Come non perdere la pazienza con i bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I genitori spesso si domandano come devono comportarsi con i propri figli. Alcuni sono indecisi se essere permissivi oppure autoritari. Non esiste un codice che permette di non sbagliare e che spiega come interpretare il ruolo di mamma e papà. Si impara dagli errori, ma è fondamentale conoscere i propri figli. Il dialogo è importante per interpretare le loro necessità. Qualunque genitore spera che il proprio figlio faccia ciò che gli si chiede, ma questo spesso non succede. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli su come non perdere la pazienza con i bambini.

25

Occorrente

  • Calma
  • Rispetto
  • Buona educazione
35

Capire il problema

Generalmente il confronto è fatto di litigi ed incomprensioni. È opportuno tener presente che loro hanno una personalità e che si deve imparare a conoscerli ed a rispettarli. Spesso si pensa che siccome sono piccoli non ne hanno necessità. È sbagliato, fanno solo fatica a farlo emergere in quanto non ne sono consapevoli. È fondamentale capire il problema ed individuare da cosa deriva il capriccio: un malessere, un bisogno oppure stanchezza. Non bisogna innervosirsi se il bambino piange ed alzare la voce. In questo modo si innesca un meccanismo a catena ed anche il bambino risponde gridando ed aumenta così il suo nervosismo e la sua frustrazione.

45

Stabilre le regole

I momenti critici della giornata sono la mattina quando bisogna prepararsi per affrontare un nuovo impegno e la sera quando la stanchezza rende nervosi. Da genitore si pensa che il proprio figlio è insopportabile. Il bambino vedendo un viso rabbioso crede che non è amato in quel momento. È indispensabile stabilire delle regole per scandire i ritmi di vita relativi all'età del piccolo: andare a letto presto, fare i compiti dopo pranzo, lavare i denti dopo ogni pasto.

Continua la lettura
55

Essere coerenti

Per mantenere la calma bisogna riconoscere di essere arrabbiati. È consigliabile allontanarsi per qualche istante e tornare successivamente dal bambino con una voce rilassata e calma. Bisogna rimproverare, ma senza offendere. Si deve essere coerenti con quanto si afferma ed evitare i ricatti. Un capriccio deve passare non per ottenere un vantaggio, ma perché il bambino ha capito lo sbaglio. Impostare sul gioco le regole può essere una mossa vincente; in questo modo si evitano le arrabbiature e le discussioni con i propri figli. Bisogna farli sentire utili ed indipendenti per responsabilizzarli e far crescere l'autostima. Infine, bisogna accettare che per ogni età c'è sempre un problema, quindi pazienza e rassegnazione possono essere d'aiuto.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come interpretare l'aggressività del bambino

Quando il bambino entra in contatto con gli altri suoi coetanei può manifestare comportamenti aggressivi nei loro confronti, ma anche in quelli di chi cerca di capirne le cause e cercare una soluzione, come genitori e insegnanti. Come interpretare l'aggressività?...
Bambino

Come interpretare la svogliatezza del bambino

A volte capita di vedere bambini svogliati, che tendono a chiudersi nel loro mondo e, ad utilizzare la pigrizia come una difesa, da una situazione familiare, o esterna alla famiglia, che essi vivono come frustrante. Ma generalmente il bambino svogliato...
Bambino

10 motivi per cui i bambini non dovrebbero abusare di tablet e smartphone

Viviamo in un'epoca in cui la tecnologia avanza giorno dopo giorno e coinvolge ogni aspetto della nostra quotidianità. Non possiamo più uscire di casa senza smartphone, è impensabile non avere almeno un computer o un tablet nella nostra abitazione,...
Bambino

Come calmare un bimbo che piange

Ciò che contraddistingue un buon genitore e la sua presunta bontà nel saper crescere i propri figli è sopratutto la capacità di comprendere questi ultimi e i segnali che mandano in modo tacito durante le diverse fasi della loro crescita, fino alla...
Bambino

Come comportarsi quando il figlio fa i capricci

Spesso il comportamento dei bambini, quando sono piccoli, sono ingestibili e fuori controllo, i loro capricci possono far impazzire anche i genitori più virtuosi. Purtroppo, i capricci sono un percorso naturale della vita, per chi ha bambini piccoli....
Bambino

Come affrontare i primi dentini del bimbo

Il primo periodo in cui spuntano i dentini ai neonati è sicuramente un momento molto delicato e critico. Ogni bambino, comunque, ha la dentizione in diverso modo e tempo. Già alcuni possono iniziare ad averla nel terzo mese di vita per esempio, mentre...
Bambino

Come calmare il pianto di un neonato

Capita spesso, quando ci si prende cura di un neonato, che il piccolo pianga, ma senza che noi sappiamo il perché. Essendo il pianto l'unico modo che hanno i neonati per esprimersi, diventa importante, soprattutto per i neogenitori, riuscire a interpretare...
Famiglia

Genitori: 10 errori da evitare con i figli

Ogni genitore vorrebbe fare il meglio per i propri figli e spesso è convinto di farlo. Ma vecchie credenze, troppe paure, incomprensioni e fraintendimenti e talvolta anche solo la stanchezza e lo stress quotidiano possono portare persino il più attento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.