Affidamento familiare: cos'è e come funziona

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

In questa guida, vogliamo offrire un aiuto concreto a tutte quelle coppie, single e famiglie, che hanno intenzione di donare un po' del loro amore ad altri bambini, che non siano i loro figli. Sono veramente in tante le famiglie e non solo, che decidono di dare un tetto, una camera ed anche tante cure, ad altri bambini, in maniera tale da farli vivere, dei momenti unici e speciali, in un ambiente prettamente familiare.
Nello specifico vogliamo affrontare il tema dell’affidamento familiare e cercheremo di capire insieme, cos’è e come funziona. Iniziamo subito con il dire che l’affidamento familiare, è proprio il modo per prendersi cura di un bambino, che è stato allontanato dalla propria famiglia originaria, per una serie di grossi e gravi problemi. L’affidamento familiare, a differenza dell’adozione, ha un limite di tempo, nel quale ci si può prendere cura di un minore. Infatti nell’affidamento, il bambino, viene appunto affidato in modo temporaneo, ad una famiglia che non è la sua.

29

Occorrente

  • bambino con problemi familiari
  • Tribunale dei Minori
  • servizi sociali
  • single
  • famiglia con figli o senza
  • casa famiglia
39

L’affidamento familiare, porta con sé, un allontanamento da parte della famiglia originaria del piccolo, per una serie di motivi, gravi o meno gravi, che compromettono la crescita e la formazione dello stesso. Tutto questo viene deciso da parte del Tribunale dei Minori, in maniera tale da poterli tutelare e salvaguardare.

49

L’affidamento può essere chiesto, a differenza dell’atto di adozione, in molti casi. Per esempio può essere chiesto da parte di una famiglia, che ha già altri figli o anche da una persona che è single e quindi senza famiglia alle spalle. In oltre, l’affidamento familiare può essere richiesto, nei confronti di un ragazzo, anche da parte di una casa famiglia, che se ne prenderà cura, insieme ad altri ragazzi.

Continua la lettura
59

Vogliamo sottolineare che l’affidamento familiare viene seguito da parte dei Servizi Sociali, su comando del Tribunale dei Minori. Sono i Servizi Sociali che di occupano di trovare una famiglia, adatta alle esigenze del bambino e decidono anche la durata, che dovrà avere l' affidamento. Per esempio, l’affidamento di un bambino, può essere chiesto solo per alcune ore durante la giornata, o durante tutto il periodo estivo, in maniera tale da fargli avere una casa in cui trascorrere le vacanze.

69

In tutto questo, l’affidamento familiare, può anche durare diverse settimane e mesi, in base a quello che viene deciso sempre dai Servizi Sociali, per una durata massima di 24 mesi. Coloro i quali deciso di proporsi per ottenere l’affidamento familiare, dovranno prendersi cura del bambino, nella maniera più appropriata possibile. Dovranno assicurare al bambino una buona educazione ed un'istruzione, che sia abbastanza adeguata. Dovranno prendersi cura della sua salute, non solo fisica, ma anche psicologica, rendendolo felice, sereno ed appagato.

79

Durante il periodo di affidamento, la famiglia affidataria, dovrà mantenere, se presente, i rapporti con tutti i familiari della famiglia d’origine del bambino, in maniera tale, che il futuro e possibile rinserimento, non diventi un dramma o uno stress, per lo stesso bambino. E’ bene anche sottolineare il fatto, che l’affidamento familiare, può essere, se possibile, mutato in adozione vera e propria e definitiva, se vi si presentano delle specifiche situazioni, come per esempio, nel caso in cui il bambino dovesse trovarsi senza alcun familiare, che si possa prendere cura di lui.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prendersi cura di un bambino, attraverso l'affidamento famigliare, è un modo reale e concreto, per poter donare amore e familiarità.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

Come adottare un bambino italiano

L'adozione di un bambino senza famiglia è uno dei più grandi gesti di amore che una coppia di genitori può fare, perché permette di dare un futuro migliore e delle possibilità in più a dei bambini che hanno vissuto una situazione di disagio. Ecco...
Bambino

Come ottenere l’attenzione di un bambino

Il dialogo fra adulti e bambini avviene secondo modalità diverse dal dialogo fra soli adulti. Infatti fra grandi e piccoli esiste una forte discrepanza di lingua, di conoscenza del mondo e di aspettative. Per superare gli ostacoli nell'interazione, è...
Bambino

Come superare i risvegli notturni

Nei primi tre anni di vita, il bambino attraversa una fase comune a tutti gli infanti: i risvegli notturni. In genere, i piccoli si svegliano notte dopo notte con un pianto inconsolabile. Si tratta di una situazione passeggera, non allarmante. Tuttavia,...
Bambino

SIDS neonatale: regole per un sonno sicuro

Il SIDS neonatale acronimo di Sudden Infant Death Syndrome (sindrome della morte improvvisa infantile) maggiormente conosciuta come "morte da culla", è un particolarissimo fenomeno che causa il decesso del neonato e può verificarsi generalmente entro...
Bambino

Svezzamento: il menù perfetto per il tuo bambino

Quando l'età di un neonato giunge al settimo mese di vita è arrivato per lui il momento dello svezzamento. Si tratta di una fase importante nella quale, a poco a poco, si vanno a cambiare le abitudini alimentari del poppante, sostituendo così il latte...
Bambino

Come inserire il bambino al nido

Il mese di settembre è per molte mamme il mese nel quale il proprio bambino/a dovranno iniziare una nuova "avventura", una nuova esperienza. Quando il genitore decide di portare il bimbo al nido, iniziano una serie di preoccupazioni. La maggior parte...
Gravidanza

Come controllare il peso durante la gravidanza

Controllare il peso durante la gravidanza è un'impresa difficilissima specialmente per chi presenta già qualche chilo di troppo. I metodi per controllare la fame nei primi mesi di gestazione sono tantissimi e proprio quando diventa veramente impossibile...
Famiglia

Nonni: 10 errori da evitare con i nipoti

Essere nonni è il mestiere più bello del mondo. Possibilità di trascorrere la vecchiaia senza pensieri, potersi godere la pensione dopo un'intera vita a lavorare. Per qualcuno poi c'è anche l'opportunità di trascorrere del tempo con i propri nipoti....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.