Come tagliare i capelli ad un bambino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La maggior parte dei genitori sanno quanto sia difficile convincere i loro figli a tagliarsi di capelli; coloro che ci riescono, lo fanno assistendo a capricci e piagnistei. In questo caso, ovviamente, è necessario prestare la massima attenzione, soprattutto per chi non ha molta dimestichezza con le forbici. Questa semplicissima e pratica guida fornirà alcuni suggerimenti molto utili su come tagliare i capelli ad un bambino nel modo più semplice e sicuro possibile.

26

Occorrente

  • Forbici
  • pettine
  • asciugamano
36

I professionisti

Poiché i bambini sono di solito riluttanti a farsi tagliare i capelli, molti genitori preferiscono affrontare a casa questo piccolo compito, piuttosto che portare i propri figli dal parrucchiere. Questo metodo, è spesso il più semplice dal momento in cui possiamo farlo in casa, quando abbiamo un po' di tempo a disposizione. Per prima cosa, occorre lavare i capelli al bambino con un sapone neutro e quindi delicato. Terminata la fase dello shampoo, tamponare i capelli con un asciugamano, lasciandoli leggermente umidi, altrimenti potrebbe diventare difficoltoso dare una corretta forma al taglio.

46

La procedura

Lasciare che il bambino si accomodi sulla sedia e per distrarlo, farlo giocare con il suo gioco preferito o fare qualcosa che possa catturare la sua attenzione, riducendo al minimo i movimenti che potrebbero rendere il tutto più difficoltoso e pericoloso. Posizionare le forbici parallelamente alla testa e tagliare i capelli quel tanto che basta, ricordandosi di lasciarli un po' più lunghi sulla parte superiore della testa. Per accorciare la frangetta, prendere ciascuna ciocca fra le dita e tagliarla appena sopra la linea delle sopracciglia.

Continua la lettura
56

In conclusioni

Con il pettine, creare una riga centrale sul retro della sua testa e spostargli i capelli fino alle orecchie, prima da un lato e poi dall'altro; pettinare poi il resto della capigliatura in avanti, fino a creare una frangetta. Partendo dalla nuca, cominciare a separare le ciocche in senso verticale, tenendole fra le dita in modo da potersi regolare sulla quantità da tagliare. Per i capelli sopra le orecchie, invece, sarà sufficiente infilare le punte delle forbici sopra di esse e tagliare fino a creare un effetto sfrangiato. Specialmente le prime volte che tagliamo i capelli al bambino, facciamolo tagliandoli poco, limitandoci magari ad eliminare un pochino le punte. Solo con l'asciugatura, infatti, verificheremo l'effettivo ottimo risultato del taglio che abbiamo eseguito ai capelli del bambino.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Utilizzare forbici con punta arrotondata

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come calmare bambini iperattivi

Si definisce iperattivo quel bambino che ha scarsa propensione a stare fermo, è sempre agitato, non riesce a stare seduto. Spesso ha difficoltà a stare attento, presenta cioè un deficit di attenzione: sta fermo ad ascoltare per meno di 10 minuti, poi...
Famiglia

10 consigli per essere un buon padre

Avere un figlio è sicuramente molto difficoltoso, soprattutto per coloro che non hanno avuto figli in precedenza e devono riuscire a capire come educare il nuovo arrivato. In questa lista molto breve, vi mostreremo 10 utili consigli per essere un buon...
Bambino

Come organizzare un laboratorio musicale per bambini

Sin dalla tenera età è importante coltivare e sviluppare i talenti dei bambini. Per far avvicinare i bambini al mondo della musica, ad esempio, è importante creare un ambiente che possa trasmettere loro la passione, l'interesse per questa nobile arte...
Bambino

10 idee per aiutare i bambini a bere più acqua

Il corpo umano è composto per oltre il 60% di acqua. Nel neonato questa percentuale supera il 75%. L'acqua, sia intra che extracellulare, ha un ruolo fondamentale nel mantenere l'omeostasi dell'organismo e nel determinare il buon funzionamento degli...
Bambino

Come tranquillizzare un bambino che piange

Quando si ha a che fare con un bambino piccolo, molti genitori vanno in crisi quando lo sentono piangere, perché non sanno come comportarsi o calmare il loro piccolino. Di solito quando si tratta di un neonato, è difficile capire cosa provochi tale...
Bambino

L'oggetto transizionale

L'oggetto transizionale fa riferimento alla condizione di attaccamento tra il bambino e l'oggetto specifico, come un giocattolo o un peluche, che acquista una notevole importanza e che non può essere sottratto al suo giovane possessore. In questa...
Bambino

Come garantire un buon riposo al bebè

I bambini nei primi mesi di vita hanno bisogno prima di tutto di ricevere un'alimentazione adeguata che possa garantire la loro crescita ed il loro sviluppo psico-fisico, oltre alle giuste ore di sonno e di gioco. Per quanto riguarda quest'ultimo, come...
Famiglia

Il decalogo per un buon uso della tv

Cominciamo col dire che non è sempre necessario avere la televisione in casa, un tempo si viveva senza e non penso che questo abbia portato degli squilibri nella vita delle persone, anzi, probabilmente i maggiori squilibri li abbiamo noi, di questa generazione,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.