Come insegnare ai bambini una poesia o una preghiera

tramite: O2O
Difficoltà: facile
19

Introduzione

Molti bambini avranno spesso ricevuto come compito per casa una poesia da imparare a memoria. Alle mamme sarà perciò capitato di trascorrere interi pomeriggi nel tentativo di aiutare i propri figli a memorizzarla. Il più delle volte la memorizzazione di una poesia assegnata dalla maestra a scuola o di una preghiera per il Catechismo risulta essere una vera e propria fonte di stress e tensione. Grazie ai consigli che vi forniremo, in questa pratica guida, su come insegnare ai bambini una poesia o una preghiera, potrete trasformare un noioso compito in un momento divertente e gratificante per grandi e piccini.

29

Occorrente

  • Il testo da studiare
  • Molta pazienza
  • Un po' di tempo.
39

Per prima cosa, organizzate l'ambiente per lo studio, mettendo in ordine il tavolo, disponendo di una sedia comoda e minimizzando le distrazioni. In questo modo l'apprendimento sarà più celere e non vi saranno elementi di disturbo per l'attenzione. D'altra parte, vi consigliamo di armarvi di pazienza e di prendervi del tempo da dedicare interamente al vostro bambino.

49

Leggendo il testo ad alta voce, cercate di modulare la metrica ed il ritmo, oltre a metterne in evidenza la sonorità. Così facendo riuscirete a provocare nel bambino una certa dose di curiosità e renderete maggiormente invitante il testo accompagnando la declamazione con una gestualità e una mimica consone. Per memorizzare al meglio un testo, quest'ultimo deve essere compreso, dunque interpretatelo e al limite spiegatelo.

Continua la lettura
59

A questo punto tocca al bambino: invitatelo a leggere il testo tenendo conto delle cadenze ritmiche e della punteggiatura, così come delle pause da frapporre tra una strofa e l'altra. Per aiutare ulteriormente il bambino, potrete fornire un supporto visivo, preliminare alla memorizzazione, il quale consiste nell'indicare con diversi colori le varie strofe da imparare. In alternativa i colori possono essere impiegati per mettere in evidenza le parole in rima: in questo modo il bambino riuscirà ad associare le rime al colore corrispondente e le imparerà a due a due.

69

A questo punto, è la volta della memorizzazione effettiva. Fate leggere e ripetere al bambino un rigo alla volta e, ad ogni verso memorizzato, chiedetegli di ripetere i versi imparati in precedenza. È buona cosa permettere al bambino di imparare a memoria una poesia o una preghiera in più tempi, specie se si tratta di un componimento lungo. Con questo consiglio vogliamo suggerirvi di non proporre al bambino uno studio della poesia o della preghiera all'ultimo momento utile, altrimenti con la fretta non riuscirà a memorizzare l'intero testo.

79

Può essere efficace, ai fini di una più decisiva motivazione al proseguimento della memorizzazione, gratificare il bambino con gesti e parole di assenso e apprezzamento ad ogni strofa imparata. Congratularsi con i piccoli per ciò che imparano è un incentivo molto importante per l'apprendimento, poiché essi si sentiranno apprezzati e sostenuti da un adulto. Qualora il bambino manifestasse segni di stanchezza, concedetegli una breve pausa a base di merenda o giochi e vedrete che recupererà le energie.

89

"Repetita iuvant" recita un noto detto latino, quindi sollecitate il vostro bambino a ripetere il testo più volte. A furia di ripetere i versi, riuscirà a recitare la poesia o la preghiera senza mai fermarsi a causa di un vuoto di memoria. Inoltre, per imprimere ancor più nella mente quanto memorizzato, sarebbe buona cosa far ripetere il testo prima di andare a letto poiché dormire rafforza la memoria, aiutando a ricordare tutto quanto per filo e per segno.

99

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come raccontare la storia di Halloween ai bambini

Dolcetto o scherzetto? Ormai da alcuni anni anche in Italia si è diffusa la moda di celebrare il 31 ottobre la notte di Halloween. Ci prepariamo anche noi comprando dolciumi per i piccoli vicini che busseranno alla nostra porta quella sera; travestiamo...
Bambino

Come insegnare i mesi dell'anno ai bambini

Tutti i bambini sono sempre molto curiosi di imparare continuamente delle cose nuove, e per questo motivo sia gli insegnati che i genitori devono cercare di assecondare in tutti i modi la loro voglia di conoscere ed esplorare. Per facilitare il processo...
Bambino

10 idee per prepararsi al Natale coi bimbi

Qual è quel periodo dell'anno in cui dobbiamo essere tutti più buoni, si vedono luci e colori dappertutto, riprende la solita querelle pandoro contro panettone e siamo giustificati se ingrassiamo un po'? Il Natale, ovviamente! E Natale, diciamoci la...
Bambino

Come insegnare ai bambini a leggere e scrivere

Il primo impatto con la scuola non è mai semplice per i bambini perché segna sia la lontananza dai genitori che un reale cambiamento nelle abitudini quotidiane. Il primo passo da compiere è sicuramente imparare a leggere e a scrivere. A tal proposito,...
Bambino

Come insegnare i numeri al bambino

Fin da piccoli i bambini hanno grandi capacità di apprendimento. Sono molto svegli e curiosi e sono più capaci di assorbire informazioni da piccoli più che da adulti, imparando diverse cose molto in fretta. È importante, pertanto, stimolarli e guidarli...
Bambino

Come insegnare i giorni della settimana ai bambini

Quante volte vi è capitato che i vostri bambini non sappiano i giorni dalla settimana e facciano confusione tra di loro? Sicuramente tante. La cognizione del tempo è difficile da imparare per un bambino piccolo, ma fortunatamente, i bambini possiedono...
Bambino

Trucchi per far memorizzare nuove parole a un bimbo

La fase della crescita che porta all'acquisizione del linguaggio è sicuramente una delle più importanti, in questa fase i genitori, o chi di parte, svolgono un ruolo decisivo. È giusto quindi che siano preparati su come insegnare al proprio bambino...
Bambino

Come insegnare ai bambini a scrivere

Negli anni passati, per insegnare ai bambini a scrivere, si faceva disegnare loro i "bastoncini". In questo modo i bambini acquisivano dimestichezza nel tenere in mano una penna. Oggi non si utilizza più questo tipo di metodo perché antiquato, ripetitivo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.