Come insegnare ai bambini a leggere e scrivere

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il primo impatto con la scuola non è mai semplice per i bambini perché segna sia la lontananza dai genitori che un reale cambiamento nelle abitudini quotidiane.
Il primo passo da compiere è sicuramente imparare a leggere e a scrivere.
A tal proposito, nei passi seguenti vedremo come possiamo insegnare ai bambini un corretto approccio, fornendo loro un metodo di studio che possa essere applicato anche in futuro in altre circostanze.

28

Occorrente

  • Libri di fiabe
  • Quaderno
  • Grammatica
  • Internet
38

Innanzitutto i genitori devono collaborare con i docenti per non creare una discrasia scuola - famiglia.
Sono infatti tante le volte in cui le maestre hanno chiesto l'intervento dei genitori per quei bambini che trovano qualche difficoltà nell'apprendimento.
Questo accade anche per gli alunni più dotati, proprio per incentivarli a fare di più.
Se ne deduce che l'interazione tra famiglia e docenti è fondamentale.
Sin dai primi anni di vita bisognerebbe leggere delle fiabe ai bambini sì da suscitare lo sviluppo della fantasia, la curiosità di sapere e il desiderio di leggere da soli i testi.
Questa lettura dovrebbe sostituire la visione di programmi pomeridiani più adatti agli adulti poiché a quell'ora i bambini sono più ricettivi.
Non è invece fruttuoso farlo quando il bambino è già a letto perché è stanco e non assimila alla stessa maniera.
Per quel che concerne lo scrivere, invece, non si può prescindere dalla conoscenza dell'alfabeto, quindi solo successivamente a questo passaggio si potrà iniziare ad approcciarsi alla scrittura del proprio nome, e dei diversi oggetti che si vedono.

48

Il passo successivo sarà quello di insistere sulle più comuni regole grammaticali che diventeranno così facile patrimonio del bambino.
Quando si inizia lo studio l' alunno dovrebbe leggere almeno 5 pagine al giorno di un libro a lui gradito.
Attualmente, inoltre, si può fare ricorso a internet, presentato a mo' di gioco.
Trovare dei buoni siti può incentivare il dialogo fra i bambini, e può essere di grande aiuto per imparare a leggere e a scrivere.
Bisogna saper individuare i social network più congrui all'azione pedagogica che state svolgendo.
Ovviamente non devono contenere al loro interno degli spam pubblicitari, i quali portano spesso anche immagini non adatte a un pubblico di minori, né devono avere un linguaggio di comunicazione sgrammaticato.

Continua la lettura
58

È bene tenere in considerazione che, sia per quanto concerne i concetti che, soprattutto l'aspetto grammaticale, la rete non è in grado di fornire sempre informazioni corrette. Pertanto, è importante imparare a discriminare e a scegliere i siti internet che più si addicano a dei bambini in età scolare.
Tuttavia, bisogna affermare che, comunque, il web offre una grandissima quantità di strumenti utili all'apprendimento scolastico.
Si pensi a tutte le enciclopedie, dizionari e a tutti quei siti di grammatica online.
Malgrado tutto, il web rimane senza dubbio un ottimo strumento di alfabetizzazione.

68

Resta fondamentale l'esercizio della scrittura a mano e della memorizzazione di brani, poesie, coniugazione verbale per accedere con più competenze e sicurezze al mondo della cultura.
Poiché il gioco resta la parte più importante della vita di un bambino perché con esso si approccia alle regole della vita, si consiglia di seguire il metodo Montessori che ad esso fa riferimento come perno di un insegnamento fruttuoso per ogni tipo di bambino: dai più dotati a quelli più problematici.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Leggete le fiabe ai bambini durante il giorno e non prima di addormentarsi, in maniera tale che possano prestare attenzione non solo al testo, ma anche alle singole parole e alla grammatica.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

5 modi per insegnare a leggere al tuo bambino

Avviare i bambini in età prescolare alla lettura implica un processo educativo impegnativo. I genitori che intendono insegnare a leggere al proprio figlio dovranno munirsi di una buona dose di pazienza, nella consapevolezza che ciascun bimbo necessita...
Bambino

Come Insegnare Le Tabelline Ai Nostri Figli Senza Sforzo

Molto spesso le tabelline rappresentano un vero e proprio cruccio per i bambini in quanto risultano essere piuttosto complicate da imparare. Esse infatti necessitano di una certa memoria e di una buona dose di costanza e buona volontà. Riuscire ad impararle...
Bambino

Come insegnare al proprio figlio ad andare in bicicletta

Uno dei compiti di un genitore è quello di trasmettere il proprio sapere ai figli. Si parte dalle cose semplici fino a quelle più complessi. I momenti di apprendimento rendono il rapporto padre-figlio più intenso e creano bei ricordi. Uno di questi...
Bambino

Modi divertenti per insegnare ad un bambino l'alfabeto

Il passaggio dall'età del gioco a quella dell'apprendimento rappresenta una fase molto delicata per lo sviluppo dei più piccoli. Tuttavia, è importante cercare di far capire ai bambini che imparare qualcosa di nuovo non è solo utile, ma anche divertente,...
Bambino

Come insegnare i mesi dell'anno ai bambini

Tutti i bambini sono sempre molto curiosi di imparare continuamente delle cose nuove, e per questo motivo sia gli insegnati che i genitori devono cercare di assecondare in tutti i modi la loro voglia di conoscere ed esplorare. Per facilitare il processo...
Bambino

Come insegnare i numeri al bambino

Fin da piccoli i bambini hanno grandi capacità di apprendimento. Sono molto svegli e curiosi e sono più capaci di assorbire informazioni da piccoli più che da adulti, imparando diverse cose molto in fretta. È importante, pertanto, stimolarli e guidarli...
Bambino

Come insegnare ai bambini a riconoscere le forme geometriche

La geometria, al pari della matematica, è forse la materia più ostica sia per gli alunni delle scuole elementari, sia per coloro che la studiano a livello universitario. Questa difficoltà sta soprattutto nel fatto che ogni concetto è strettamente...
Bambino

Come insegnare ai bimbi le lettere dell'alfabeto

I bambini piccoli sono paragonabili a delle spugne: assorbono tutto quello che li circonda e lo imprimono nella loro mente, senza che nulla possa eliminarlo. Pertanto, i primi insegnamenti sono fondamentali per la loro crescita. Le lettere, le forme,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.