Come affrontare il primo distacco dal bebè

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Affrontare il primo distacco dal bebé è un passaggio delicato nella vita di una mamma e, se non realizzato secondo i giusti principi e rispettando alcune semplici regole, può tramutarsi da evento naturale a momento assolutamente traumantico e stressante. L'amore di una mamma per la sua prole è incondizionato e senza limiti. Proprio per questo, quando il bambino è troppo piccolo, quasi tutte le mamme non riescono a separarsene neppure per un momento, pensando di poter traumatizzare il piccolo e soffrendone allo stesso tempo in prima persona. Sebbene sia davvero difficile separarsi dal proprio piccolo, si tratta di un processo assolutamente indispensabile e naturale e va affrontato per gradi per condurre una vita sana e priva di ansie, sia da parte della mamma che del bambino. Vediamo quindi, con questa guida, alcuni consigli dedicati proprio a come affrontare il primo distacco dal bebè.

25

Pensare al bene del bambino

Il distacco non è un processo che va forzato troppo o condotto in maniera brusca e precoce. Non tutti i bebè, infatti, sono uguali e nemmeno tutte le mamme lo sono. Godersi i primi attimi della vita del proprio nascituro è essenziale ed è, inoltre, importante per entrambi. Nel momento in cui però si deve procedere al primo distacco, la prima cosa da fare assolutamente è evitare di avere sensi di colpa. Soprattutto se si tratta del primo figlio, può sembrare difficile staccarsi dal piccolo che sembra dipende completamente da noi, ma proviamo ainvece pensare che, al contrario, non farlo potrebbe provocare un vero danno al bambino, rendendolo troppo legato alla sicurezza della figura materna e poco aperto nei confronti del mondo esterno.

35

Procedere gradualmente

Si può procedere poco alla volta, affidando per la prima volta il bebè al proprio partner e allontanandosi per poco tempo. Questi primi momenti separati saranno necessari per imparare a dominare l'ansia provocata da questa situazione e, dopo averli superati, si potrà procedere con la fase successiva che consiste nel concedersi una serata con il proprio partner, senza il bebè, che potrà essere affidato ad altri, come un parente di fiducia. Anche da questa situazione se ne trarrà un doppio vantaggio: il bebè imparerà a fidarsi anche delle altre persone che lo circondando e a vivere liberamente questa nuova esperienza di conoscenza e noi recupereremo il rapporto con il nostro compagno, che di sicuramente sarà stato messo a dura prova dal parto e da tutto ciò che ne consegue.

Continua la lettura
45

Resistere ai capricci

Quando il bebè sarà leggermente cresciuto, potrà essere affidato part time a un asilo nido, in modo da darci la possibilità di riprendere in mano la nostra vita, tornare al lavoro o occuparci della casa, e passare il resto della giornata con la nostra famiglia. Il comportamento del bambino potrà variare molto e sarà l'esatta conseguenza dell'atteggiamento che abbiamo assunto con lui sin dai primi mesi di vita: è possibile che il bambino faccia i capricci, che pianga e che non voglia sentirsi "abbandonato". Durante questa fase è fondamentale resistere ai capricci e provare a rassicurare il bambino con un atteggiamento pacato, tranquillo e positivo. Anche se ci sentiamo tristi e preoccupate per questa fase di primo inserimento sociale del nostro bambino, cerchiamo di non farlo trasparire. Questa è la chiave di volta da tenere bene a mente durante questo delicato passaggio: l'atteggiamento e lo stato d'animo materno vanno a condizionare profondamente il piccolo che assorbe tutte le negatività e preoccupazioni. È dunque necessario, durante questo naturale e delicato rito di passaggio, cercare di mantenere equilibrio e serenità dinanzi al proprio bebè.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Effettuate il distacco in maniera graduale e serena.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

Come ottenere il bonus bebè

La maternità rappresenta uno degli eventi più belli che una donna, ed una coppia, possa vivere. Ciò non toglie che, con la nascita del bambino, le spese domestiche raddoppiano e che spesso, la mamma dovrà astenersi per diverso tempo dal lavoro, riducendo...
Bambino

I benefici delle fasce porta-bebé

In Africa è molto diffuso tra la popolazione l’uso della fascia porta-bebè. Grazie a loro negli ultimi anni, sempre più mamme italiane stanno adattando questo metodo per tenere con i sé i loro bambini, fin dai primi giorni di vita. Questo tipo di...
Bambino

Come fare un sonaglino per bebè

I bambini da piccoli hanno bisogno di tanti stimoli e di giocattoli colorati ma anche sonori. Siccome i più piccoli si annoiano presto di giocare sempre con lo stesso gioco, per risparmiare vale la pena, quando possibile fare in casa qualche giochino...
Famiglia

Come organizzare una giornata al mare con il bebè

Siete delle mamme e dovete pianificare la vacanza estiva con il vostro bambino allora questa guida fa proprio al caso vostro. Una località di mare con sole e brezza marina non potrà che fare bene al piccolo, regalando un dolce momento di relax alla...
Bambino

Come garantire un buon riposo al bebè

I bambini nei primi mesi di vita hanno bisogno prima di tutto di ricevere un'alimentazione adeguata che possa garantire la loro crescita ed il loro sviluppo psico-fisico, oltre alle giuste ore di sonno e di gioco. Per quanto riguarda quest'ultimo, come...
Bambino

I principali rituali per la nanna del bebè

I neonati ed i bambini sono molto abitudinari nei loro primi anni di vita, specialmente per quanto riguarda il sonno: molti piccoli hanno bisogno di determinate azioni ripetute, veri e propri rituali per potersi addormentare. Queste azioni devono essere...
Bambino

Come scegliere e indossare una fascia porta bebè

La fascia porta bebè è un'alternativa più intima del marsupio e delle carrozzine. In realtà si tratta di un'usanza comune in molte culture antiche, dove la madre aveva bisogno di potersi muovere insieme al figlio svolgendo contemporaneamente i propri...
Famiglia

Come addobbare casa per l'arrivo di un nuovo bebè

L'arrivo di un bebè è sempre una grande gioia che va condivisa con gli affetti più cari, riservando molta attenzione a come predisporre al meglio degli addobbi che possano rendere gli ambienti domestici allegri e festosi, degni di un'occasione unica...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.