Come aiutare un bambino a non mangiare le unghie: onicofagia

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'onicofagia costituisce un disturbo compulsivo che potrebbe causare gravi problemi alla salute umana ed è famosa come il vizio di mangiarsi le unghie: a differenza di quanto si possa ritenere, ciò rappresenta un disturbo che può nascere anche in tenera età e non deve essere sottovalutato assolutamente.
Questo vizio è un gesto autolesionista, ovvero un sintomo di rabbia e aggressività inespresse che vengono dirette verso se stessi: ne soffrono numerosi bambini e spesso è una pessima abitudine che si protrae negli anni (finanche in età adulta).
Nella seguente dettagliata e importante guida esposta nei passaggi successivi, vi parlerò degli aspetti del trattamento contro tale problematica, vi spiegherò gli atteggiamenti che sarà preferibile evitare e vi fornirò alcuni consigli pratici su come bisogna affrontare al meglio l'onicofagia di un bambino: seguendo costantemente quest'ultimi, sarà possibile aiutarlo con semplicità a non mangiare più le sue unghie.

27

Occorrente

  • Pazienza
  • Dialogo
  • Sport
  • Perseveranza
37

Il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM_IV-R) classifica l'onicofagia come un disturbo del controllo degli impulsi, per cui la sua causa principale è di natura psicologica: il bambino potrebbe mostrare alcuni disturbi del comportamento e delle emozioni, che possono essere rilevati durante il periodo dell'infanzia.
I principali motivi di stress e improvvisi cambiamenti d'umore dei bambini potrebbero essere delle situazioni che modificano radicalmente la propria quotidianità (come l'arrivo di un nuovo membro della famiglia, il trasferimento ad un'altra scuola e i problemi di bullismo).
Naturalmente, l'onicofagia si presenta anche qualora il bambino si senta triste, arrabbiato e deluso: sarà necessario capire i motivi di questo problema e le emozioni che ne derivano, aprendo un dialogo con lui per entrare meglio nella sua quotidianità e creare un legame fondato sulla serenità.

47

Sarà importante anche non essere duri con il bambino, allo scopo di evitare il peggioramento di questo problema: abbastanza spesso e specialmente in tenera età, chi soffre di onicofagia non riesce a riconoscere il disturbo e le conseguenze potrebbero risultare disastrose.
Qualora il bimbo abbia cominciato da poco a mangiarsi le unghie, si potrà intervenire in modo calmo, tentando di distrarlo con l'acquisto del gioco che ha sempre desiderato e di un libro per ragazzi o un cartone animato che trasmetta un messaggio positivo.
Viene consigliato di non rimproverare il bambino continuamente, altrimenti si potrebbe formare un conflitto nei confronti della persona che lo rimprovera, nonché un senso di disagio e repulsione sempre verso quest'ultima.

Continua la lettura
57

Sarà necessario avere molta pazienza, in quanto i rimedi migliori derivano dall'ascolto delle ragioni che portano a mangiare le unghie: bisognerà far capire gradualmente che questa azione non deve essere compiuta.
Arginare il problema dell'onicofagia richiede parecchio tempo e molta costanza da parte della persona che aiuta il bambino: un metodo per alleviare lo stress oppure il disagio psicologico (che potrebbe essere di varia entità) sarà quello di fargli praticare uno sport a lui gradito.
È un fatto scientificamente provato che l'attività sportiva, qualora venisse praticata costantemente, rilascerebbe le endorfine che permettono di migliorare l'umore e contenere lo stress: in questo modo, si alleviano le possibili cause che portano il bambino a mangiarsi le unghie.

67

Sarà meglio evitare i rimedi della nonna (come mettere del peperoncino sulle dita, per fare in modo che il bambino non si mangi le unghie): attualmente, però, adoperare questo metodo potrebbe comportare dei gravi danni allo stomaco del bimbo.
Anche se in voga in questo periodo, è sconsigliato adottare la tecnica dello smalto amaro di colore chiaro, che consiste nell'applicarlo sulle unghie: questo trattamento potrebbe andare bene per un ragazzo in età adolescenziale, mentre nel bambino potrà aumentare quel senso di disagio che provoca problemi alle sue emozioni.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Soltanto chi segue il bambino adeguatamente potrebbe ricavare le cause che lo portano a mangiarsi le unghie.
  • La tecnica migliore è sempre quella del dialogo, che serve specialmente ad alleviare il dolore psicologico che il bambino prova in quel momento.
  • Attraverso la pazienza e la costanza, il problema dell'onicofagia verrà sconfitto definitivamente.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come affrontare la celiachia nel bambino

La celiachia, detta anche enteropatia glutine-sensibile, è una malattia autoimmune caratterizzata da una intolleranza permanente al glutine. Nello specifico, l'intestino del bambino celiaco non riesce ad assimilare il glutine che, considerato tossico,...
Bambino

Come affrontare i risvegli notturni

Nei primi mesi di vita tutti i bambini sono soggetti a frequenti passaggi tra le fasi di sonno leggero e di sonno pesante. Questa situazione può provocare una diminuzione della qualità del sonno, con possibili manifestazioni di pianto o momenti di lamento...
Bambino

Come pulire il nasino dei bambini piccoli

Il nasino chiuso può sembrare una banalità, ma nei bambini piccoli è molto fastidioso e può creare insonnia, inappetenza e malessere generale. È un disturbo che può colpire in tutte le stagioni ma in particolar modo nei mesi invernali, quando batteri...
Bambino

Come evitare che il tuo bambino bagni il letto

L'emissione involontaria di urina durante la notte si chiama enuresi notturna ed è un disturbo diffuso nei bambini in età prescolare ma può continuare anche oltre. Innanzitutto è importante cercare di capire se la causa è di origine psicologica od...
Bambino

Come affrontare i primi dentini del bimbo

Il primo periodo in cui spuntano i dentini ai neonati è sicuramente un momento molto delicato e critico. Ogni bambino, comunque, ha la dentizione in diverso modo e tempo. Già alcuni possono iniziare ad averla nel terzo mese di vita per esempio, mentre...
Bambino

Come riconoscere i segni del disagio nel neonato

Con il passare dei mesi il bambino cresce e cambia modo di esprimersi, infatti oltre al pianto inserisce dei piccoli gesti, delle espressioni del viso e anche una postura del corpo che, associati ai diversi tipi di pianto, ci fanno capire i suoi bisogni...
Bambino

Come aiutare il bambino a stimolare la stitichezza

La stitichezza (o stipsi) indica un disturbo nelle funzioni fisiologiche, sia per quel che riguarda la difficoltà che la frequenza con la quale si va di corpo. La stipsi è spesso causata da una dieta povera di fibre e di liquidi, e prestare molta attenzione...
Bambino

Come educare un bambino ribelle

I bambini sono delle creature davvero meravigliose che danno gioia e serenità ai loro genitori e ad ogni famiglia. Talvolta però, alcuni di essi possono manifestare qualche piccolo problema comportamentale, normale durante il processo di crescita, che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.