Come aiutare un bambino a superare la perdita di un gatto

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Pur tenendo conto che ciascuno di noi è diverso e vive la perdita del proprio animaletto, coniglietto, gatto o un altro animale che sia, tale articolo vi vuole spiegare come aiutare un bambino a superare questo trauma. Sempre più spesso gli animali domestici sono integrati nel nucleo famigliare, diventando proprio parte integrante della famiglia. Ci si affeziona in modo incondizionato e loro diventano, molto più che semplici animali, ma proprio pelosi amici. Succede, però, che ad un certo punto, per una malattia, un incidente o altre cose brutte, purtroppo vengono a mancare e superare la perdita non è mai facile assolutamente. In particolar modo è difficile farlo accettare ad un bambino. Essi non sempre riescono a capire i motivi, ed anche fargli capire cosa sia la morte, perché avviene e perché ci sono queste brutte cose, non è facile per nulla. Continuate a leggere il seguito e capire molte cose. Buona lettura!

26

Occorrente

  • Tanto amore e pazienza
36

Viene a crearsi uno stato di dolore forte

Far accettare ad un bambino la perdita di un animale caro, a cui è affezionato, che sia un cane, un gatto, un canarino o anche un criceto simpatico, non è facile. In qualsiasi modo, il rapporto che il bambino costruisce con il suo prezioso animale, viene a mancare. Si crea inevitabilmente uno stato di dolore e frustrazione nel bambino, talvolta un vero e proprio rifiuto della morte del proprio compagno piccolo. Non vi dovrete dimenticare che perdite affettive, anche maggiormente gravi, possono colpire un bambino. In tutti i casi occorrerà trovare, ed utilizzare, strumenti di distrazione, ma anche possibili sostituzioni eventuali, qualora ce ne fosse bisogno.

46

Far accettare la morte

Bisogna far accettare al bambino la morte dell'animale con serenità, facendogli capire che il legame affettivo che ha messo in piedi con il suo compagno di giochi, è un grande dono prezioso, che lo potrà portare sempre nel suo cuore. Sarà un amore che è racchiuso in sé e nei suoi ricordi, facendo sempre parte della sua vita. In tal caso, la reazione dei genitori alla morte dell'animale stesso, non aiuta il piccolo in nessun modo.

Continua la lettura
56

Un compagno di giochi nuovo

Un compagno di giochi nuovo sarà la soluzione migliore, andando a riempire, ma non a sostituire il vuoto affettivo che ha lasciato l'animale che non c'è più. Detto questo, vi consigliamo appunto di aiutare il bambino superando la morte del suo animaletto facendo un regalo con uno nuovo. Il nuovo amico potrebbe venir accolto con una certa indifferenza inizialmente, ma in tempi brevi spazzerà via le nubi grigie lasciate dall'amico animaletto precedente, assumendo nella vita del bimbo, il ruolo che aveva l'altro, anche se ogni animale ha il suo carattere personale, motivo per cui, ciascun rapporto umano con un animale, sarà simile, però non identico a quello precedente. Asciugate quindi le lacrime al vostro piccolo bimbo, ed andate immediatamente ad adottare un altro animale, facendo magari scegliere a lui quello che preferisce. Vedrete che la situazione emotiva del bambino, si ristabilirà nuovamente, e con essa anche la vostra.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Adottate un altro gatto

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come creare animali con i rotoli di carta igienica

Durate le lunghe giornate invernali i bambini si annoiano molto in quanto vorrebbero giocare all'aria aperta con i loro compagni di giochi. Tuttavia questo non sempre è possibile specialmente quando il cielo coperto di nuvoloni minaccia acqua da un momento...
Famiglia

10 attività all'aperto per tutta la famiglia

Cari lettori, si sa che la famiglia è "casa" ma non per questo dobbiamo stare sempre li dentro. Vi siete ritagliati del tempo per staccare dallo stress continuo a cui siete sottoposti durante il lavoro, non necessariamente stare da soli è la cosa migliore;...
Bambino

Come avvicinare al cibo un bambino che lo rifiuta

All'interno di questa brevissima guida ci soffermeremo sulla descrizione di alcuni trucchetti che ti potranno servire per far avvicinare il tuo bambino a mangiare del cibo che all'inizio potrebbe sembrare rifiutare. Prosegui nella lettura della guida...
Bambino

Come pulire il nasino dei bambini piccoli

Il nasino chiuso può sembrare una banalità, ma nei bambini piccoli è molto fastidioso e può creare insonnia, inappetenza e malessere generale. È un disturbo che può colpire in tutte le stagioni ma in particolar modo nei mesi invernali, quando batteri...
Bambino

Come mandare nel proprio letto un bambino

Difficilmente il bambino è contento di cambiare le sue abitudini, per questo il momento di andare nel proprio letto, diventa molto complicato. Per non commettere il più comune degli errori dei genitori, cioè quello di lasciarli dormire con sè nel...
Bambino

Come fare se un bambino non dorme

Le cause per cui un bambino si sveglia spesso, possono essere diverse e ciò fa preoccupare non poco i genitori poiché pensano che il neonato sia malato o, peggio, che non siano all'altezza di svolgere il loro compito. Tutto ciò non fa altro che accrescere...
Famiglia

Come rafforzare il legame con i figli

Avere un buon rapporto con i propri figli, è senza dubbio lo scopo che ogni genitore si pone ogni qual volta si relaziona con loro. Rafforzare il legame con i nostri ragazzi, è un cammino che va alimentato giorno per giorno, iniziando soprattutto nei...
Bambino

Il neonato nel primo mese di vita

Quando si diventa genitori, ci si trova difronte a mille nuove situazioni e sensazioni che, soprattutto all'inizio, in qualche modo possono stordirci. Anche il neonato, di contro, avendo passato la sua prima fase di sviluppo (nello stato embrionale) protetto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.