Cosa fare se il tuo lui è un pantofolaio

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La pigrizia può trasformarsi in un vero e proprio disagio soprattutto all'interno di una relazione. Se il proprio partner adora trascorrere il fine settimana a casa davanti alla televisione o al computer ecco che iniziano a sorgere vari litigi e battibecchi. Questo problema accomuna moltissime coppie: non sempre si è uguali, pertanto i caratteri e le esigenze personali possono essere differenti e in questo modo ci si ritrova a scontrarsi. Uscire di casa inizia così a diventare una vera e propria missione impossibile, ma nessuna paura, basterà agire d'astuzia. Con pochi e semplici accorgimenti sarà possibile dare una scossa al proprio partner. Non resta che scoprire cosa fare se il tuo lui è un pantofolaio.

26

Optare per una serata tranquilla

Quando ci si imbatte in un partner pigro e pantofolaio bisogna innanzitutto evitare di spaventarlo con idee e programmi troppo impegnativi che lo portano a star fuori tutto il giorno. La prima cosa da fare è decidere insieme un programma che possa piacere ad entrambi e non comporti situazioni di stress né ad uno né all'altro come ad esempio una serata al cinema oppure una cena in totale relax.

36

Proporre attività per alleviare lo stress

Molto spesso, quando un partner non vuole saperne di uscire di casa non si tratta di semplice pigrizia ma di necessità di riposarsi e rilassarsi a causa degli impegni quotidiani. In coppia bisogna capire le esigenze dell'altra persona e cercare di trovare dei compromessi in modo tale da non sfociare in inutili liti. Un'idea potrebbe essere quella di proporgli una rilassante passeggiata al parco oppure una corsa: in questo modo si potrà trascorrere del tempo insieme ed alleviare la tensione e lo stress. Sicuramente apprezzerà e si sentirà rigenerato!

Continua la lettura
46

Cambiare le abitudini in modo graduale

A volte quando si ha a che fare con un partner pantofolaio è meglio procedere per gradi. Innanzitutto non bisogna mai forzarlo, quindi è di buon auspicio proporre una pizza o una birra al locale vicino casa, senza necessità di andare troppo lontano poiché la sola idea di dover passare ore in fila nel traffico potrebbe spaventarlo. Col trascorrere del tempo, poi, provate a proporre diverse idee.

56

Trascorrere del tempo da soli

Nel caso si abbiano dei figli, naturalmente il rapporto con il partner potrebbe risentirne poiché a causa degli impegni quotidiani il tempo da dedicare a se stessi è davvero poco. Ed ecco che non appena si ha del tempo libero bisogna approfittarne per rilassarsi. Tuttavia, anche in questi casi, basta davvero poco per dare una scossa a questa routine. Durante il week-end basterà lasciare i bambini dai nonni oppure chiamare una baby sitter e trascorrere del tempo da soli, magari facendo quattro chiacchiere al bar o andare a fare shopping.

66

Lasciare liberi i propri spazi

Infine, per spronare un partner pantofolaio è molto importante evitare le scenate di gelosia e soffocarlo. A lungo andare questo atteggiamento potrebbe farlo chiudere sempre di più in se stesso e fargli passare la voglia di uscire. È giusto che ognuno abbia i propri spazi: se non vuole venire a fare shopping con voi chiamate le vostre amiche e lasciatelo libero di uscire al bar con gli amici per vedere la partita. In questo modo vedrete che pian piano riscoprirà il piacere di svolgere le attività insieme all'aria aperta.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come stimolare un bambino pigro

I bambini non sono tutti uguali: ognuno di loro ha una personalità molto differente e sta ai genitori cercare di capire il figlio mettendo in risalto i suoi lati migliori e minimizzando tutte quelle che possono essere le sue debolezze, in modo da accrescere...
Famiglia

Consigli per le neomamme in età avanzata

Al giorno d'oggi sono tantissime le donne che scelgono di avere il primo figlio in età avanzata. Spesso a causa del lavoro e dei numerosi impegni quotidiani tante donne scelgono di dedicarsi alla propria carriera e rimandare questo splendido momento...
Bambino

5 consigli per una mamma lavoratrice

Con i tempi che corrono oggi, è indispensabile che sia un uomo che una donna debbano trovare un lavoro in grado che sia in grado di mantenere i propri figli. Sicuramente non è facile gestire il lavoro e anche la famiglia, soprattutto per una donna molto...
Bambino

Come gestire i bambini nervosi e stanchi

Non possiamo pretendere dai nostri figli di essere sempre perfetti e squisiti. A volte anche i bambini possono essere nervosi e stanchi. Così, loro iniziano a fare dei capricci proprio per farci capire la loro stanchezza e nervosismo. Infatti, i bambini...
Famiglia

Mamme al lavoro: come conciliare famiglia e carriera

Essere oggi una donna è veramente molto impegnativo, soprattutto se si sceglie di crearsi una famiglia. Per sostenere una famiglia, non basta più un solo stipendio, e spesso è necessario che entrambi i coniugi lavorino. Fino a pochi anni fa, la donna...
Bambino

5 accortezze da tenere quando porti il bebè al mare

Non manca molto all'estate e la spiaggia resta la meta preferita dalla maggior parte delle persone. Le prime escursioni "marine", tuttavia, possono rivelarsi un vero incubo per i genitori alle prese con un bebè. Il mare deve divertire, non spaventare....
Bambino

Come aiutare un bambino timido

Come è possibile riuscire ad aiutare efficacemente un qualsiasi bambino timido? Qualora il vostro piccolo soffra di timidezza, è necessario cercare di incoraggiarlo a reagire, in modo che si possa inserire bene all'interno di un gruppo di persone coetanee,...
Bambino

Come regolarizzare il sonno di un neonato

La prima settimana di vita è per il neonato caratterizzata da innumerevoli cambiamenti. Tocca ai genitori indirizzare il loro tesorino verso una crescita beata ed equilibrata. Partendo proprio dalla nanna, che è uno dei momenti più critici che ci si...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.