Come raccoglierele urine di un neonato per analizzarle

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La raccolta delle urine nei neonati non è poi un'impresa così complicata come ci si può immaginare. La cosa importante che bisogna ricordarsi è sempre quella di mantenere la sterilità del contenitore, in maniera tale da evitare che avvenga la contaminazione da parte di eventuali microrganismi. Per questa ragione, è di fondamentale importanza che tale raccolta venga eseguita nel modo più corretto possibile, e preferibilmente al mattino. Nei passi successivi ci ocuperemo di capire come bisogna procedere per raccogliere le urine di un neonato per analizzarle.

27

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • raccoglitore di urine per neonati
37

Innanzitutto è bene sapere che esistono dei contenitori appositi per poter effettuare la raccolta dell'urina dei neonati. La prima cosa da fare, dunque, è quella di recarvi in farmacia e acquistarne due (uno da utilizzare più uno di scorta, non si sa mai...), precisando se il bambino in questione sia maschio o femmina, dal momento che vi sono due aperture differenti nei due casi. A questo punto lavatevi per bene le mani con acqua e detergente e asciugatele con un asciugamano usa e getta. Successivamente lavate con estrema cura le parti genitali del neonato e asciugatele tamponando delicatamente. Prendete ora il contenitore sterile ed eliminate la carta che ricopre la parte adesiva dello stesso. Quello che dovrete fare ora è far aderire il sacchetto con i genitali del piccolo, facendo bene attenzione a far coincidere la sua apertura con essi.

47

Aspettate un po' di tempo e, non appena avrete raccolto l'urina, staccate il contenitore e richiudetelo velocemente per evitare che venga contaminata dai microrganismi presenti nell'aria. Se il bambino impiega più di mezz'ora per urinare, sarà necessario gettare via il sacchetto impiegato e ripetere l'operazione dall'inizio utilizzandone uno nuovo. Portate dunque l'urina in laboratorio di analisi in un tempo quanto più possibile rapido, tenendolo nel frattempo in frigorifero, a una temperatura tale da impedire la moltiplicazione dei germi.

57

Guarda il video

Continua la lettura
67

Un secondo metodo per effettuare questa operazione consiste, invece, nel togliere il pannolino al bambino, sempre dopo aver svolto tutte le operazioni di rito, e cioè lavare le mani e i genitali. Mantenete quindi il neonato in piedi, magari con l'aiuto di una seconda persona, e stimolatelo facendolo bere. Non appena inizierà a urinare, aprite il contenitore e raccogliete "al volo" l'urina. Richiudete il sacchetto molto velocemente e portate tutto in laboratorio nel minor tempo possibile. Potete usufruire indifferentemente di entrambi i metodi che vi abbiamo appena elencato sopra, ma tenete conto del fatto che, tra i due, il primo è forse quello più veloce e il meno complicato dal punto di vista pratico. In ogni caso, ricordate sempre che la cosa essenziale è quella di mantenere sempre la sterilità e di prevenire la formazione e la moltiplicazione dei microrganismi.

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come stimolare un neonato pigro

L'allattamento al seno di un piccolo neonato è, di certo, una bellissima esperienza per una giovane mamma. Allattare un bambino è una perfetta occasione ...
Bambino

5 modi per coccolare il neonato

Il contatto fisico per un neonato è estremamente importante e non bisogna pensare che un bambino appena nato voglia stare sempre in braccio semplicemente per ...
Bambino

Come monitorare il peso di un neonato

Per capire se il vostro neonato sta crescendo bene occorre monitorare il peso. Questo va controllato fin dal primo giorno di vita. Normalmente la crescita ...
Bambino

I principali prodotti per l'igiene del neonato

L'igiene è fondamentale nella vita di tutti noi; nel caso dei neonati, accade molte volte che le mamme appena uscite dall'ospedale non sappiano ...
Bambino

Come medicare l'ombelico del neonato

Durante i nove mesi di gestazione, il feto vive nell'utero, unito alla sua mamma dal cordone ombelicale. Si tratta di un tessuto gelatinoso, attraversato ...
Bambino

Come tranquillizzare un neonato

Il neonato è una nuova vita che si affaccia al mondo, con propri bisogni e molteplici richieste sin dal primo attimo in cui viene alla ...
Bambino

Come aiutare un neonato stitico

Il problema della stitichezza colpisce tantissimi neonati. Sappiate che si parla di stitichezza, quando il neonato va di corpo ad intervalli che distano 48 o ...
Bambino

5 modi per provare a calmare un neonato che piange

Il pianto di un neonato può essere provocato da diversi fattori quali ad esempio stanchezza, fame, coliche, pannolino sporco, sete, temperatura troppo bassa oppure eccessivamente ...
Bambino

Gesti del neonato: come interpretarli

I neonati sono molto fragili e hanno bisogno di attenzioni e di cure. Allo stesso tempo riescono a sprigionare felicità e gioia nel cuore dei ...
Bambino

Come cambiare i pannolini al neonato

Inizialmente, cambiare i pannolini ad un neonato può sembrare complicato ma in realtà è molto semplice. Bisogna impiegare al massimo qualche minuto, altrimenti il piccolo ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.