Cosa fare se il bambino non beve il latte

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il latte è da sempre considerato l’alimento numero uno per la crescita e lo sviluppo dei bambini, soprattutto per quelli più piccoli. Infatti, quando ci si trova di fronte ad un bimbo che non lo beve, ecco che s'insinua il panico. Nei passi seguenti analizzeremo le varie possibilità e le situazioni che si possono prospettare ad una mamma alle prese con un bimbo che si rifiuta di bere il latte. La prima cosa da fare è sicuramente quella di porci alcune domande, in maniera tale da riuscire a valutare in quale situazione ci troviamo con il nostro bambino. Le situazioni sono diverse in relazione al fatto che possa rifiutare il latte materno o quello formulato, oppure ancora se si tratta di un bimbo più grandicello che fa i capricci. Andiamo quindi a vedere, passo per passo, cosa fare e come comportarsi in una situazione di questo tipo.

27

Occorrente

  • Latte materno
  • Latte in polvere
  • Latte di mucca
37

Cominciamo subito col dire che se abbiamo un bambino di età inferiore ai sei mesi, allattato al seno, che da un giorno all'altro non vuole più attaccarsi o dimostra di non essere più interessato alla poppata, potremmo ipotizzare un calo della produzione del latte materno. In questo caso non dobbiamo perderci d’animo, in quanto si tratta di un evento del tutto fisiologico e naturale, che talvolta può accadere e nella maggior parte dei casi si può risolvere facilmente nel giro di breve tempo. Come? Innanzitutto, dobbiamo curare nel modo giusto la nostra alimentazione. Se tutto questo non bastasse, è utile sapere che in commercio esistono alcuni integratori a base di erbe ed estratti naturali, quali il fieno greco, il finocchio, l’anice stellato, che favoriscono la montata lattea senza alterare in alcun modo il sapore del latte. LA scelta migliore, in questo caso, è comunque quella di rivolgersi al proprio medico, al ginecologo o al pediatra che segue il bambino: sarà lui stesso a darci i consigli giusti per affrontare questa situazione nel modo migliore.

47

Qualora, invece, il bambino fosse alimentato con il latte in polvere o con quello formulato e lo rifiuti di punto in bianco, le cause di tale rifiuto possono essere diverse. Se il problema è relativo al gusto del latte, sarà sufficiente cambiare marca e provarne più di una, fino a trovare quella più gradita al nostro bambino (o ritornare alla marca abituale, nel caso l’avessimo cambiata per qualche motivo). Se, invece, il bambino dimostra una certa insofferenza nei confronti del biberon, proviamo a cambiare tettarella o ad offrirgli il latte utilizzando un bicchierino. Ad ogni modo, in ognuna delle situazioni fino a qui descritte, è bene consultare il proprio pediatra per avere consigli e rassicurazioni, scongiurando qualsiasi problema di salute.

Continua la lettura
57

Se il bambino è già grande e svezzato, mangia con appetito le pappe, ma non vuole bere il latte vaccino, il discorso è molto più semplice. Molti bambini, infatti, specialmente quelli che sono stati allattati al seno, non amano il gusto del latte di mucca, in quanto risulta avere un sapore troppo diverso da quello dolciastro della mamma. Proviamo a proporgli il latte sciogliendovi dentro alcuni biscotti per l’infanzia, dell’orzo, zucchero oppure un cucchiaino di miele. Cerchiamo di rendere il momento della colazione un'evento importante da fare insieme come se fosse un gioco. Nel caso in cui il bambino continuasse a rifiutare il latte, non impuntiamoci. Il calcio, e le altre sostanze nutritive contenute nel latte si possono trovare anche in molti altri alimenti, come ad esempio lo yogurt, la mozzarella, la Grana e via dicendo. Anche in questo caso, comunque, non attuiamo dei rimedi fai da te, in quanto potrebbero rivelarsi dannosi e controproducenti, piuttosto, rivolgiamoci al pediatra per chiedere consigli sul da farsi.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • In ogni caso, rivolgetevi sempre al pediatra per chiedere consigli.
  • Non prendete iniziative senza consultare prima il medico.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

10 motivi per cui l'allattamento al seno fa bene al bambino

Grazie all'allattamento al seno, una madre ed un figlio vanno a creare il primo legame tra loro, esso rimarrà poi indissolubile per tutto il resto della vita. I vantaggi che può andare l'allattamento al seno sono tanti, qui di seguito infatti verranno...
Bambino

Come calmare singhiozzo nei neonati

Tutti sanno che i bambini hanno bisogno di molte cure ed attenzioni per vivere bene ed in salute. Quando si tratta però di bambini appena nati bisogna stare sicuramente ancora più attenti in quanto ogni piccolo problema potrebbe nascondere qualcosa...
Bambino

Come scegliere la bavetta per il neonato

La bavetta (denominata più comunemente bavaglino) rappresenta una fra le prime cose che dovreste mettere da parte nel corredino del vostro bambino, prima della sua nascita dal grembo della mamma. Nella seguente perfetta e minuziosa guida che vi esporrò...
Bambino

Allattamento misto

Capita spesso che durante la fase di allattamento, la donna non abbia latte a sufficienza da dare al neonato. Ciò può dipendere da diversi fattori ma in ogni caso è importante che non si senta in colpa anche perché, esistono dei rimedi. In questi...
Bambino

Latte artificiale: quando preferirlo a quello materno

L'allattamento ricopre per mamma e bambino una grande importanza, il contatto fisico e la trasmissione di anticorpi che avviene sin dai primi giorni di vita, attraverso le prime gocce di colostro, proteggono il bimbo da infezioni e malattie. In alcuni...
Bambino

Paura del buio:idee creative per aiutare il tuo bimbo

Le mamme e i papà sanno bene quanto sia difficile mandare a nanna il piccolo di casa, terrorizzato all'idea di rimanere al buio sul suo lettino. Dubbi e timori investono così i genitori che si trovano a dover fare i conti con le inquietudini del bambino,...
Bambino

Come e quando iniziare lo svezzamento

Se siamo donne, l' avere un bambino assieme alla persona che amiamo si rivela un qualcosa di bello e soprattutto di molto coinvolgente. Tuttavia, se vogliamo che il nostro bimbo sia sempre sereno e tranquillo, pochi mesi dopo averlo allattato al seno,...
Bambino

Come insegnare al bimbo a non fare più la pipì a letto

A volte potrebbe capitare, che quando il nostro bimbo è più nervoso del solito, oppure quando beve troppa acqua, che durante la notte faccia la pip' a letto. Sicuramente si tratta di un contrattempo abbastanza seccante, ma dietro questa semplice azione,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.