Come educare il bambino a non dire parolacce

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Una delle fondamentali tappe ed anche maggiormente temute da parte dei genitori, che puntualmente si verifica quando vostro figlio ha ormai acquisito una particolare autonomia e anche proprietà di linguaggio relativamente alla probabilità che lui stesso manifesti la sua frustazione, oppure il suo disappunto verso papà e mamma, compagni di scuola o fratelli tramite crisi di collera verbale che si traducono spesso, con rammarico enorme da parte dei genitori, nell'esternazione temuta delle cosidette "parolacce". Vi potrà sembrare assurdo che appunto le parolacce siano un'obbligata tappa della crescita ed anche dello sviluppo dei bambini. Non dovrete restare indifferenti a tal modo di comunicare da parte dei vostri figli, sperando che passi, prima o poi. In seguito vi daremo indicazioni su come educare il bambino a non dire parolacce ed affrontando il problema serenamente. Buona lettura!

24

Durante una discussione, il disaccordo è normale: è un modo per comunicare il parere di se stessi. È giusto che il bambino, anche se piccolo, possa esprimere la sua disapprovazione e persino la sua rabbia nel parlare, però occorrerà insegnare al bambino, a discutere senza arrivare ad essere maleducato, oppure dicendo appunto le parolacce. Sarà fondamentale, prima di tutto dare a lui l'esempio. Tutti i bambini si sa che tendono a ripetere quello che sentono a scuola, ed anche in famiglia, perciò se solitamente dite parolacce, per primo lui si sentirà autorizzato a dirle a sua volta davanti alla vostra reazione, restando spiazzato e non capendo il motivo perché lui non le potrà dire, e voi si invece. Se vi dovesse scappare di dire una parolaccia e lui se ne accorge dovrete immediatamente chiedere scusa impegnandovi affinché non possa più succedere.

34

Se dovesse capitare che il vostro bambino dica una parolaccia, dovrete sapere che, la maggior parte delle volte lo dice per attirare o saggiare la vostra attenzione e reazione. Dovrete assolutamente trattenervi dal ridere, impedendo poi ai famigliari ed alle altre persone che sono presenti in quel momento, di esprimere ilarità per quello che hanno sentito. L'atteggiamento esatto, sarà quello di dire al bambino, molto tranquillamente, che vi sentite offesi dal suo comportamento. Gli dovrete ordinare di andare in camera sua e restare lì finché non l'avvisate voi. Inoltre non dovrete rispondere agli insulti del bambino, usando il linguaggio stesso, anzi, lo dovrete lodare e gratificare quando usa un linguaggio educato.

Continua la lettura
44

Potrete mettere la regola fondamentale e rigorosa: la bestemmia e le parolacce in casa non sono permesse. Stessa regola dovrete dirgli che vale anche quando andrà a scuola e quando sta in mezzo alle altre persone. Se il bambino dovesse continuare, dovrete perseverare con un atteggiamento che sia coerente, mettendo magari in pratica le punizioni che avrete deciso, e, se il bambino dovesse continuare nel suo atteggiamento, dovrete rincarare la dose dei divieti: vietategli per esempio di guardare i cartoni animati, oppure di giocare al suo videogioco o gioco preferito. Sarà importante restare fermi sulle vostre decisione che prendete e decidete, e così facendo dimostrerete un atteggiamento coerente al bambino.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Gli errori più comuni nell'educare i figli

Avere dei figli è sicuramente motivo di grandissima felicità per la coppia. I figli oltre a rendere ancora più unita la coppia, danno delle grandissime soddisfazioni e gioie, ed è proprio per questo che risulta fondamentale educarli nella maniera...
Bambino

10 regole per educare i bambini

Educare i bambini non è mai un compito facile. I neogenitori si ritrovano a fare i conti con un bambino che cresce e ha bisogno di una guida. I figli necessitano anche di alcune attenzioni che li facciano crescere bene. In particolare ci sono delle regole...
Famiglia

Nonni: 10 errori da evitare con i nipoti

Essere nonni è il mestiere più bello del mondo. Possibilità di trascorrere la vecchiaia senza pensieri, potersi godere la pensione dopo un'intera vita a lavorare. Per qualcuno poi c'è anche l'opportunità di trascorrere del tempo con i propri nipoti....
Bambino

Come comportarsi in caso di litigio tra bambini

I bambini giocano e si divertono insieme, ma a volte può succedere che litigano tra di loro. Questo è da considerare una reazione normale, che non va però assecondata ma ripresa, facendogli capire che non è un comportamento corretto. Tuttavia i motivi...
Bambino

Come gestire i capricci dei bambini

Gestire i capricci dei bambini può essere molto difficile. Oggi i bambini sono attirati da molte cose e in una società in cui i prodotti telematici sembrano prendere il sopravvento, spesso i più piccoli si sentono insoddisfatti e nervosi e questo è...
Bambino

Come comportarsi in caso di tic nervosi nei bimbi

I tic nei bimbi sono le prime preoccupazioni che hanno i genitori. Molti di questi vengono attribuiti a movimenti che si ripetono continuamente. Tuttavia, i tic sono gesti, movimenti ed espressioni improvvisi. Questi con il passare del tempo possono...
Bambino

Bambini: come realizzare un cartellone delle regole

Per crescere in modo sano ed equilibrato, i bambini necessitano di regole. Queste ultime mettono ordine al quotidiano e migliorano il rapporto con i genitori ed il gruppo dei pari. Per non incorrere in contraddizioni, eccesso di rigore o scarsa credibilità,...
Bambino

Come educare un bambino ribelle

I bambini sono delle creature davvero meravigliose che danno gioia e serenità ai loro genitori e ad ogni famiglia. Talvolta però, alcuni di essi possono manifestare qualche piccolo problema comportamentale, normale durante il processo di crescita, che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.