Come insegnare al bimbo a non fare più la pipì a letto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

A volte potrebbe capitare, che quando il nostro bimbo è più nervoso del solito, oppure quando beve troppa acqua, che durante la notte faccia la pip' a letto. Sicuramente si tratta di un contrattempo abbastanza seccante, ma dietro questa semplice azione, potrebbe nascondersi un messaggio che il nostro piccolo cerca in qualsiasi modo di mandarci. Vediamo allora qualche consiglio su come insegnare al nostro bambino a non fare più la pipì a letto.

25

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • pazienza
  • per la tisana:
  • 10 gr di tiglio
  • 10 gr di fiori di brughiera
35

Quando si verifica che il nostro bambino fa la pipì a letto la prima cosa da non fare è quella di alzare la voce e cominciare a sgridare. È già sufficientemente imbarazzante per lui, senza bisogno di sentire tutta una serie di altre lamentele. Altra cosa da non fare è quella di prenderlo in giro sbeffeggiandolo davanti a fratelli, parenti o peggio ancora i suoi amici. Al contrario, quando ci accorgiamo che ha nuovamente bagnato il letto, dovremmo cercare di fare finta di nulla, sdramattizzando il più possibile l'accaduto.

45

Se il bambino ha già superato i quattro anni e qualche volta fà la pipì a letto, ci può tornare utile la fitoterapia. Il consiglio è di utilizzare questa ottima tisana, la quale dovrà esserergli somministrata alla sera poco prima di coricarsi. Prepariamo la tisana mettendo in infusione in una tazza di acqua bollente, per cinque minuti, 10 grammi di tiglio e 10 grammi di fiori di brughiera, ingredienti facilmente reperibili presso tutte le erboristerie. Somministriamo la bevanda al nostro bambino, dopo averla dolcificata con una puntina di miele, molto calda. Questa tisana dovrà essere data una sera sì, ed una sera no, per ventuno giorni di seguito; quattro giorni di riposo, quindi riprendiamo un nuovo ciclo, sempre di ventuno giorni.

Continua la lettura
55

Naturalmente se questi episodi sono molto frequenti, dovremmo cercare di capirne la causa, ma sicuramente l'aiuto più valido ed efficacie arriva proprio da noi genitori. Ecco perché è molto importante non sgridare il nostro bambino, questi potrebbe essere in una fase di incertezza, magari in casa è appena arrivato un fratellino o una sorellina, cosa che al bambino, a livello inconscio, può non essere stata troppo gradita. Quindi dovremmo armarci di tanta pazienza cercando di rassicurarlo in tutti i modi che il suo posto nessuno lo vuole prendere. Dovremmo inoltre prestare molte più attenzioni a lui rispetto al nuovo arrivato in modo che capisca concretamente che la sua posizione non è affatto in pericolo. Al momento che il piccolo si corica, potremmo andare con lui e leggergli qualche favola, o inventare qualche racconto carino in modo da distendergli i nervi magari inserendolo come protagonista principale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come insegnare al bambino ad usare il vasino

Una delle cose più importanti da fare, quando il proprio bambino sta crescendo, e si vuole segnare un passo importante nel suo percorso formativo, è ...
Bambino

Come insegnare al bambino a dormire nel proprio letto

Al giorno d'oggi è diventata un'abitudine molto diffusa, quella di consentire ai propri figli di dormire nel "lettone" dei genitori. Tutto questo si ...
Bambino

Come passare all'uso del vasino

Abituare un figlio a passare all'uso del vasino può essere più o meno semplice, naturale o al contrario abbastanza complesso, traumatico o divertente. Tutto ...
Bambino

Come fare se per strada al bambino scappa la pipì

Quando il nostro bambino passa dalla fase pannolino a quella mutandine, di sicuro è una gioia e una conquista per tutti, ma soprattutto per il ...
Bambino

Come dormire con un bimbo appena nato

Le neo mamme alle prime esperienze con un neonato a volte si sentono insicure e hanno paura che ogni cosa che fanno potrebbe in qualche ...
Bambino

Come evitare che il tuo bambino bagni il letto

L'emissione involontaria di urina durante la notte si chiama enuresi notturna ed è un disturbo diffuso nei bambini in età prescolare ma può continuare ...
Bambino

Come Favorire La Socializzazione In Un Bimbo

La socializzazione è uno degli obiettivi importantissimi, per noi educatori, che vogliamo favorire e formare la personalità del bimbo, spesso, sottovalutato dai genitori, che preferiscono ...
Bambino

Come abituare il proprio bambino al vasino

L'uso del vasino non ha un momento ben preciso: molti pediatri sostengono che, come per le altre funzioni, anche per l'utilizzo del vasino ...
Bambino

5 cose indispensabili per un neonato

L'arrivo di un bebè comporta sempre molte novità e cambiamenti all'interno di una famiglia, specie se si tratta del primo figlio. Oltre ad ...
Bambino

Come iniziare a togliere il pannolino al tuo bimbo

Togliere il pannolino ai bambini piccoli, è sempre problematico, ma è un passo molto importante nella vita del bambino, nella routine dei genitori e anche ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.