Come idratarsi durante l'allenamento

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Fare sport non è solo consigliabile, ma è anche necessario per il proprio organismo, in quanto non è nato per l'inattività. L'attività sportiva, nello specifico, apporta innumerevoli benefici alla salute fisica e psichica della persona, oltre a migliorare tutti quanti gli aspetti associati alla qualità della vita. Lo sport, infatti, riduce lo stato di ansia, lo stress e la depressione, oltre a prevenire l'osteoporosi, e ad abbassare notevolmente il rischio di sviluppo delle malattie cardiovascolari. Chi pratica sport, conosce benissimo che deve costantemente tenere sotto controllo due aspetti fondamentali. Stiamo parlando dell'idratazione e del'alimentazione. In questa breve guida, pertanto, troverete degli utilissimi consigli su come idratarsi durante l'allenamento.

24

Evitare di allenarsi con indumenti che impediscono la traspirazione

È fondamentale partire dal presupposto che non è vero che maggiormente si suda, più si dimagrisce. Allenarsi con indumenti che ostacolano la traspirazione, meccanismo attraverso il quale si disperde il calore corporeo generatosi durante l'esercizio fisico, oltre ad essere una pratica completamente inutile, è anche un'attività nociva per l'organismo umano. Il sudore non è grasso che si scioglie, bensì non è altro che acqua e sali minerali (tra cui sodio e potassio). Il pareggio del bilancio idrico è la premessa indispensabile per ottenere un allenamento funzionale.

34

Assumere bevande isotoniche già prima di effettuare l'attività fisica

I liquidi devono essere assunti non esclusivamente durante la fase di allenamento fisico, ma occorre iniziare già precedentemente. Durante l'esercizio, infatti, è consigliabile idratarsi con alcuni piccoli sorsi ad intervalli regolari, senza aspettare che arrivi lo stimolo della sete. Durante l'allenamento, infatti, la sensazione della sete rappresenta già un segnale di disidratazione. Per combattere la disidratazione sono particolarmente indicate le "bevande isotoniche", le quali presentano una percentuale di carboidrati abbastanza elevata, e per questo motivo viene ridotta la rapidità dello svuotamento gastrico. La formula composta da carboidrati e da sali minerali viene assorbita dall'organismo con maggiore facilità rispetto all'acqua. Bevande come il Gatorade, quindi, sono ideali prima, durante e dopo un allenamento della durata superiore ai trenta minuti. Per gli allenamenti di durata inferiore alla mezz'ora, invece, l'acqua rimane la migliore soluzione possibile.

Continua la lettura
44

Una buona soluzione può essere quella di realizzare delle bevande fai da te

Il gusto della bevanda è sicuramente fondamentale. A tal proposito, la ricerca ha dimostrato che si è in grado di idratare nel migliore dei modi, se quello che si sta bevendo è di proprio gradimento. Oltre alle bevande isotoniche esistenti già in commercio, è possibile realizzare una bevanda reidratante mescolando vari componenti. Una di queste, ad esempio, è costituita da 5 cucchiai di zucchero ogni litro d'acqua, da un pizzico di sale e da 100 ml di succo d'arancia concentrato. Un'altra ricetta di bevanda-reidratante-fai da te prevede l'utilizzo di alimenti ad elevato tasso vitaminico (come l'ananas, le arance, le banane ed il sedano), frullati ed uniti a 250 ml di acqua.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come riconoscere la chetosi nei bambini

La chetosi, nota anche come acetone, è un processo biologico legato all'alimentazione. In poche parole la chetosi è una temporanea disfunzione metabolica.Si verifica principalmente nei bambini fino ai 10 anni quando l'organismo, finiti gli zuccheri...
Bambino

Metodi per placare il pianto isterico del bimbo

il pianto è l'unico strumento a disposizione che un neonato ha per poter comunicare con i suoi genitori. Ogni volta che necessita di qualcosa il bambino piange per segnalare che non sta bene oppure per far capire a chi gli sta intorno che ha bisogno...
Bambino

10 frasi da non dire a una neomamma

L'arrivo di un bambino è sempre una gioia e tutti, amici e parenti, fanno a gara per tenerlo, vederlo, toccarlo e spupazzarlo per bene. Sin dalle prime ore dal parto iniziano tutti a parlare, dire la propria, tra i consigli dell'anziana di turno, o la...
Bambino

Come fare se un bambino non dorme

Le cause per cui un bambino si sveglia spesso, possono essere diverse e ciò fa preoccupare non poco i genitori poiché pensano che il neonato sia malato o, peggio, che non siano all'altezza di svolgere il loro compito. Tutto ciò non fa altro che accrescere...
Bambino

Come calmare un bimbo che piange

Ciò che contraddistingue un buon genitore e la sua presunta bontà nel saper crescere i propri figli è sopratutto la capacità di comprendere questi ultimi e i segnali che mandano in modo tacito durante le diverse fasi della loro crescita, fino alla...
Bambino

Come comportarsi se il neonato piange la notte

Uno degli eventi più gioiosi del percorso della nostra vita, è sicuramente la nascita di un figlio. Ma adeguarsi al nuovo arrivato non è così facile come sembra. Il suo arrivo, infatti, cambia o sconvolge del tutto i ritmi familiari. Insieme alle...
Bambino

Come calmare bambini che piangono

La nascita di un figlio è un'esperienza meravigliosa. La vita di coppia si stravolge felicemente e inizia un percorso di vita ricco di emozioni. Ci si prepara tanto ad accogliere questo nuovo essere. Tuttavia, ci si accorge di non riuscire a capire tutti...
Bambino

Come consolare un bambino che piange

Il pianto è un'espressione naturale adottata da ogni essere vivente tramite il quale si riesce ad esprimere determinate sensazioni. Per il bambino, soprattutto durante i primi mesi di vita, rappresenta l'unico modo per esternare un malessere. Infatti,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.