Come Utilizzare Il Metodo Easy Di Tracy Hogg

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Non tutti conoscono il nome di Tracy Hogg. Si tratta di un'infermiera proveniente dall'Inghilterra che ha dedicato la sua vita ad occuparsi della cura e lo sviluppo dei bambini sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista psicologico. A questo scopo la donna ha sostenuto il cosiddetto metodo ''Easy'' per facilitare la crescita dei bambini. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato come utilizzare questo metodo.

27

Occorrente

  • Latte
  • Zona adibita al gioco
  • Lettino
37

Tracy Hogg pensa che i bambini debbano essere rispettati sin dalla nascita, in quanto aventi anche loro un carattere ed una personalità bene definiti. Pertanto il suo linguaggio si riferisce non solo ai bambini ma anche agli adulti. La donna sostiene che fin dai primi giorni a casa dopo il parto ci si accorge che il ritmo della giornata rischia di essere deciso e scandito dagli stati d'animo, di quiete e di tempesta del nuovo arrivato.

47

Le opinioni su come cercare di interpretare i pianti "comunicativi" del bambino sono molteplici. Il problema è cercare di capire quello che il bambino vuole comunicare. Il suo modo di comunicare è il pianto e il corpo. Sentirai tantissime opinioni su come scandire il ritmo della giornata. Le due più diffuse sono: l'allattamento a richiesta e l'allattamento programmato. Il metodo Easy, di cui parlano vari puericultori, è un'efficace "via di mezzo" che può essere adattata ad ogni neonato. Esso infatti insegna a reagire e ad interpretare il pianto di un bambino sano.

Continua la lettura
57

La parola Easy, che significa "facile", è in realtà anche un acronimo delle parole Eat (mangia), Activity (attività), Sleep (nanna), You (tu). Grazie a queste quattro fasi, andrai a delineare una routine giornaliera che fa susseguire ciclicamente e scandisce i vari momenti del giorno. Così facendo, puoi riuscire ad abituare il tuo bambino alla tua giornata, senza fargli mancare le tappe necessarie al suo benessere.

67

Il ritmo è sempre lo stesso e parte in risposta al suo pianto: aspetta qualche secondo, lo ascolti, gli sorridi e gli dai da mangiare. Quando è sazio (te ne accorgi perché smette di mangiare ed è sereno) lo tieni sveglio (giochi con lui, gli cambi il pannolino, gli fai le coccole). Nel momento in cui inizia ad inarcare la schiena e a stropicciarsi gli occhi mugugnando, vuol dire che è stanco e vuole essere messo a nanna. Senza cullarlo, per non dargli l'abitudine, lo metti nel lettino (oppure nella culla), che deve essere posto in un ambiente pulito e poco luminoso, eventualmente con una ninna nanna in sottofondo.

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

Consigli di letture per neo genitori

È naturale che i neo genitori si sentano ancora un po' impreparati all'arrivo di un bimbo che necessita, ogni giorno, di cure complesse ed adeguate. Tutti i neo genitori, per quanto pronti ad affrontare con gioia ed amore la nuova genitorialità, hanno...
Bambino

Come gestire il pianto del neonato

Ogni neonato affinché possa comunicare con l'ambiente esterno e con tutte le persone che lo circondano ricorre al pianto. Quando un bambino piange infatti può avere tanti significati, bisogna perciò imparare ad interpretare e di conseguenza a gestire...
Bambino

Come far addormentare un bambino che fa le bizze

La guida che imposteremo nei prossimi passi si occuperà di bambini, e lo farà per andare a supportare i genitori. Avrete avuto sicuramente a che fare con dei bimbi che hanno difficoltà ad addormentarsi. Bene, questa guida fa al caso vostro, in quanto...
Bambino

Come superare i risvegli notturni

Nei primi tre anni di vita, il bambino attraversa una fase comune a tutti gli infanti: i risvegli notturni. In genere, i piccoli si svegliano notte dopo notte con un pianto inconsolabile. Si tratta di una situazione passeggera, non allarmante. Tuttavia,...
Famiglia

Le migliori apps per le mamme

La tecnologia è ormai di tutti. Chi ormai al giorno d'oggi, non possiede uno smartphone o un tablet? E grazie a questi mezzi tecnologici abbiamo sviluppato un linguaggio formato da neologismi che sono all'ordine del giorno. Termini come apps una volta...
Bambino

L'importanza dell'oggetto transizionale nella nanna

I bambini attraversano, nelle fasi della loro crescita, vari passaggi. Nei primi mesi di vita, essi si sentono e sono convinti di essere un'unica cosa con la propria mamma, e soltanto più tardi iniziano a prendere coscienza dei propri arti (braccia e...
Bambino

10 consigli per far dormire il tuo bambino

Può capitare a volte che i bambini, soprattutto durante i loro primi mesi di vita, facciano fatica ad addormentarsi o peggio non dormano per tutta la notte o quasi e questo si riflette inevitabilmente anche sui genitori che, al mattino seguente, si sentono...
Bambino

Come alleviare le coliche dei neonati

Prendersi cura dei propri piccoli è un dovere di ogni genitore, ma per farlo come si deve bisogna essere molto attenti ai piccoli segnali che i pargoli trasmettono per indicare malesseri, disagi o altro. Tra i problemi frequenti che ogni neonato affronta,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.