Come gestire le emozioni dei bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Gestire le emozioni dei più piccoli solitamente mette gli adulti in difficoltà, soprattutto quando si tratta di sentimenti come tristezza, rabbia o paura. I bambini non hanno filtri nell'esprimere ciò che provano e non sanno dargli un nome. Accade spesso che i genitori più o meno ansiosi si facciano prendere in modo eccessivo dalla preoccupazione e tendano a evitare di rendere partecipi i propri figli, circa quegli eventi che, secondo loro, potrebbero turbarli. Per questo motivo, proprio nei momenti più difficili della vita familiare, capita che i bambini debbano far fronte alle loro emozioni senza poter contare sul sincero aiuto delle loro figure di riferimento: la mamma o il papà. Domandiamoci se è davvero necessario temere le emozioni dei più piccoli. La verità è che spesso questi vivono le cose con molta più spontaneità e leggerezza di quanto facciamo noi adulti. I bambini hanno solo bisogno di sentire un porto sicuro presso cui fare ritorno, qualsiasi cosa accada.

28

Occorrente

  • Amore, ascolto e tempo per vostro figlio
38

Evitare errate interpretazioni

La prima cosa importante da fare è evitare errate interpretazioni. È risaputo che i bambini hanno difficoltà a dare un nome a quello che provano. Infatti nel periodo pre-verbale sono completamente impossibilitati nel farlo, così ciò che deve guidare l'adulto nel capire cosa accade nel piccolo è la reazione di quest'ultimo (es. Il pianto o le urla). Questa capacità di analisi viene acquisita nel tempo dai genitori, gli unici in grado di capire a fondo il proprio bambino.

48

Comprendere la reazione

La seconda cosa si deve comprendere in seguito a cosa ha reagito in questo modo.
Sappiamo che i piccoli esprimono le emozioni in seguito a precisi eventi che li riguardano o a situazioni e persone che li circondano. Saper capire quale motivo causa la manifestazione emotiva può essere utile al genitore per evitare di fare interpretazioni errate sui motivi della stessa e può aiutare a farsi un'idea corretta della reale emozione sottostante. Altrettanto importante è analizzare ciò che accade dopo la manifestazione emotiva. Infatti, spesso i bambini urlano o si agitano semplicemente per attirare l'attenzione dell'adulto, per ottenerne coccole e affetto.

Continua la lettura
58

Osservare cosa accade dopo la reazione emotiva

Osservare attentamente cosa accade solitamente dopo una certa reazione emotiva del bambino è un ottimo stratagemma che permette di capire cosa lo spinge a comportarsi in quel modo.
Nel caso in cui si dovesse notare che è la presenza di persone precise o l'allontanamento delle figure di riferimento a turbare il bambino, è opportuno modificare i modi attraverso cui ci si avvicina o ci si distacca dal piccolo e prepararlo al meglio a incontri e/o distacchi. Si consiglia a questo pro l'introduzione di "rituali", che si rivela spesso un'ottima strategia per aiutare il piccolo a capire che si sta avvicinando un evento o un momento preciso. Esempi classici sono il momento di andare a scuola, di andare a dormire o l'arrivo della baby-sitter.

68

Osservare i comportamenti anche quando è calmo

Evitate assolutamente di prestare tempo e attenzioni solo quando il bambino è capriccioso.
Un errore frequente è coccolare o riempire di baci e vezzeggiativi il bambino dopo che ha avuto una manifestazione emotiva di un certo tipo. Non significa che non si debba mostrare interesse e affetto per il piccolo quando ci fa capire che ne ha bisogno, ma vuol dire che non si deve farlo solo in queste circostanze. Il motivo? Non è difficile immaginarlo: il bambino aumenterà i momenti di disagio non perché ne abbia più motivi del solito, bensì per assicurarsi la sua dose quotidiana di amore e affetto.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando il bambino è turbato per qualcosa che non conosce e di cui ha paura, parlategliene. Usando un linguaggio adeguato alle sue capacità di comprensione e mostrandovi tranquilli.
  • Evitare assolutamente di prestare tempo e attenzioni solo quando il bambino è capriccioso.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

Come rafforzare il legame con i figli

Avere un buon rapporto con i propri figli, è senza dubbio lo scopo che ogni genitore si pone ogni qual volta si relaziona con loro. Rafforzare il legame con i nostri ragazzi, è un cammino che va alimentato giorno per giorno, iniziando soprattutto nei...
Bambino

5 motivi per portare i bambini alle mostre

Visitare una mostra è un momento straordinario. La passione per l'arte, la curiosità verso l'essere umano, la tensione alla bellezza sono estasi che chi è abituato a frequentare musei e luoghi d'arte con una certa regolarità conosce bene. Cosa accade,...
Bambino

Come stimolare l'apprendimento dei bambini

Ogni genitore va orgoglioso delle conquiste che, giorno dopo giorno, compie il proprio bambino, stupendosi e vantandosi con parenti e amici quando il piccolino utilizza il tablet - utilizzando funzioni di cui si ignorava l'esistenza - o si appropria del...
Bambino

Come Insegnare Al Bambino Ad Interagire Con Gli Altri

Il bambino che sistematicamente si isola dagli altri in quanto si ritiene non bene accetto agli altri, rappresenta una situazione che non deve essere sottovalutata, ma adeguatamente affrontata da parte dei genitori e degli insegnanti. L'intervento precoce...
Bambino

I migliori libri per bambini piccoli

Accompagnare i bambini nella lettura di un buon libro è un gesto d'amore che ogni genitore dovrebbe fare. La lettura ad alta voce consolida il rapporto adulto-bambino e proietta il piccolo in una realtà immaginaria, descritta dalla voce di mamma o papà...
Bambino

Playlist di musica classica per far rilassare un neonato

Prima o poi tutti avete a che fare con un neonato. Talvolta i piccoli hanno difficoltà a dormire per diverse ragioni: troppo caldo, oppure troppe stimolazioni date lo rendono irrequieto. Una proposta allettante per piccoli e grandi, è quella di proporgli...
Bambino

Come aiutare un bambino a superare la perdita di un gatto

Pur tenendo conto che ciascuno di noi è diverso e vive la perdita del proprio animaletto, coniglietto, gatto o un altro animale che sia, tale articolo vi vuole spiegare come aiutare un bambino a superare questo trauma. Sempre più spesso gli animali...
Bambino

Cos'è la dermatite atopica

La dermatite atopica è la malattia dermatologica che più frequentemente si manifesta in età pediatrica. Infatti, solitamente si presenta entro i primi due anni di vita del bambino; raramente compare nell'adulto. È una patologia infiammatoria, ma non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.