Gravidanza: le posizioni del feto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Per riconoscere la posizione del feto in gravidanza, il ginecologo che segue la donna in stato interessante effettua visite regolari. Il nascituro può assumere tre posizioni principali: cefalica, podalica e trasversale (o obliqua). Vediamo insieme in cosa differiscono, se e quando preoccuparsi, come affrontare al meglio una qualsiasi di queste eventualità.

25

Posizione "cefalica".
Si parla di posizione cefalica quando il feto è posizionato con il capo rivolto verso il basso, ovvero quando la testa sarà la prima parte del bimbo ad affacciarsi al momento della nascita. Questa condizione è, sia per il feto che per la partoriente, la più frequente e anche la migliore.
In linea del tutto generale, quando un bambino assume questa posizione, nasce col volto diretto verso terra. Può capitare però che, pur assumendo la posizione cefalica, il volto del bambino nell'utero non sia diretto verso il suo petto ma verso l'esterno. In questo caso, partorire può diventare più complesso e sia l'ostetrica che il ginecologo devono ricorrere a specifiche manovre per favorire la fase espulsiva. Talvolta, queste ultime non sono sufficienti e si deve optare per il parto cesareo.

35

Posizione "podalica".
In una percentuale di casi che si aggira attorno al 4%, il feto può assumere la posizione podalica nella quale il sederino del bambino è il primo elemento che si affaccia al canale del parto. Questa condizione può destare ben poche preoccupazioni se la stima del peso e delle dimensioni del nascituro sono comunque compatibili con la nascita per via vaginale. Vista la bassa casistica e considerato l'indice di rischio per il feto, dato che questo tipo di parto potrebbe causargli lesioni più o meno temporanee, non è raro imbattersi in ginecologi che ricorrono al cesareo.

Continua la lettura
45

Posizione "trasversale".
Questo tipo di posizione è abbastanza rara e solo lo 0,5% delle gravidanze giunge a termine presentando tale anomalia. In questo caso, il nascituro ha il cranio rivolto a destra o a sinistra dell'utero e si oppone, con la sua posizione, alla nascita. Un parto naturale, considerate le condizioni sfavorevoli, è improbabile, sebbene esistano manovre per "girare" il feto. La posizione trasversale è l'unica circostanza nella quale l'intervento chirurgico rappresenta la sola via percorribile al fine di abbattere ogni rischio e ogni difficoltà.

Bisogna ricordare tuttavia che la valutazione sulla posizione fetale non viene effettuata in una sola seduta ed è un percorso che il medico professionista valuta con costanza. La valutazione viene fatta in tutti e 9 i mesi, sia tramite palpazione che tramite ecografie e, una posizione anomala del feto in una fase della gravidanza, non indica necessariamente che questa verrà mantenuta fino al momento del parto. Sfortunatamente si può dire la medesima cosa dei feti posizionati in maniera perfetta durante tutto il periodo della gestazione, i quali possono disporsi in maniera podalica o trasversale proprio durante l'ultima fase. Per tale ragione lo staff medico può decidere di annullare o proporre un cesareo anche all'ultimo minuto, nell'interesse sia del nascituro che della partoriente.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Bisogna avere fiducia nello staff medico: se questo decide di annullare un parto naturale, lo fa nell'interesse di madre e bambino. Tuttavia, un cambio di programma non indica necessariamente una grave difficoltà ed è bene mantenere la calma
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gravidanza

Come leggere un'ecografia ostetrica

L'ecografia ostetrica è uno dei tanti esami da dover fare in gravidanza. Grazie all'ecografia si ha la certezza della gravidanza, si stabilisce l'epoca della gestazione e del termine. Inoltre con le varie ecografie si ottengono numerose informazioni...
Bambino

5 cose da sapere sui gemelli

Quando si ha la notizia di aspettare un figlio, sia per le mamme che per i papà, è un momento assai emozionante da vivere durante l'arco della vita. L'emozione e la gioia si moltiplicano però quando il medico comunica ai genitori che in arrivo ci sono...
Gravidanza

Come calcolare le settimane di gestazione

Per ogni donna la maternità è il miracolo più bello. Inevitabilmente, si fanno progetti per il lieto evento. Si attendono con ansia e trepidazione i canonici 9 mesi. Si effettuano mentalmente dei calcoli approssimativi. Al giorno d'oggi, si dispone...
Gravidanza

Come usare il cuscino per la gravidanza

Come ben saprete, la gravidanza è un magico periodo per ogni futura mamma. Con l'aumentare progressivo del volume della pancia è sempre maggiormente complicato riuscire a trovare la posizione migliore, che vi permette di dormire ben riposati, provocando...
Parto

Come riconoscere la rottura delle acque

La rottura delle acque, generalmente, avviene alla fine della gravidanza e preannuncia l'inizio del parto. Quando la pressione del liquido amniotico si fa più forte, le membrane del sacco che circondano il feto si contraggono e spingono il bambino verso...
Gravidanza

Lavoro e gravidanza: consigli pratici

Ecco ci siamo, ci speravate così tanto, avete fatto il vostro test di gravidanza ed eccolo là in bella mostra il risultato che speravate così tanto, siete incinte! Contentezza, gioia, mista a paura e smarrimento si agitano in voi, per non parlare...
Gravidanza

Rimedi naturali contro l'acidità di stomaco in gravidanza

Anche la gravidanza più tranquilla che una donna può desiderare non è esente, però da piccoli disturbi, come, ad esempio, il fastidiosissimo bruciore di stomaco, l'acidità o la nausea. La causa dell'acidità e dei forti bruciori è molto semplice:...
Gravidanza

Come contrastare la fame eccessiva in gravidanza

Contrastare la fame eccessiva è molto difficile durante una gravidanza, quando non ci si riconosce più né fisicamente né psicologicamente. Ma con un pizzico di forza di volontà ed alcuni trucchi, è tuttavia possibile vincere questo costante desiderio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.