Come preparare i bambini ad un trasferimento

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Negli ultimi anni avere un posto di lavoro è diventata una vera e propria impresa. Nel momento in cui avrete di questa fortuna molto spesso vi capiterà di dovervi spostarvi dalla vostra città natia. Soprattutto se siete una persona sposata non vi resterà che accettare, armarmi di tanta buona volontà e partire con tutta la famiglia. In questa guida andremo a vedere come preparare i bambini ad un trasferimento.

25

Occorrente

  • tanta pazienza!
35

Iniziamo la nostra guida inserendo una delle classiche domande che si pone ogni genitore: Ma come comunicarlo ai propri figli? Ebbene questo diventa un problema sopratutto in età adolescenziali. Essi in sempre capiscono che certi gesti vengono effettuati per il loro bene. Non servirà a nulla imporsi e agire con serietà, di fatti i figli per quanto piccoli possano essere vanno pur sempre rispettati! Dovrete dialogare con loro, dovrete cercare di far capire, che non sempre è tutto negativo nella nuova città di fatti, anche li potranno farsi nuove amicizie, ma senza dimenticare le vecchie, promettete ai vostri che li porterete a trovare i vecchi amici di tanto in tanto. Almeno fino a quando non si sarà creato un vero e proprio gruppo di amici.

45

Inoltre, è dimostrato che il trasloco comporta tanto stress, ma questo non soltanto nei grandi ma anche nei piccoli, quindi state ben attenti a non trasferire ai vostri bambini tutte le vostre energie negative! Inizialmente potrete accennargli la vostra idea di cambiare casa, fantasticando con vostro figlio sulla nuova casa, su come vi piacerebbe che fosse! Cerando di sottolineargli tutti gli effetti positivi a cui andrà incontro. Potrete decidere assieme cosa portare e cosa no, per farlo sentire a suo agio nell'ambiente, potrete organizzare delle gite nella città interessata! In realtà se il bambino si sente coinvolto è molto probabile che accetti prima l'idea del trasloco!

Continua la lettura
55

Infine, bisognerà considerare una molteplicità di fattori che comporteranno il trasloco. Prima di tutto è opportuno valutare se il vostro partner dispone di un lavoro e bisogna riflettere su quanto possa incidere questa perdita sull'intero budget familiare. Non dimenticate i vostri figli, la scuola, i loro amichetti, i loro affetti, dovranno essere in grado di cambiare tutto e di adattarsi in poco tempo ad una nuova vita, per cui dovrete porvi come domanda, saranno realmente capaci? Se analizzando tutti questi fattori, le risposte vi sembreranno positive, beh allora siete pronti per il trasferimento!

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.