Come far felice un neonato di pochi mesi

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Se hai avuto da poco un figlio, innanzitutto ti facciamo le più sincere congratulazioni. Chi ha appena avuto un bambino, dovrà passare quello che viene considerato il periodo più duro della propria vita, con parecchie notti in bianco. Tuttavia, questa fase della propria vita è anche quella maggiormente sorprendente, nonché ricca di soddisfazioni, dal momento che quotidianamente il bambino appena nato farà progressi. Specialmente se è il primo figlio, è importante essere consapevoli che nessuno meglio della neo mamma possa conoscere il proprio figlio, dal momento che si è stati in simbiosi per 9 mesi. Ma giustamente una delle domande che si pone una neo mamma riguarda come far felice un neonato di pochi mesi. In questa semplice ma esauriente guida proveremo, pertanto, a rispondere a questa domanda.

24

La risposta a questa domanda risiede in un semplice concetto. Ossia, l'unico mezzo con il quale il proprio bambino può comunicare con i genitori, durante i suoi primi mesi di vita, è rappresentato dal pianto. Pertanto, è molto importante comprendere fin da subito a che tipo di esigenza è legato quella data modalità di piangere, che sarà differente in caso di fame, di dolore o semplicemente di voglia di coccole. Questi sono i bisogni principali che presenta un neonato e che sono direttamente correlati alla sua felicità.

34

Nelle prime settimane di vita sarà molto difficile, per i neo genitori, comprendere che cosa il bambino ha intenzione di comunicare. Pertanto, è scontato che si dovrà procedere per vari tentativi. In alcuni casi è abbastanza semplice comprendere, per esempio dopo 2 o 3 ore di sonno al suo risveglio probabilmente il neonato tenderà a piangere in maniera molto insistente per il bisogno di nutrirsi. Invece, nel caso di un pianto nervoso ed accompagnato dai movimenti degli arti inferiori verso l'addome, potrebbe indicare uno stato di malessere provocato da una colica facilmente risolvibile tramite un infuso al finocchio e cullandolo a pancia in giù per produrre un sollievo immediato.

Continua la lettura
44

Molto spesso, tra l'altro, potrà anche avvenire che il neonato tenda a piangere esclusivamente e semplicemente perché ha la necessità di un contatto con la figura materna o di riferimento. In questo caso, è buona regola assecondarlo ogni qualvolta lo richiede, senza aver particolar timore di viziarlo. Il luogo comune del vizio c'è stato da sempre inculcato dalle generazioni precedenti, ed è ancora molto diffuso. Ancora oggi, infatti, si sentono nonne che sono dell'opinione di non tenere troppo in braccio i neonati o di non cullarli per tanto tempo. Tuttavia, le moderne scuole di pensiero basano la loro teoria sul fondamento che quando un neonato piange ha bisogno dei genitori, per cui è buona norma non privarlo delle cure richieste con questa esternazione, facendo in modo che possa crescere come un bambino sicuro e con un attaccamento sano nei confronti delle figure genitoriali. Per concludere il discorso, la risposta più semplice alla nostra domanda è che per rendere felice un neonato di pochi mesi sarà sufficiente stare attenti ai suoi bisogni e soddisfarli con il maggior amore possibile.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come comportarsi se il neonato piange la notte

Uno degli eventi più gioiosi del percorso della nostra vita, è sicuramente la nascita di un figlio. Ma adeguarsi al nuovo arrivato non è così facile come sembra. Il suo arrivo, infatti, cambia o sconvolge del tutto i ritmi familiari. Insieme alle...
Bambino

Le 5 S per calmare il pianto del neonato

Avete mai sentito parlare delle "5 S" per calmare il pianto del neonato? Si tratta dei 5 trucchi per acquietarlo: "swadding, side/stomach, shushing, swinging, sucking 5 mosse proposte dal pediatra di tutte le mamme vip di Hollywood! Volete sapere in cosa...
Bambino

Come gestire il pianto del neonato

Ogni neonato affinché possa comunicare con l'ambiente esterno e con tutte le persone che lo circondano ricorre al pianto. Quando un bambino piange infatti può avere tanti significati, bisogna perciò imparare ad interpretare e di conseguenza a gestire...
Bambino

Motivi per cui un neonato piange

Poiché tutti i bambini non hanno ancora l'uso della parola, l'unico metodo di comunicazione che ha un neonato per farsi capire dai genitori o da chi gli sta intorno è il pianto. Ogni qual volta che sente il bisogno di comunicare qualcosa infatti l'unico...
Bambino

Metodi per placare il pianto isterico del bimbo

il pianto è l'unico strumento a disposizione che un neonato ha per poter comunicare con i suoi genitori. Ogni volta che necessita di qualcosa il bambino piange per segnalare che non sta bene oppure per far capire a chi gli sta intorno che ha bisogno...
Bambino

Come giocare con un neonato al primo nascondino

Prendersi cura dei propri bambini non è sempre facile. Oltre alle cure che essi richiedono ogni giorno è importante anche farli divertire, spesso con giochi piuttosto semplici, come il classico nascondino ad esempio. I neonati durante i primi mesi della...
Bambino

Come interpretare il pianto di un neonato

Capire il perché un neonato piange non sempre è facile ed immediato: questo diviene spesso una notevole fonte di preoccupazione e talvolta addirittura ansia per il papà e per la mamma, specialmente se si trovano ad affrontare la loro prima esperienza...
Bambino

Il neonato nel primo mese di vita

Quando si diventa genitori, ci si trova difronte a mille nuove situazioni e sensazioni che, soprattutto all'inizio, in qualche modo possono stordirci. Anche il neonato, di contro, avendo passato la sua prima fase di sviluppo (nello stato embrionale) protetto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.