Come gestire un bambino che prende in giro i compagni

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Ognuno di noi ha tratti particolari che caratterizzano la personalità sin dai primi anni. Li ereditiamo dai genitori e sono presenti nel nostro corredo genetico. Quando cresciamo molte caratteristiche si rafforzano mentre altre qualità vengono meno. Ognuno di noi è unico nel suo genere. Siamo tutti uguali ma non simili. Crescendo assimiliamo nuovi comportamenti dagli altri. Si impara a socializzare andando all'asilo e continuando il percorso educativo. In questi anni molti genitori ed educatori si impegnano a gestire i bambini ribelli. Vediamo come fare se nostro figlio prende in giro i compagni.

26

Esaminare la situazione in maniera obiettiva

Il problema può presentarsi allo stesso modo se abbiamo una figlia. La maestra ci richiama spesso riferendoci quello che accade in aula. La prima cosa da fare è chiedersi se all'interno della nostra famiglia tutto procede bene. La situazione va' esaminata in maniera obiettiva.

36

Accettare la situazione

Non bisogna sentirsi colpevoli né perfetti. Sono cose normali che capitano a tante altre persone. Tutti i giorni abbiamo a che fare con la routine del lavoro e degli impegni familiari. È chiaro che se dal punto di vista del bambino, non stiamo vivendo una relazione felice con il compagno o la moglie, il figlio ne risente. Anche se non conosce a fondo il problema, lui non è felice perché ci vede stare male.

Continua la lettura
46

Comunicazione

Se non abbiamo affrontato apertamente il problema con il ragazzo, non possiamo escludere che non comprenda il nostro stato. La comunicazione serve a manifestare i sentimenti. Ma le emozioni si trasmettono anche senza linguaggio. Tuttavia solo parando si conosce la verità. Perché comunichiamo gli stati d'animo ed è difficile mentire. Ma a volte non accade niente di tutto questo. Siamo consapevoli che il nostro rapporto di coppia va' a gonfie vele. Con i figli discutiamo spesso e non vediamo nulla di strano. Allora il problema è fuori. È il caso di esaminare l'argomento con l'insegnante. Per avere un idea chiara ed esaustiva dal suo punto di vista. Una volta a casa affrontiamo la questione con lui. Non sentiamoci giudici e non emettiamo sentenze. Provare rancore verso il docente o nei confronti di un alunno della classe, non è un comportamento da persone mature.

56

Ci vuole volontà

Teniamo conto che l'empatia è la qualità migliore per entrare in contatto con chi si vuole aiutare. Nostra figlia non è un adulta e vede il mondo attraverso i suoi occhi. Non ha le nostre stesse percezioni. Quindi anche se non è facile, sforziamoci di capire quello che dice, in base alla sua età. I genitori amano incondizionatamente i loro ragazzi. Con la volontà riusciamo ad aiutarli. Inoltre per risolvere il problema collaboriamo con il marito e la maestra.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Pensare che il nostro bambino è malato aumenta il disagio. "Non fasciamoci la testa prima di romperla".
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come preparare i figli al primo giorno di scuola

Come preparare i figli al primo giorno di scuola. I bambini sappiamo sanno adeguarsi alle nuove esperienze, molto dipende anche dal carattere, ma se abituati all'asilo hanno imparato a convivere e condividere gli spazi con gli altri, noi genitori dobbiamo...
Bambino

10 giochi teatrali da fare con il tuo bambino

Il gioco teatrale è lo strumento di crescita appositamente studiato per lo sviluppo psichico e sociologico dei bambini. I piccoli imparano a leggere e a parlare con maggiore espressività. Iniziano a lavorare in gruppo. Si abituano a stare davanti ad...
Bambino

Bimbi: 10 regole d’oro per un felice rientro a scuola

La fine delle vacanze estive e l'inizio di un nuovo anno scolastico tra i banchetti di legno è sempre un momento un abbastanza particolare per ogni bambino. Salutare la spiaggia e gli amichetti dell'estate per tornare sui libri e quaderni di scuola può...
Bambino

Come affrontare la gelosia tra bambini

La gelosia tra bambini è un evento piuttosto frequente, che si tratti di gelosia tra fratelli o tra compagni di scuola. Quando un nuovo bambino arriva in famiglia, l'equilibrio a tre si spezza inevitabilmente, ed è naturale che il nuovo arrivato porti...
Bambino

Frasi da non dire mai a un bimbo sovrappeso

Nella società odierna, la percentuale dei bimbi sovrappeso sembra essere in costante aumento. Moltissimi bambini presentano una condizione fisica in cui il peso corporeo supera, talvolta anche in modo evidente, il peso medio consigliato da medici, pediatri...
Bambino

Come gestire un bambino che fa a botte con i coetanei

Ci sono bambini calmi e altri dall'indole più focosa, sempre pronti alla rissa e a scatenare putiferio tra gli altri bambini, talvolta imponendo il loro volere con la violenza. Alcune volte gli atteggiamenti aggressivi da parte dei figli sono da reperire...
Bambino

Cosa fare se tuo figlio chiede un fratellino

Tutti i bambini soprattutto se primogeniti, arrivano a circa a due o tre anni di vita, a sentire la necessità di avere un fratellino. Nella maggior parte dei casi i maschietti chiedono un fratellino e le femminucce una sorellina. Non è sempre facile...
Bambino

Sport di squadra: perchè è importante per il bambino e quale scegliere

Quando si pensa ad uno sport per i nostri bambini, è molto importante ponderare attentamente ciò che andiamo a scegliere perché è bene valutare lo sport giusto anche in funzione del carattere del bambino infatti far praticare un'attività agonistica...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.