Come insegnare le lettere ai bambini in età prescolare

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I bambini in età prescolare, indicativamente dai 4 ai 5 anni, hanno raggiunto una maturità sufficiente per iniziare a riconoscere le lettere dell'alfabeto e i numeri da 1 a 10 (e oltre). Se vogliamo che nostro figlio inizi a familiarizzare con le lettere e i numeri in modo da essere avvantaggiato all'inizio del suo percorso scolastico, potremo sfruttare una serie di semplici tecniche che aiuteranno il bambino ad apprendere facilmente giocando. In questo modo potrà divertirsi ed allo stesso tempo iniziare ad imparare il suono delle lettere e la loro forma. Su internet, potremo trovare tantissime guide che ci mostreranno come fare per riuscire ad insegnare al nostro bambino le lettere e i numeri in maniera molto semplice. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire ad insegnare le lettere ai bambini in età prescolare.

25

Occorrente

  • Seguire i consigli riportati nella guida.
35

Associazione delle lettere ad un suono

Come prima cosa, occorre fare in modo che il bambino riconosca le lettere dell'alfabeto, e per far questo il bambino dovrà riuscire ad associare la lettera scritta, ad un determinato suono. Una cosa molto importante è quella di utilizzare come scrittura il carattere stampato maiuscolo, molto più facile da riprodurre e da riconoscere. Un gioco che potremo fare con il nostro bambino consiste nel prendere la prima lettera dell'alfabeto, la A, e dire a nostro figlio di cercare tra gli oggetti che abbiamo in casa, tutti quelli che iniziano con quella lettera, e poi proseguire con tutte le altre lettere dell'alfabeto.

45

Rappresentazione delle lettere

Una volta che il bambino avrà familiarizzato con l'alfabeto si inizierà a mostrargli come sono rappresentate le lettere, in modo che impari a scriverle autonomamente. Un possibile gioco per ottenere questo risultato è quello di ricostruire le lettere sempre mediante oggetti di uso comune: i semi della mela, chicchi di caffè o ancora la plastilina sono perfetti per questo scopo.

Continua la lettura
55

I fonemi

A questo punto il bambino avrà acquisito una buona conoscenza dell'alfabeto, quindi si passerà all'insegnamento dei differenti fonemi; il genitore si dovrà soffermare sulla pronuncia di una lettera o di una coppia di lettere, dicendo ad esempio la parola “pallone” e chiedendo al bambino di individuare le prime due lettere sia separatamente (P - A) che insieme (PA). Occorre tenere a mente che il bambino svilupperà più velocemente la propria consapevolezza fonologica se le parole verranno frammentate in piccole parti. A questo punto non ci resta che provare subito ad insegnare al nostro bambino le lettere dell'alfabeto, seguendo tutti i consigli riportati nei passi precedenti.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come insegnare le note musicali ai bambini piccoli

Wolfgang Amadeus Mozart. Chi di noi non conosce questo celebre compositore? Dalla metà del '700 sino ai giorni nostri, egli ha scritto la musica migliore di tutti i tempi. Il giovane Mozart iniziò la sua carriera proprio da bambino, il che fa significa...
Bambino

Come insegnare ai bambini a chiedere scusa

Insegnare ai bambini a chiedere scusa non è sicuramente un' impresa da poco. È molto importante però riuscirci con calma e pazienza, facendogli capire che nella vita si sbaglia ma è giusto scusarsi con l'altra persona quando ciò accade. Le scuse...
Bambino

Come insegnare i versi degli animali ai bambini

Quando nasce un bambino, porta sempre una grande gioia nella sua famiglia. Tutti accolgono il principino con amore, pregustando in anticipo l'indimenticabile momento in cui farà i primi passi e pronuncerà la sua prima parola. I genitori sono le persone...
Bambino

Come insegnare l'alfabeto al bambino

In questo articolo vedremo come insegnare l'alfabeto al bambino. Questo lavoro come quello di insegnargli a parlare, e camminare non è poi così tanto difficile, in quanto siccome è circondato da persone adulte, e da altri bambini più grandi di lui...
Bambino

Come insegnare ai bimbi le lettere dell'alfabeto

I bambini piccoli sono paragonabili a delle spugne: assorbono tutto quello che li circonda e lo imprimono nella loro mente, senza che nulla possa eliminarlo. Pertanto, i primi insegnamenti sono fondamentali per la loro crescita. Le lettere, le forme,...
Bambino

Come insegnare ai bambini a scrivere

Negli anni passati, per insegnare ai bambini a scrivere, si faceva disegnare loro i "bastoncini". In questo modo i bambini acquisivano dimestichezza nel tenere in mano una penna. Oggi non si utilizza più questo tipo di metodo perché antiquato, ripetitivo...
Bambino

Come spiegare ai bambini la differenza tra suono e rumore con un gioco

Nel corso dell'età prescolare, i bambini sono molto affascinati da tutto ciò che stimola la loro curiosità ed i loro sensi in pieno sviluppo; giocare diventa soprattutto un'attività di scoperta e, allo stesso tempo, scoprire il mondo che li circonda...
Bambino

Logopedia: quando serve

La logopedia è una branca della medicina atta ad aiutare tutti coloro che presentano difficoltà nel parlare. Ci riferiamo a tutte quelle persone per esempio colpiti da ictus che, necessitano di un corso di riabilitazione o anche per alcuni bambini che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.