Come gestire un conflitto tra fratelli

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Generalmente, i fratelli vivono un rapporto unico di amore e conflittualità. Risultano complici ed alleati in numerose occasioni, anche se l'affetto dei genitori scatenano in loro una forte competitività. Questi atteggiamenti determinano spesso un litigio non esclusivamente verbale, ma purtroppo anche fisico. Le circostanze richiedono dunque la gestione del conflitto. In psicologia, lo scontro con gli altri rappresenta una tappa obbligatoria per crescere e maturare. Gestire un conflitto tra fratelli aumenta e fortifica la relazione genitori-figli. Nel seguente tutorial vediamo allora qualche consiglio funzionale su come bisogna comportarsi. Logicamente, ciascun genitore troverà le risposte da sé.

27

Occorrente

  • Pazienza
  • Dialogo
  • Imparzialità
37

Mostrarsi imparziale e cercare la riappacificazione

Gestire un conflitto tra fratelli non è semplice. Durante l'età infantile, un litigio si verifica molto spesso e preannuncia dei cambiamenti rilevanti. La nascita di un fratellino od una sorellina destabilizza il primogenito, che dovrà abituarsi al fatto che il nuovo arrivato riceverà più attenzioni rispetto a lui. Penserà istintivamente di non avere più l'affetto dei genitori. Avrà inoltre paura di non essere più il figlio preferito. Con il passare degli anni i timori del primogenito sfoceranno nei litigi, nell'antagonismo e purtroppo nell'aggressività fisica. Il genitore ha il ruolo fondamentale in queste situazioni, dunque si mostrerà imparziale con i fratelli per non alimentare le gelosie. Fare pace dopo un litigio avviene soprattutto quando si tratta di bambini. Quest'ultimi sono gli unici che non portano rancore contro l'avversario.

47

Lasciar parlare i fratelli tra loro e capire la fonte del disagio

Qualora il conflitto venisse generato da un oggetto, non bisogna mai darlo ad un fratello solo per non passare dalla parte del colpevole. Piuttosto è meglio toglierlo ad entrambi e lasciarli chiarire tra di loro. Così facendo i fratelli impareranno a risolvere le controversie da soli, adoperando la diplomazia. Alcune volte il litigio degenera in manifestazioni di isterismo o troppo nervosismo, dunque occorre comprendere la fonte dell'eccessiva rabbia parlandone. Talvolta l'aggressività si manifesta non esclusivamente sui fratelli, ma anche su animali od oggetti presenti in casa. Di conseguenza è necessario indagare sulla fonte del disagio e sciogliere gli eventuali intrecci nei rapporti familiari.

Continua la lettura
57

Parlare con i fratelli litiganti in modo tranquillo ed insegnare loro il rispetto anche in un litigio

Se il conflitto tra fratelli avviene durante l'età adolescenziale, è necessario parlare con i ragazzi senza aggressività o insulti. Bisogna non perdere la calma davanti alle loro grida e calmarli pacatamente dopo aver compreso le ragioni. Soltanto a questo punto occorre incontrarli separatamente, in modo da lasciarli sfogare. Alcune volte un litigio tra fratelli si alimenta e diventa più grande per mancanza di dialogo. Di conseguenza è meglio insegnare fin da piccoli il rispetto anche durante un conflitto, in quanto ciò si rivela costruttivo. L'adolescenza è un periodo della vita complicato. Bisogna gestire la confusione, i grandi cambiamenti e le emozioni tempestose con l'ausilio dei genitori.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Genitori non si nasce, ma si diventa: purtroppo si commettono errori anche con i figli, ma non dovrà assolutamente mancare l'amore per i bambini distribuito in egual misura.
  • Insegnare ai fratelli l'importanza del dialogo e del chiarimento diplomatico.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

6 favole da raccontare prima di andare a letto

Si sa, per i bambini le favole sono come un gioco che risplende nelle loro energiche giornate, insegna una morale, lo aiuta nella sua crescita, tiene impegnati gli ingranaggi della sua mente sempre in movimento e lo accompagna nella vita di tutti i giorni.Ogni...
Famiglia

Come chiedere scusa ad un figlio

I litigi e gli screzi tra genitori e i figli sono una costante inevitabile di ogni vita famigliare, ed è importante che i genitori imparino a gestire i conflitti nel modo migliore, per evitare ai figli di vivere in modo rovinoso le proprie relazioni...
Famiglia

Come gestire la gelosia del figlio adolescente verso il fratello

La gelosia tra fratelli è naturale, c'è sempre stata, e ci sarà sempre perché fa parte del processo di crescita. Ogni bambino o adolescente che sia avverte spesso questo sentimento nei confronti del proprio fratello. In modo particolare, l'adolescenza...
Famiglia

5 motivi per aspettare prima di avere un secondo figlio

Quante di voi mamme desiderano un secondo figlio? E quante di voi mamme siete insicure sul da farsi e siete in dubbio se aspettare, magari perché siete usciti da poco da un parto cesareo, o impazienti, perché il vostro primogenito si sente solo e vuole...
Bambino

Come adottare un bambino: procedure burocratiche

In Italia l'iter burocratico da percorrere per adottare un bambino è particolarmente lungo e laborioso. Questa guida vuole offrire un supporto a tutte quelle coppie che decidano di intraprendere la strada dell'adozione fornendo loro le indicazioni necessarie...
Bambino

Idee per lavoretti per la Festa della Mamma

Uno dei giorni più importanti per un bambino è rappresentato dalla festa della mamma. In quel periodo molte scolaresche si organizzano con poesie e lavori manuali, semplici pensieri ma che emanano grande amore verso chi si vuole bene. A tal proposito...
Bambino

Come stimolare lo sviluppo sociale del bambino

I bambini nascono con un carattere personale e un indole più o meno favorevole alla socializzazione: ad esempio, ci saranno dei piccoli maggiormente estroversi, socievoli e gioiosi.Questo non toglie che, le esperienze maturate durante i primi anni di...
Bambino

Autosvezzamento: come iniziare

I bambini vengono avviati allo svezzamento, nel periodo di età che va generalmente dai 4 ai sei mesi. È da preferire l'inizio di tale procedura, nei periodi "freschi" prediligendo l'autunno, l'inverno e la primavera, evitando di iniziare uno svezzamento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.