Come togliere il pannolino di notte al tuo bimbo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Riuscire a individuare il momento giusto durante il quale possiamo togliere il pannolino della notte al nostro bimbo è qualcosa di molto delicato. Si tratta, infatti, dell'atto conclusivo di una serie di abitudini che ha già fatto sue da tempo. Quando il piccolo, durante il giorno, andrà in giro sicuro senza il panno potremmo metterlo alla prova la notte, procedendo gradualmente e utilizzando una serie di accorgimenti che gioveranno al compimento del nuovo passo. Se le tue intenzioni sono dunque quelle di capire come togliere il pannolino di notte al tuo bambino, non ti resta altro da fare che leggere i consigli presenti nei passi successivi di questa guida.

27

Occorrente

  • due lenzuola normali
  • due lenzuola cerate
  • un cambio: mutandine e canottierina
  • molta pazienza
37

Innanzitutto è importante capire se il bimbo è pronto. Quindi, se il bimbo riconosce lo stimolo durante il giorno, adesso dovrà imparare a svegliarsi nel momento in cui lo riconosce durante la notte. Sicuramente sarà difficile, in quanto nel sonno il piccolo è in una condizione di incoscienza. Il segnale più rilevante del fatto che è pronto a dormire solo con le mutandine è il panno asciutto durante la mattina. Quindi, quando si sveglierà asciutto per tre giorni consecutivi potremo iniziare a togliere il pannolino anche la notte.

47

Cerchiamo ora di capire come possiamo aiutare il bambino. Innanzitutto, facciamo in modo che beva molto durante il giorno e poco nelle ore serali. Anticipiamo l'ora di cena e temporeggiamo un po' prima di passare all'ora della nanna, in maniera tale che possa avere il tempo per fare pipì prima, dopo cena, e anche prima di andare a riposare. Evitiamo di dargli da bere del latte prima di dormire, in quanto stimolerebbe la pipì notturna. Ad ogni modo, teniamo a portata di mano un cambio: mutandine e canottierina. A questo punto prepariamo il letto con un lenzuolino cerato posizionato sotto il lenzuolo, e poi, sopra, mettiamo un altro cerato e ancora un lenzuolo di cotone. Così facendo, se bagnerà il letto, sarà facile mettere via i due strati bagnati, mentre il lenzuolo asciutto sarà già pronto sotto. In questo modo, inoltre, il materasso non si bagnerà e il giorno successivo si laveranno solo le lenzuola. Se è possibile, è meglio preferire la stagione estiva, che ci agevolerà nel cambio notturno, in quanto il bambino riposerà in mutandine e canottierina e riusciremo quindi a non interrompere il sonno mentre lo cambiamo. Potremmo poi lavarlo direttamente la mattina successiva.

Continua la lettura
57

Una volta messo a letto il bambino, spieghiamogli che non ha più il pannolino e che, quando è buio, per fare pipì potrà utilizzare il vasino, che si troverà proprio accanto al suo lettino. Infatti, mettere in camera, poco distante da lui, il vasino ridurrà i tempi tra lo stimolo e l'espulsione. Inoltre, lasciamo accesa una lucina notturna per agevolare il bimbo al risveglio. Manteniamo sempre un atteggiamento tranquillo e coerente, chiedendo anche la collaborazione degli altri familiari e, eventualmente, della tata. Mostrarsi calmi e non avere fretta ci sarà sicuramente d'aiuto per rilassarsi e acquisire questa nuova abitudine in modo del tutto naturale. Qualora dovesse capitargli di bagnare il letto, sarà nostro compito rassicurarlo e spiegargli che può succedere. Teniamo conto del fatto che se il bambino sarà sereno e non vivrà con dei sensi di colpa, i risultati arriveranno prima del previsto.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non arrenderti
  • Non avere fretta
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

10 regole per l'addio al pannolino

L'addio al pannolino è un momento vissuto con timore sia dai genitori che dai bambini. Le cause di quest'angoscia risiedono spesso nei ripetuti fallimenti di quest'impresa che portano i genitori ad arrendersi ai primi ostacoli. Molte volte, la causa...
Bambino

Come capire quando è il momento giusto per togliere il pannolino

Ogni mamma sa che il momento di togliere il pannolino al piccolo non è semplice. Prepariamoci psicologicamente ai primi problemi, cerchiamo di non obbligarlo con rimproveri o punizioni, questa fase per il bambino non è facile. Per instradare il bambino...
Bambino

Come passare all'uso del vasino

Abituare un figlio a passare all'uso del vasino può essere più o meno semplice, naturale o al contrario abbastanza complesso, traumatico o divertente. Tutto dipende dal momento che si sceglierà per effettuare questo importante passaggio e dalle tattiche...
Bambino

Come passare dal pannolino al vasino

Imparare a fare i propri bisogni nel vasino è certamente un grande passo verso l'indipendenza per un bambino. Solitamente, dopo i due anni si può cominciare a pensare di togliere il pannolino (rigorosamente durante il giorno, per la notte sarà necessario...
Bambino

5 consigli per togliere il pannolino

Tra i 18 ed i 24 mesi è opportuno abituare i bambini al vasino. Togliere definitivamente il pannolino non è un'impresa semplice. Richiede molta pazienza, calma e coerenza. Bisogna inoltre infondere fiducia nel bimbo, per ottenere i risultati sperati....
Bambino

Come educare il bambino al vasino

Rimuovere il pannolino ad un bimbo rappresenta una tappa estremamente importante sia per lui stesso ma anche per i genitori. Non sempre è un periodo semplice da affrontare, ma è sufficiente attuare le giuste tecniche ed utilizzare alcuni accorgimenti...
Bambino

Come togliere il pannolino in 5 mosse

Per tutti i genitori arriva l'inevitabile momento di dover eliminare il pannolino, che implica un impegno quotidiano da svolgersi in un modo rapido e corretto. Diversi sono gli inconvenienti legati a questa fase, che possono mettere a dura prova la pazienza...
Bambino

Come capire se il bambino è pronto a togliere il pannolino

Capire se è il caso di togliere il pannolino al proprio bambino non è mai una cosa molto semplice. Ci sono genitori che si basano sull'età, ma, in realtà, la cosa migliore da fare sarebbe quella di basarsi su determinati segnali che vi dà vostro...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.