Come Fare Un Gioco Per Bambini: Il Libro Pop-up Del Ragno

Difficoltà: facile
Come Fare Un Gioco Per Bambini: Il Libro Pop-up Del Ragno
videopazzeschi.com
17

Introduzione

In forma ludica coinvolgi i bambini nella realizzazione della carta d'identità del ragno, costruita come un libro pop-up per giocare con i compagni o da portare a casa per scoprirlo insieme a mamma e papà. Procurati un foglio di cartoncino colorato, un gomitolo di lana e un po' di carta crespa. In questa guida vi spiegherò come fare un gioco per bambini, il libro pop-up del ragno.

27

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • 2 occhietti mobili
  • cartoncino colorato
  • gomitolo di lana
  • carta crespa nera.
  • forbici
37

Prima cosa; costruisci un ragno, appallottola due fogli di carta crespa di diverse dimensioni (uno per la testa e l'altro per l'addome), che fisserai tra loro con la colla caldo. Taglia quattro fili di lana di circa 10 cm di lunghezza e annodali fra i due segmenti del corpo in modo tale da formare le otto zampe. Completa la testa incollando due occhietti mobili.

47

Poi prepara la ragnatela, piega a metà il cartoncino e pratica sui lati opposti dei fori con una matita appuntita, nei quali passerai i fili di lana fissandoli con il nastro adesivo sul retro. Aprendo e chiudendo il foglio piegato, tenderemo o allenteremo la ragnatela, poi appendi il ragno... Alla sua casa.

57

Sul retro del tuo mini libro di scienze riportiamo la sintesi delle informazioni che abbiamo sul ragno: il ragno ha il corpo composto da due parti; la testa che è più piccola e l'addome, ha otto zampe, vive sulla ragnatela, tende da solo la ragnatela appiccicandola qua e là tra gli angoli del muro o tra i fili d'erba.

67

Approfondimenti e consigli:

Nella sua forma più evoluta, una pagina di un libro a pop-up ricorda un origami, tecnica che abitualmente associamo alle forme di pupazzetti di carta tridimensionali non vincolati a un supporto: alcuni libri animati sono creati a partire da vari elementi cartacei illustrati incastrati sapientemente tra loro che "saltano fuori" aprendo il libro, sfruttando le tensioni che creano i punti di ancoraggio alle pagine. Alcuni libri animati abbinano agli elementi pop-up anche elementi semovibili, che permettono al lettore una forma più elaborata di interattività: tirando alcune linguette predisposte gli elementi sulla pagina si muovono mostrando o celando le figure. Tra gli autori che si sono cimentati con successo in questa tecnica ricordiamo Robert Sabuda e Matthew Reinhart. Un bilibro animato è un libro animato edito con la caratteristica di poter essere letto nel verso consueto occidentale dalla prima all'ultima pagina, e successivamente nel verso opposto: ruotando il libro, dall'ultima pagina alla prima. Il termine venne usato dalla Arnoldo Mondadori Editore per indicare il particolare tipo di impaginazione di alcuni volumi tridimensionali a fumetti Disney, pubblicati per la prima volta alla fine degli anni settanta. Le pagine sono realizzate secondo la tecnica della piega a V (V-fold): ogni pagina apre una doppia figura tridimensionale. In un verso è disegnata una storia, nel retro un'altra storia (o la continuazione della precedente), leggibile nel verso opposto ruotando il libro di 180°.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fatevi aiutare dai più piccoli, utilizzate la fantasia
  • Non date oggetti taglienti (forbici) ai vostri figli
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità delle nostre guide