Come capire i bisogni di un neonato

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I primi mesi del neonato sono i più difficili da affrontare. Ovviamente non occorre allettarsi ma cercare di capire i suoi bisogni. Ma non è il caso di cedere all'ansia pensando che il piccolo non stia bene. Infatti, a volte questo è causa di altre necessità. Nella seguente guida vi spiego come capire i bisogni di un neonato.

26

Occorrente

  • Pazienza
  • Calma
  • Attenzione
  • Tanto amore
36

La fame

Quindi osservando i suoi stati e gestirli senza perdere mai la calma. I piccoli che hanno meno di un anno di età, si esprimono attraverso il pianto. Infatti, usano questa modalità di comunicazione per far capire agli adulti i propri bisogni. Il pianto del bambino mette i genitori in uno stato di allerta. Raggiunti i sei mesi il neonato piange principalmente perché ha fame. Oppure perché desidera che lo prendiate in braccio. In questo caso per interpretare i suoi messaggi occorre avere l'orologio a portata di mano. In questo modo riuscirete a controllare da cosa dipendono i bisogni. Infatti, se il neonato piange anche dopo aver mangiato andate sul sicuro. A questo punto la causa del pianto, non diviene dalla fame. Ma probabilmente il neonato vuole che lo cullate tra le vostre braccia. Ascoltare il tono dolce e rassicurante della vostra voce e godersi il proprio ciuccio. Se dopo tre minuti di queste attenzioni non si calma, provate a offrirgli un'aggiunta di latte. Continuando così, a coccolarlo fino a quando smette di piangere. Quando la distanza dall'ultimo pasto supera l'ora e mezza lo strillo acuto e rabbioso è una decisa richiesta di cibo. Questo generalmente è un bisogno che viene facile da capire.

46

Le infezioni

Un pianto debole, flebile, accompagnato dal rifiuto del cibo e da torpore e sonnolenza indica che qualche cosa non va. Probabilmente il neonato è indisposto e ha qualche linea di febbre dovuta a una infreddatura o a qualche piccola infezione delle vie urinarie. Se il neonato persiste a tenere gli occhi chiusi, consultate il pediatra che prescriverà i farmaci del caso. Una malattia di una certa entità viene solitamente accompagnata da un pianto che, man mano, perde vigore. Un pianto insistente e che, al contrario, acquista potenza nel tempo, indica dolore ma non gravità della situazione, come nel caso delle coliche, ma anche fame o voglia di coccole. Anche in questo caso, non deve allarmare i neogenitori.

Continua la lettura
56

In conclusione

I bambini che hanno superato i sei mesi di vita iniziano a piangere più raramente. Ma se lo fanno in modo insistente vogliono farvi capire che vogliono che li prendiate in braccio. Ogni bisogno viene espresso secondo una diversa modalità di pianto ma non dovete temere di non riuscire a rispondere correttamente alle necessità di vostro figlio. In pochissimo tempo l'orecchio dei genitori si affina e le neomamme e i neopapà sanno sempre come fare per consolare il proprio cucciolo. Ecco come capire i bisogni di un neonato.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non perdere mai la pazienza
  • Ascoltare i bisogni del neonato, osservandolo
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come riconoscere e gestire il pianto del bambino

I più piccoli, fin dai primi momenti della loro vita, hanno un unico modo di comunicare: il pianto.Dapprima un flebile vagito, che è già espressivo dello stato di malessere o delle esigenze primarie. Poi un pianto più articolato ed intenso attraverso...
Bambino

Motivi per cui un neonato piange

Poiché tutti i bambini non hanno ancora l'uso della parola, l'unico metodo di comunicazione che ha un neonato per farsi capire dai genitori o da chi gli sta intorno è il pianto. Ogni qual volta che sente il bisogno di comunicare qualcosa infatti l'unico...
Bambino

Come comportarsi se il neonato piange la notte

Uno degli eventi più gioiosi del percorso della nostra vita, è sicuramente la nascita di un figlio. Ma adeguarsi al nuovo arrivato non è così facile come sembra. Il suo arrivo, infatti, cambia o sconvolge del tutto i ritmi familiari. Insieme alle...
Bambino

10 modi per consolare un bambino che piange

Il bambino, in genere, non conosce molti mezzi espressivi, specialmente se neonato e incapace di comunicare a parole. Pertanto, un veicolo di comunicazione efficace è rappresentato dal pianto, con cui il bambino tenta di far comprendere i propri bisogni,...
Bambino

Come riconoscere i segni del disagio nel neonato

Con il passare dei mesi il bambino cresce e cambia modo di esprimersi, infatti oltre al pianto inserisce dei piccoli gesti, delle espressioni del viso e anche una postura del corpo che, associati ai diversi tipi di pianto, ci fanno capire i suoi bisogni...
Bambino

Come interpretare il pianto di un neonato

Capire il perché un neonato piange non sempre è facile ed immediato: questo diviene spesso una notevole fonte di preoccupazione e talvolta addirittura ansia per il papà e per la mamma, specialmente se si trovano ad affrontare la loro prima esperienza...
Bambino

Come gestire il pianto del neonato

Ogni neonato affinché possa comunicare con l'ambiente esterno e con tutte le persone che lo circondano ricorre al pianto. Quando un bambino piange infatti può avere tanti significati, bisogna perciò imparare ad interpretare e di conseguenza a gestire...
Bambino

Metodi per placare il pianto isterico del bimbo

il pianto è l'unico strumento a disposizione che un neonato ha per poter comunicare con i suoi genitori. Ogni volta che necessita di qualcosa il bambino piange per segnalare che non sta bene oppure per far capire a chi gli sta intorno che ha bisogno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.