Come evitare che il tuo bambino bagni il letto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

L'emissione involontaria di urina durante la notte si chiama enuresi notturna ed è un disturbo diffuso nei bambini in età prescolare ma può continuare anche oltre. Innanzitutto è importante cercare di capire se la causa è di origine psicologica od organica per poter affrontare consapevolmente il disagio, che è tale sia per il bambino che per i suoi genitori. Vediamo come fare per evitare che il nostro bambino bagni il letto di notte.

26

Occorrente

  • pazienza e impegno per affrontare il disagio insieme
36

Affrontiamo la cosa con più serenità possibile, non facciamoci prendere dai sensi di colpa ma cerchiamo di impostare un metodo che risolva il disturbo, sapendo che occorrerà un po' di tempo e pazienza. Le cause fisiologiche possono essere provocate da infezioni urinarie, per le quali è bene avere un consulto pediatrico. Per l'enuresi causata da disagio emotivo invece possiamo applicare alcuni metodi utili per aiutarlo nella maturazione e nel controllo neuromuscolare; se possibile, cerchiamo di comprenderne la causa, la nascita di un fratellino, un cambiamento importante o una situazione di stress possono aver provocato il problema, ricordiamoci che sarà comunque una fase temporanea e che prima o poi si risolverà.

46

In ogni caso cerchiamo di limitare la quantità di liquidi che assume durante e dopo la cena, portiamolo in bagno dopo il pasto serale e prima di andare a letto. Non sgridiamolo mai se ha bagnato le lenzuola, piuttosto lodiamolo quando non lo fa dicendogli che sta crescendo e con un po' di pazienza imparerà a non fare più pipì a letto.

Continua la lettura
56

Proteggiamo il materasso con un telo cerato, e quando cambiamo le lenzuola e rifacciamo il letto coinvolgiamo anche il bambino in queste operazioni, mettiamo insieme a lui le lenzuola in lavatrice, decidiamo insieme quali lenzuola nuove mettere, cerchiamo insomma di creare dei gesti comuni che lo facciano sentire grande perché può aiutare anche lui e non deve sentirsi in colpa per il carico di lavoro in più.

66

Un altro esercizio utile per rinforzare la muscolatura è quello di contrarre l'area genitale e rilasciarla lentamente, più volte al giorno, proponiamolo come un gioco; non deve però fermare il getto della pipì quando sta uscendo. Incoraggiamolo a trattenere le urine per qualche istante quando sente lo stimolo, per rinforzare e distendere la vescica, aumentando gli intervalli di tempo mano a mano che nostro figlio avrà imparato a controllarsi, elogiandolo sempre per i suoi sforzi e tranquillizzandolo che ce la farà.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Pipì a letto: consigli per gestire la situazione

Fare la pipì a letto è un episodio spiacevole ma, del tutto normale. Questo però fin quando, al bambino, capiterà di fare la pipì a letto, per un periodo che va dai 3 ai 6 anni. Comunque sia, per il bambino, può risultare un episodio, molto stressante....
Bambino

Come insegnare al bambino ad usare il vasino

Una delle cose più importanti da fare, quando il proprio bambino sta crescendo, e si vuole segnare un passo importante nel suo percorso formativo, è proprio quello di insegnargli ad utilizzare il vasino al posto del pannolino per fare i suoi bisogni....
Bambino

Come togliere il pannolino di notte al tuo bimbo

Riuscire a individuare il momento giusto durante il quale possiamo togliere il pannolino della notte al nostro bimbo è qualcosa di molto delicato. Si tratta, infatti, dell'atto conclusivo di una serie di abitudini che ha già fatto sue da tempo. Quando...
Bambino

10 regole per l'addio al pannolino

L'addio al pannolino è un momento vissuto con timore sia dai genitori che dai bambini. Le cause di quest'angoscia risiedono spesso nei ripetuti fallimenti di quest'impresa che portano i genitori ad arrendersi ai primi ostacoli. Molte volte, la causa...
Bambino

Come preparare il lettino del bebè

Una volta diventati genitori, si cerca di curare nel minimo dettaglio la vita del proprio bambino. Ciò avviene sin dai primi momenti della sua esistenza. Comprendere le sue esigenze non è sempre facile. Basta un po' d'attenzione per donargli quello...
Bambino

Come riconoscere la chetosi nei bambini

La chetosi, nota anche come acetone, è un processo biologico legato all'alimentazione. In poche parole la chetosi è una temporanea disfunzione metabolica.Si verifica principalmente nei bambini fino ai 10 anni quando l'organismo, finiti gli zuccheri...
Bambino

Cosa fare se il bambino non fa la pipì

Tutti i giorni è normale eliminare l'urina nella vescica attraverso la minzione, e la quantità può variare in base al peso, l'età e la quantità di liquidi assunti. Alcune volte può capitare, però, che il bambino smetta di urinare per diverse ore...
Bambino

Come pulire il nasino ai neonati

La guida che imposteremo si occuperà, nei prossimi tre passi, di spiegarvi come andare a pulire il nasino ai neonati. Il procedimento, come scoprirete, è piuttosto semplice. Ritengo che questa tematica possa essere particolarmente interessante. Incominciamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.