Come insegnare i mesi dell'anno ai bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Tutti i bambini sono sempre molto curiosi di imparare continuamente delle cose nuove, e per questo motivo sia gli insegnati che i genitori devono cercare di assecondare in tutti i modi la loro voglia di conoscere ed esplorare. Per facilitare il processo di apprendimento occorre fare leva sulla loro immaginazione e sulla loro fantasia: imparare cose nuove dovrebbe essere per i più piccoli sempre divertente affinché i concetti rimangano impressi nella loro mente. Con i passaggi che seguono andremo a vedere come si possono insegnare ai bambini i mesi dell'anno, in modo divertente, ma davvero efficace.

25

Utilizzare i colori

La prima regola che bisogna seguire per insegnare qualsiasi cosa ai bambini è quella di essere molto pazienti, fare tutto con estrema calma e nel migliore dei modi. Per far sì che i bambini comprendano più facilmente, è consigliabile utilizzare i colori e i disegni che rimandano ai vari mesi, per esempio disegnando oggetti o frutti che caratterizzino i mesi (per esempio uva a Settembre, rose a Maggio, un Albero di Natale a Dicembre). Esistono molti metodi che permettono non solo che i bambini imparino i mesi dell'anno, ma consentono loro di iniziare a conoscere nozioni importanti quali il nome delle stagioni, dei frutti e degli animali. Un'altra opzione è quella di fare un trenino dei mesi da appendere alla parete approfittando per scrivere i nomi dei bambini nei loro mesi di nascita e il nome di ciascun mese sui vagoni: questi dovranno essere di diversi colori, in maniera tale da richiamare la stagione corrente, per esempio utilizzare colori caldi come il giallo per richiamare i mesi estivi, mentre i colori freddi come il blu per richiamare i mesi invernali.

35

Utilizzare le immagini

È anche possibile sostituire il trenino con un orologio dei mesi fornito di lancetta da direzionare sul mese corrente. In ogni quadrante si può agire come abbiamo visto per i vagoni del trenino, insistendo sulle immagini che evocano i mesi (una maschera di carnevale per febbraio, il mare o il sole per giugno). Questa opzione è preferibile per introdurre il concetto di ciclicità dei mesi, e nel caso in cui i bambini non sapessero ancora leggere o scrivere, incominceranno così a fare i primi passi anche in questo campo. Rappresentando i mesi con le immagini, è importante non far confondere i bambini, quindi bisogna evitare immagini ambigue: ad esempio potrebbero scambiare il pesce d'Aprile per un pesciolino che nuota nel mare in uno dei mesi estivi, pertanto è fondamentale essere sempre chiari e precisi.

Continua la lettura
45

Utilizzare la fantasia

Un'altra idea altrettanto utile è quella di creare delle filastrocche, che dovranno essere brevi e preferibilmente illustrate; inoltre, un lavoro di questo tipo può diventare anche un gioco molto interessante e divertente anche se viene fatto con i bambini: basterà, infatti, chiedere loro di scegliere cosa caratterizza ciascun mese (in questo caso si può suggerire di nominare anche le festività gradite ai bambini come l'Epifania, la Pasqua, Halloween e il Natale, oppure per i mesi di ottobre e novembre si può fare leva sugli animali che vanno in letargo). Infine, possiamo creare delle semplici schede illustrative dopo aver spiegato il tutto, così da capire se hanno compreso l'argomento e possano utilizzare anche da soli le varie schede. È infatti di primaria importanza che i bambini collaborino al processo creativo e espongano le loro idee, al fine di ottenere non solo migliori risultati di memorizzazione, ma anche di sviluppare la loro creatività, oltre che un apprendimento più divertente ed efficace.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

5 consigli per insegnare ai bambini a vestirsi da soli

Un attimo prima sono bambini, un attimo dopo sono già piccoli adulti in cerca della loro autonomia: imparare a parlare, a camminare e correre sono sicuramente dei traguardi importanti, ma non gli unici. Per un bambino indipendenza significa anche sapersi...
Bambino

Modi divertenti per insegnare ad un bambino l'alfabeto

Il passaggio dall'età del gioco a quella dell'apprendimento rappresenta una fase molto delicata per lo sviluppo dei più piccoli. Tuttavia, è importante cercare di far capire ai bambini che imparare qualcosa di nuovo non è solo utile, ma anche divertente,...
Bambino

Come Insegnare Le Tabelline Ai Nostri Figli Senza Sforzo

Molto spesso le tabelline rappresentano un vero e proprio cruccio per i bambini in quanto risultano essere piuttosto complicate da imparare. Esse infatti necessitano di una certa memoria e di una buona dose di costanza e buona volontà. Riuscire ad impararle...
Bambino

Come insegnare al proprio figlio ad andare in bicicletta

Uno dei compiti di un genitore è quello di trasmettere il proprio sapere ai figli. Si parte dalle cose semplici fino a quelle più complessi. I momenti di apprendimento rendono il rapporto padre-figlio più intenso e creano bei ricordi. Uno di questi...
Bambino

Come insegnare ai bambini a leggere e scrivere

Il primo impatto con la scuola non è mai semplice per i bambini perché segna sia la lontananza dai genitori che un reale cambiamento nelle abitudini quotidiane. Il primo passo da compiere è sicuramente imparare a leggere e a scrivere. A tal proposito,...
Bambino

Come insegnare ai bambini a riconoscere le forme geometriche

La geometria, al pari della matematica, è forse la materia più ostica sia per gli alunni delle scuole elementari, sia per coloro che la studiano a livello universitario. Questa difficoltà sta soprattutto nel fatto che ogni concetto è strettamente...
Bambino

Come insegnare i colori ai bambini

Sebbene non possiedano ancora la proprietà di linguaggio i bambini apprendono rapidamente tutte le informazioni con le quali vengono a contatto. Non è mai troppo presto per offrire delle nuove nozioni ai piccoli, ma il buonsenso e l'esperienza suggeriscono...
Bambino

Come insegnare al bambino a parlare bene

Per i figli imparare a parlare bene è una delle prime tappe cruciali della loro vita, così come lo è, ad esempio, imparare a camminare. Questa prima grande conquista del bambino ha bisogno però di tanta costanza e pazienza da parte dei genitori, senza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.