicazione efficace è rappresentato dal pianto, con cui il bambino tenta di far comprendere i propri bisogni,...
Bambino

5 trucchi per calmare il neonato che piange spesso

Ogni neonato è diverso dall'altro. C'è il bimbo che non piange quasi mai, e quello che, invece, lo fa spesso! Ciò che accomuna tutti, però, è lo scopo del pianto, ovvero: comunicare. Il neonato, infatti, non ha altro modo per far capire che qualcosa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.