Come scegliere un aerosol per bambini

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Con l'arrivo delle temperature più fredde portate dall'inverno, il catarro e la tosse tornano a essere dei nemici per i bambini. In alcuni casi, il consiglio dei pediatri è quello di svolgere un ciclo di aerosol, che dev'essere supportato dalla scelta di un prodotto che sia efficace. In questa guida, andremo a spiegarvi come scegliere un aerosol per bambini. Incominciamo le nostre valutazioni sul tema.
In commercio, soprattutto nelle grandi distribuzioni, ve ne sono diversi, su cui orientarsi, e la scelta potrebbe sembrare difficile e dispendiosa.

26

L'aerosol sui bambini

Il primo aspetto che bisogna necessariamente prendere in considerazione, è dato dal fatto che, in alcune occasioni, convincere i bambini a farsi somministrare l'aerosol non è sicuramente l'operazione più semplice. Nella maggior parte dei casi, pochi bambini sono accondiscendenti nel voler provare questo tipo di terapia che, in realtà, non è per nulla dolorosa o invasiva. A questo proposito, prima di acquistare l'apparecchio è bene valutare alcune caratteristiche, quali la velocità di somministrazione del prodotto. Fra i tanti apparecchi in commercio la differenza viene fatta soprattutto dai nebulizzatori che possono essere pneumatici o a ultrasuoni.

36

La somministrazione dell'aerosol

La funzione fondamentale dell'aerosol è quella di andare a nebulizzare il medicinale che si vuol somministrare, in modo che esso riesca a raggiungere le vie respiratorie in maniera più semplice e diretta. Generalmente l'apparecchio per la somministrazione dell'aerosol, sono composti attraverso un'ampolla al cui interno viene inserita una dose di medicinale (nella maggioranza dei casi si tratta di cortisonici) mista ad acqua fisiologica. Il prodotto di queste due sostanze viene inalato dal bambino attraverso un boccaglio o una mascherina. Bisogna ricordare che affinché le particelle di medicinale vengano nebulizzate correttamente è necessario che la potenza dell'aerosol sia di 1-2 atmosfere, con capacità di erogare 3 millilitri di prodotto nell'arco di 10 minuti.

Continua la lettura
46

L'apparecchio a ultrasuono

Al giorno d'oggi, ci sono a disposizione tanti apparecchi a ultrasuono, che sono facilmente reperibili. Essi sono caratterizzati dalla presenza di un disco, che viene investito da una vibrazione che riesce a disgredare il farmaco che si deve somministrare, in particelle. Questa tipologia di aerosol ha il vantaggio di essere molto silenziosa, quindi lasciando indisturbato il bambino. C'è però da aggiungere che questi modelli non sono adatti a certi tipi di medicinali, come ad esempio quelli a base di cortisone, poiché tendono a surriscaldare il farmaco.

56

La funzionalità dell'aerosol

Qualsiasi apparecchio per l'aerosol abbiate deciso di comprare, è bene che valutiate la sua funzionalità in base alle vostre esigenze e al tipo di patologia da curare. Ovviamente gli apparecchi devono essere adatti ai bambini, quindi essere dotati di boccaglio e mascherina pediatrica, piuttosto rapidi nella somministrazione e di buona qualità. Ricordatevi sempre di pulire bene gli accessori che vengono utilizzati, e di effettuare una frequente manutenzione a cui dovrà accompagnarsi la sostituzione dei filtri dell'aria. In concludione della tematica che abbiamo sviluppato in questi quattro brevi passi della nostra guida, eccovi un link che potrebbe aiutarvi nell'approfondimento che ritengo possa esservi utile: https://it.wikipedia.org/wiki/Aerosol.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come espellere il catarro nei bambini

Nei bambini piccoli è davvero molto facile che si formi del muco e del catarro che vanno a intasare le vie respiratorie, provocando tosse, difficoltà respiratorie, asma e bronchiti di varia entità. Il catarro stagnante, inoltre, può, a lungo andare,...
Bambino

Cassetta pronto soccorso neonato: come organizzarla

Nel momento in cui un bambino avente già la possibilità di comunicare in maniera chiara dovesse farsi male, la possibilità di comprendere il perché del suo malessere diverrebbe una situazione gestibile in maniera più semplice. Questo, però, non...
Bambino

Come gestire il raffreddore nei neonati

I classici sintomi del raffreddore per grandi e piccoli sono il naso chiuso, il muco, gli starnuti e gli occhi arrossati. Bisogna sempre prestare molta attenzione nel proteggere il bimbo dagli eventuali colpi d'aria indesiderati o dall'opportunità di...
Bambino

5 pappine per iniziare lo svezzamento

Lo svezzamento è quella fase durante la quale il pargolo progressivamente abbandona l'alimentazione esclusivamente basata sul latte, affiancandovi l'assunzione di altri alimenti, solidi e liquidi. Per conoscere le tempistiche, quantità e qualità dei...
Bambino

Come fare la medicazione del cordone ombellicale

Quando si torna a casa dopo il parto ci si ritrova a dover affrontare il compito di crescere un bambino e non tutte le neo mamme sanno bene cosa fare, a cominciare dalla medicazione del cordone ombellicale. Questa è un'operazione molto delicata e va...
Bambino

Come fare se il bambino ha la gola infiammata

Come curare il mal di gola e riconoscerne la causa per poterla trattare in modo adeguato? La soluzione migliore è senza dubbio quella di rivolgersi al proprio medico di fiducia, che possa visitare voi o vostro figlio e prescrivere la giusta terapia....
Bambino

Come fare se un bambino non dorme

Le cause per cui un bambino si sveglia spesso, possono essere diverse e ciò fa preoccupare non poco i genitori poiché pensano che il neonato sia malato o, peggio, che non siano all'altezza di svolgere il loro compito. Tutto ciò non fa altro che accrescere...
Bambino

Neonati prematuri: le principali difficoltà

Ogni anno nel nostro paese nascono molti neonati prematuri, circa il 6-7% delle nascite. Si tratta di bambini che vengono alla luce con parto pretermine, prima cioè della trentasettesima settimana di gravidanza a causa di diversi fattori di varia natura....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.