Come organizzare in casa uno spazio "Montessori"

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

La casa per ogni bambino è un luogo di stimolo e scoperta e passo dopo passo gironzolando per la casa il bambino sperimenta e mette alla prova tante delle abilità che possiede, ampliandole e trasformandole in competenze. Questo pensiero della grande pedagogista Maria Montessori dovrebbe essere adottato da tutti i genitori che vorrebbero aiutare il proprio bambino nel suo sviluppo globale. Se i genitori spesso pensassero la loro casa non solo a misura di uomo ma di bambino potrebbero trasformare quest'ultima in un luogo ideale per favorire lo sviluppo motorio, e cognitivo del bambino. Di seguito viene riportata la seguente guida: come poter organizzare in casa uno spazio "Montessori" e quindi a misura di bambino.

27

Occorrente

  • Scaffali a misura di bambino
  • Letto basso
  • Sedia ergonomica
  • Tanta pazienza
  • Appendiabiti a misura di bambino
  • Fiducia nei confronti del vostro piccolo
37

Per prima cosa è importante che all'interno della vostra casa ci siano dei punti di riferimento che per il bambino sono fondamentali per abituarsi alla routine quotidiana. Ovviamente i punti di riferimento come ogni altra cosa devono essere a "misura di bambino" quindi per esempio sarebbe utile posizionare gli appendini per gli abiti all'ingresso, alla loro altezza, cosi come mensole per riporre scarpe e cappelli in modo tale che il bambino sarà autonomo nel vestirsi e spogliarsi ogni volta che dovrà uscire di casa.

47

Solitamente crediamo che la cucina sia un luogo esclusivamente per i "grandi" invece non è cosi. In cucina si possono svolgere diverse attività in cui potete coinvolgere il vostro bambino e non preoccupatevi se sarà stancante, perché per il piccolo lavorare inseme a voi e poter realizzare qualcosa che poi verrà apprezzato dagli altri è molto gratificate e aiuta a promuovere e accrescere la propria autonomia. Quindi basta spostare le stoviglie in uno scaffale in basso in modo tale che il bambino non solo imparerà a riconoscere i vari oggetti ma sarà autonomo di poterli prendere e portali al tavolo a aiutare voi mentre preparate da mangiare.

Continua la lettura
57

La libertà di movimento nel metodo montessoriano è fondamentale, spesso i nostri bambini sia a scuola che a casa restano imbrigliati in posizioni standardizzate e non hanno grandi possibilità di scegliere autonomamente se alzarsi o cambiare posizione. Uno di questi oggetti, secondo Maria Montessori, è il seggiolone dove solitamente il bambino siede per mangiare o il letto rialzato che non permette al piccolo di poter scendere autonomamente. La soluzione a tutto questo è semplice: pensando sempre ad oggetti su misura per il bambino si può creare uno spazio "pranzo" per il piccolo per esempio utilizzando una sedia ergonomica attraverso la quale il piccolo può scendere senza chiedere aiuto, abbassando l'altezza della sedia sino a terra; mentre per lo spazio "notte" è molto utile utilizzare dei lettini bassi (quasi a terra) in modo tale da permettere al bambino di alzarsi quando vuole senza cadere giù e farsi male.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non abbiate paura che il vostro bambino si faccia male o rompa qualche stoviglia nel momento in cui vi aiuta in cucina: questo servirà al piccolo per capire il valore delle cose e provare anche sensazioni negative
  • Non pensate mai che il vostro bambino sia troppo piccolo per poter essere autonomo: l'autonomia è fondamentale per uno sviluppo globale del vostro bambino, lo aiuta a sviluppare elementi resilienti che gli serviranno nella sua vita da adulto

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come decorare la camera dei gemelli

Quando si è in attesa di un figlio, intorno al settimo mese di gravidanza, solitamente si inizia a pensare alla cameretta del nascituro. Quando si attendono due o più gemelli però, l'organizzazione diventa più impegnativa e bisogna pensare a tutto...
Bambino

Come fare i travasi con i bambini

I travasi con i bambini sono un'attività molto comune e per questo motivo meritano un'attenzione maggiore, in quanto è un esercizio fondamentale per lo sviluppo senso-motorio dei bambini che sono nelle primissime fasi dello sviluppo. Seguendo i principi...
Bambino

Come insegnare ai bambini a leggere e scrivere

Il primo impatto con la scuola non è mai semplice per i bambini perché segna sia la lontananza dai genitori che un reale cambiamento nelle abitudini quotidiane. Il primo passo da compiere è sicuramente imparare a leggere e a scrivere. A tal proposito,...
Bambino

Come stimolare l'autonomia dei bambini

Un adulto che da bambino ha ricevuto la giusta considerazione, da grande si adatta meglio ai cambiamenti della vita. È in grado di fare le sue scelte. Se gli altri non lo approvano non si sente in colpa. È un meccanismo del tutto naturale. L'affetto...
Bambino

10 idee per creare il cestino dei tesori dei bambini

Il cestino dei tesori è un gioco assolutamente creativo per i bambini più piccoli. Questa attività ludica è stata ideata e realizzata tanti anni fa e richiama il metodo Montessori nell'educazione dei propri figli. Questa attività fu ideata da una...
Bambino

Come insegnare al bambino a dormire nel proprio letto

Al giorno d'oggi è diventata un'abitudine molto diffusa, quella di consentire ai propri figli di dormire nel "lettone" dei genitori. Tutto questo si verifica perché non si riesce a dire di "no", oppure si ha il desiderio di farli sentire più protetti...
Bambino

Come capire se il bambino è pronto a togliere il pannolino

Capire se è il caso di togliere il pannolino al proprio bambino non è mai una cosa molto semplice. Ci sono genitori che si basano sull'età, ma, in realtà, la cosa migliore da fare sarebbe quella di basarsi su determinati segnali che vi dà vostro...
Bambino

Come scegliere una learning tower

La learning tower, o "torre dell'apprendimento", è uno strumento che si riallaccia alla filosofia montessoriana, in cui il bambino desidera essere aiutato a fare da sé. La learning tower è una sorta di sgabello recintato, sul quale il bambino può...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.