Come Favorire La Socializzazione In Un Bimbo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La socializzazione è uno degli obiettivi importantissimi, per noi educatori, che vogliamo favorire e formare la personalità del bimbo, spesso, sottovalutato dai genitori, che preferiscono lasciare giocare e fare esperienze al propri figli da soli, mentre dovrebbero condividere specialmente le esperienze "ludiche", poiché considerate le più istruttive. Si, perché la migliore " palestra di vita " quotidiana, passa attraverso l'attività come il gioco o la drammatizzazione e la socialità.

27

Occorrente

  • Coetanei del nostro bimbo
  • Ambiente sereno, dove organizzare tali esperienze di gioco
  • Materiale creativo e ludico vario, anche formato da oggetti in disuso
  • Creare uno spazio di gioco, anche in casa
  • Presenza di un adulto che guida i giochi e modera, se necessario gli umori dei piccoli che giocano
  • Gratificazioni o premi, per promuovere e premiare i momenti di condivisione
37

Per prima cosa, dobbiamo invitare a casa dei compagni di gioco, possibilmente coetanei del nostro bimbo. Non molti, così sarà più facile il tutto. Dobbiamo riuscire a creare, un ambiente sereno, perché è importante l'atmosfera. Inoltre, altro elemento essenziale è anche il materiale di gioco che dobbiamo proporre, non va affidato al caso, vecchi indumenti per travestirsi o per "imitare" i grandi, oggetti in disuso, che creino nel piccolo quella "sana" curiosità nel gioco.

47

Lo "spazio di gioco", dovrebbe possibilmente essere organizzato in casa, un angolino che al bimbo piace, dove si sente a suo agio, non osservato dagli adulti della famiglia, almeno non in modo diretto. Elemento poi, essenziale, la presenza di un adulto, che ama, che conosce e con il quale si sente libero di esprimersi. Vanno bene i nonni, o una persona di fiducia della famiglia, con cui il piccolo trascorre alcune ore della sua giornata. Anche uno dei 2 genitori, non entrambi, contemporaneamente.

Continua la lettura
57

Bisognerà, comunque, gratificare sempre l'operato del nostro bimbo. È molto importante a livello educativo, premiare la condivisione di giochi propri ed ambiente personale della vita quotidiana. Siamo certi, che così facendo, imparerà a stare con altri bimbi, nel modo più giusto e, nessuno in futuro, sarà considerato da lui diverso da sé stesso, mai. Stiamo facendo una cosa giusta e dovremmo continuare, magari più in là, assentandoci più di frequente, per permettergli una socialità più equilibrata. Il piccolo gestirà, in avanti autonomamente la sua affettività e socialità.

67

Approfondomenti e consigli: I bambini hanno paura degli estranei ma con l’acquisizione dell’autonomia e dalla permanenza al nido sono attratti dagli altri, soprattutto dai coetanei. Accompagniamo il nostro bambino in questa delicata fase della sua vita. Le tappe che portano un bambino a socializzare, cioè a conoscere e ad apprezzare il mondo “degli altri”, lasciando per sempre la relazione simbiotica a due con la mamma, fanno parte di un percorso lungo e delicato. La capacità di giocare con i coetanei, benché a noi adulti sembri così semplice e immediata, richiede un tempo di maturazione più lungo rispetto, per esempio, dell’imparare a parlare, a fare pipì nel vasino o a mangiare con le proprie mani. Ecco perché è importante che i genitori favoriscano questo processo naturale, senza forzare il bambino o, al contrario, proteggendolo oltre il necessario se sembra un po’ riservato. Da piccolissimi, in quel albore di relazione che hanno con il mondo esterno, i bambini non fanno distinzione tra famigliari e perfetti sconosciuti: quando qualcuno si rivolge a loro con un sorriso, rispondono a loro volta sorridendo, appagati dalla fiducia che ispira quel volto. La consapevolezza dell’altro arriva molto più tardi.

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

L'importanza del gioco nella socializzazione

L'importanza del gioco nei primi anni di vita di ogni bambino è pari all'importanza dell'alimentazione per una sana crescita. Grazie ad esso esplora e conosce il mondo circostante. Le esperienze ludiche favoriscono lo sviluppo motorio e quello cognitivo....
Bambino

Come organizzare una festa di compleanno per il proprio bimbo

Ogni anno è sempre la stessa storia: arriva il tanto atteso giorno del compleanno del tuo bimbo e non sai da che parte incominciare per organizzare una festa divertente ma senza spendere una cifra esorbitante. Questa guida ti aiuterà nella preparazione,...
Bambino

Idee per stimolare lo sviluppo sociale del bambino

Lo sviluppo sociale può essere definito un processo in cui il bambino si evolve rapportandosi con gli altri. Per "altri" bisogna intendere innanzitutto i genitori, poi gl altri membri della famiglia. Il rapporto che si intreccia con loro nei primi anni...
Bambino

Come stimolare i bambini a farsi dei nuovi amici

Non tutti i bambini sono uguali: questa è una verità inconfutabile che va sempre tenuta in considerazione. Ogni bimbo ha le sue peculiarità, i suoi bisogni e, crescendo, manifesta i lati più predominanti del suo carattere. Ci sono piccoli più vivaci...
Bambino

I migliori sport per bambini maschi

È noto a tutti che lo sport "faccia bene", soprattutto ai nostri bambini: un organismo in evoluzione continua necessita di attenzione e cure, per cui l'attività fisica è un elemento fondamentale dello sviluppo di un corpo sano. Nei maschi, questo aspetto...
Bambino

Come crescere un bimbo sicuro di sé

I bambini che crescono con poca autostima, da adolescenti fanno più fatica a relazionarsi in maniera giusta con gli adulti. Sono problemi e mancanze che lo scorrere del tempo non cancella. Accade esattamente il contrario. Condizionano il resto dell'esistenza....
Bambino

Frasi da non dire mai a un bimbo sovrappeso

Nella società odierna, la percentuale dei bimbi sovrappeso sembra essere in costante aumento. Moltissimi bambini presentano una condizione fisica in cui il peso corporeo supera, talvolta anche in modo evidente, il peso medio consigliato da medici, pediatri...
Bambino

Come affrontare la celiachia nel bambino

La celiachia, detta anche enteropatia glutine-sensibile, è una malattia autoimmune caratterizzata da una intolleranza permanente al glutine. Nello specifico, l'intestino del bambino celiaco non riesce ad assimilare il glutine che, considerato tossico,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.