L'udito nel neonato

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'udito rappresenta il senso più sviluppato, al momento della nascita del neonato. Basti pensare, infatti, che già all'interno del feto il neonato è in grado di avvertire i suoni, anche se naturalmente gli arrivano attutiti ed ovattati, a causa del liquido amniotico. In questa guida, il nostro obiettivo è quello di farvi conoscere meglio l'udito del neonato, scoprendo quali sono le sue sensazioni, le varie fasi che affronta e gli eventuali problemi che possono insorgere.

25

I neonati avvertono i suoni

Come abbiamo indicato in sede di introduzione, l'udito è presente e sviluppato nel neonato già molto tempo prima della sua nascita. Oltre al fatto che i neonati sono in grado di riconoscere i suoni, un altro aspetto da chiarire riguarda l'intensità degli stessi. In buona sostanza, a differenza di quello che si pensa, i neonati preferiscono i suoni alti rispetto a quelli bassi. Il neonato è in grado, dal secondo/terzo mese di vita, di dirigere lo sguardo e la testa verso la fonte del suono. In lui è già sviluppato il collegamento tra la vista e l'udito. I neonati, in altre parole, adorano la voce umana, e preferiscono particolarmente quella femminile.

35

Il riflesso di Moro

Basti pensare che al momento della nascita, il neonato è in grado di riconoscere la voce materna e addirittura una canzone che solitamente ha ascoltato quando si trovava all'interno dell'utero materno. A questo punto, è necessario spiegare in cosa consiste il “riflesso di Moro”. In poche parole, consiste in quella reazione spontanea ed involontaria che il bambino presenta quando sente dei rumori forti. In pratica, in quelle circostanze sarà possibile vedere sussultare il neonato, oltre a sbattere le palpebre e ad allargare le braccia, aprendo le dita della mano.

Continua la lettura
45

Verifica dell'udito

È possibile verificare autonomamente l'udito del proprio bambino, effettuando dei piccoli test. Per i bambini al di sotto dei tre mesi di età, è fondamentale cercare di attirare l'attenzione, battendo le mani dietro la sua testa. Se il bambino sobbalza, significa che sta in buone condizioni di salute. Dai tre ai sei mesi, è consigliabile chiamarlo per nome, in quanto si vedrà la sua reazione al suono della voce. Dai sei ai dieci mesi, invece, chiamandolo per nome si potrà riscontrare se risponde al suono, magari anche soltanto con un verso oppure con un sorriso. Dai dieci ai quindici mesi, inoltre, è necessario provare a fargli indicare degli oggetti a lui familiari, come la palla, il cane o un parente stretto. È fondamentale ricordarsi che è molto importante risolvere eventuali problemi legati all'udito, necessariamente prima dei sei mesi, in modo tale da aiutarli a sviluppare meglio.

55

Problemi dell'udito e risoluzione

Esistono anche determinate circostanze che potrebbero limitare le capacità uditive del bambino, le quali possono verificarsi prima della sua nascita, oppure nei primi mesi di vita o nel corso dell'infanzia. Ad esempio, il tappo di cerume, la presenza di oggetti estranei, un'infezione batterica chiamata orecchio del nuotatore, e l'otite, sono le cause principali di anomalie legate ad una ridotta capacità uditiva del bimbo. Sono presenti anche dei casi di sordità congenita, magari preesistenti fin dalla nascita, che possono essere risolti con l'utilizzo di apparecchi acustici. Fondamentale è stimolare l'udito del bambino. Un metodo efficace, ovviamente, è l'uso della comunicazione. È importantissimo che si parli spesso al bambino, oppure che si canti una canzone, o lasciarlo ascoltare della musica. Riveste una certa importanza anche il gioco, come strumento indispensabile per stimolare l'udito.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come spiegare i 5 sensi ai bambini

Man mano che i bambini crescono, hanno la necessità di imparare cose nuove. I genitori devono affrontare l'arduo compito di insegnare ai loro figli tutti e 5 i sensi. Molte volte questo si può fare entrando in contatto con il bambino mettendosi dalla...
Bambino

5 modi per far divertire il neonato

Diventare genitore è qualcosa che ti cambia la vita e le abitudini. Nessuno può immaginarsi prima cosa possa significare avere un neonato in casa che dipende in tutto e per tutto da te. Anche se spesso non è facile, se si ha molta buona volontà, è...
Bambino

I migliori giochi educativi per bambini

Il gioco, costituisce per i bambini una fonte di apprendimento e crescita sia fisica che psichica. Giocando, il bambino sperimenta lo spazio e gli oggetti, supera problemi di natura psicologica, tipici dell'età ed impara molto. Per questo motivo i giochi...
Bambino

5 modi per provare a calmare un neonato che piange

Il pianto di un neonato può essere provocato da diversi fattori quali ad esempio stanchezza, fame, coliche, pannolino sporco, sete, temperatura troppo bassa oppure eccessivamente elevata e molti altri ancora. Il compito, non sempre facile, di chi si...
Bambino

Consigli per gestire il pianto del bebè durante la notte

Le prime settimane di vita di un neonato sono un periodo piuttosto difficile da affrontare, in particolare quando si tratta del primo figlio ed i genitori non sono del tutto preparati a questo grande cambiamento. Un neonato non ha orari, può dormire...
Bambino

Come stimolare un neonato pigro

L'allattamento al seno di un piccolo neonato è, di certo, una bellissima esperienza per una giovane mamma. Allattare un bambino è una perfetta occasione di intesa, magica ed irripetibile, tra il neonato e la sua preziosa mamma. Alcuni neonati, però,...
Bambino

Come stimolare il ruttino a un neonato

Impartire una buona alimentazione al bambino già dai primi mesi di vita è fondamentale, in quanto lo farà crescere in salute e lo preserverà da intolleranze e allergie. I neonati non hanno un apparato digerente completamente sviluppato, per cui nei...
Bambino

Mettere il neonato a nanna: errori da evitare

Attraverso i passaggi seguenti ci occuperemo di neonati e in particolare cercheremo di capire il metodo più efficace e corretto di mettere il proprio neonato a nanna e quali sono nello specifico gli errori da evitare, così da fare in modo che il piccolo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.