Come preparare il bambino al primo giorno di scuola

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Come voi lettori e lettrici (sia che siate genitori, sia che non lo siate) saprete benissimo, le scuole elementari sono un periodo fondamentale per la vita di qualsiasi bambino e bambina. Per questo motivo è importante che il bambino viva in maniera serena, felice e leggera ogni giorno di scuola: soprattutto, il primo giorno di scuola è importante e non deve essere un trauma di qualsiasi genere. Ora che le vacanze estive stanno giungendo al termine, per molti bambini è molto vicino quello che sarà il primo giorno di scuola. Ma come è possibile prepararli nel migliore dei modi all'ingresso nella nuova vita? Per molti sarà possibilmente traumatico -e dovremo evitarlo-, per altri invece sarà facile accettare di buon grado la nuova situazione. Questo può dipendere dal carattere, certo, eppure dipenderà per lo più dalla preparazione che gli impartiranno mamma e papà nei giorni che precedono l'inizio della scuola. Ecco allora qualche consiglio su come preparare al meglio il nostro bambino al primo giorno di scuola, in una semplice e breve guida (ma anche utile ed interessante).

26

Occorrente

  • pazienza
36

Se avete bisogno di una mano per sapere come preparare il vostro bambino al primo giorno di scuola, ecco la guida che fa al caso vostro. Innanzitutto sappiate che la cosa più importante da fare è quella di preparare il nostro bambino a partire da almeno alcune settimane prima: non facciamo l'errore di catapultarlo improvvisamente in una realtà al lui sconosciuta. Questo potrebbe risultare traumatico e avere ripercussioni negative per tutta la durata dell'anno scolastico sia a livello psicologico che come rendimento. Cerchiamo quindi di renderlo consapevole della nuova realtà, spiegandogli con entusiasmo e gioia che presto diventerà grande e comincerà a imparare tantissime cose nuove.

46

Un ulteriore metodo per coinvolgerlo al meglio in questa nuova impresa, è quello di recarci insieme ad acquistare il suo zainetto e tutto il materiale scolastico, cercando di assecondare, nel limite del possibile, le sue richieste. Optiamo per acquistare materiale bello colorato, che infonda allegria nel piccolo e che gli trasmetta voglia di utilizzarlo al meglio. Possiamo inoltre raccontargli del nostro primo giorno di scuola, mettendo in evidenza solo le cose belle, e quelle buffe che ricordiamo. In questa maniera, il bambino si sentirà maggiormente rassicurato sapendo che anche noi abbiamo dovuto affrontare la stessa identica grande prova e l'abbiamo superata in pieno.

Continua la lettura
56

Facciamogli inoltre capire che noi non possiamo essere con lui durante le ore di scuola, ma che comunque siamo a casa in attesa del suo ritorno, pronti per farci raccontare tutto quello che ha fatto durante la giornata, i nuovi compagni che ha conosciuto, gli insegnanti, insomma ogni più piccolo particolare. Ad ogni sua affermazione, mostriamoci interessati, e curiosi di sapere sempre di più. Se abituiamo il piccolo a raccontare ogni cosa fin dal primo giorno, si sentirà protetto e al sicuro certo che ad ogni suo bisogno noi saremo lì pronti ad aiutarlo. Questo però non significa certamente che dovrete assecondarlo nei suoi eventuali capricci, anzi: in questo dobbiamo rimanere assolutamente fermi e risoluti, spiegando al bambino che comunque la scuola non deve essere vissuta come una punizione ma come un percorso che ognuno di noi, a suo tempo ha fatto. Non mi resta che augurare a voi ed al vostro bambino, un sereno primo giorno di scuola!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • cominciare il percorso di preparazione almeno alcune settimane prima dell'inizio della scuola

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come facilitare l'ingresso a scuola dei bambini

L'inserimento nella scuola materna o elementare è sempre un momento delicato per la vita di ogni bambino. È un cambiamento importante, un momento in cui anche i più piccoli devono iniziare a fare i conti con la realtà, rapportandosi con altri bambini...
Bambino

Come aiutare un bambino a superare la perdita di un animale domestico

La presenza di un animale domestico in famiglia può essere molto importante per la crescita fisica e psichica dei figli. I bambini si rapportano con il proprio animale alla pari senza giudizi o condizionamenti ed è con lui che divide momenti di gioia...
Famiglia

Come instaurare un rapporto di fiducia con i propri figli

Essere genitore è un'esperienza molto stimolante che può riempire la vita di felicità, ma è anche un'impresa molto impegnativa. Infatti non è semplice riuscire a crescere i propri figli in modo sereno, consigliandoli sempre al meglio e fornendo loro...
Bambino

5 regole d'oro per far dormire i bambini

Molte mamme sono colte da disperazione nel momento in cui devono far addormentare i loro bambini. Infatti l'operazione può risultare molto complicata e duratura, addirittura ore intere. Poi quando meno ve lo aspettate li sentite urlare e piangere nel...
Bambino

Come scegliere una luce notturna per la camera dei bambini

I bambini, si sa, non amano particolarmente il buio. Proprio per questo motivo, spesso e volentieri, se si svegliano al buio, i bambini potrebbero avere un brutto risveglio, anche traumatico se si tratta di bambini particolarmente sensibili. Una soluzione...
Bambino

Come Raccontare Una Storia Con Le Ombre Cinesi

Per i bambini la comunicazione è molto importante, un modo concreto per ampliare i suoi orizzonti nel campo della conoscenza, ma anche in quello della fantasia. Un metodo valido, utilizzato fino dalla notte dei tempi è quello di raccontare storie. Per...
Bambino

Come raccontare una favola in modo originale

Raccontare una favola non è da tutti, mentre ci sono persone che possiedono questo dono per natura, altri per farlo devono applicarsi ed imparare. La cosa fondamentale è il coinvolgimento di chi ci sta ascoltando, infatti gli ascoltatori devono sentirsi...
Bambino

Come raccontare le favole ai bambini

Tutti i bambini amano ascoltare storie classiche o inventate dai loro genitori. Il momento delle favole è sempre speciale per un bambino perché gli consente di dare libero sfogo alla sua immaginazione, elemento fondamentale per un corretto sviluppo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.