5 segnali per capire che il bebè ha fame

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Fin da sempre per una coppia l'arrivo di un figlio è un qualcosa di straordinario. Le vere protagoniste di tutta la gestazione sono, però, le donne; ed è proprio in questa fase che vengono assalite da mille dubbi e preoccupazioni nei confronti del futuro nascituro. Superato il momento del parto, ecco che molte donne cercano spiegazioni dagli specialisti su come distinguere i diversi tipi di pianto del proprio bambino, in relazione al fatto che i neonato comunicano con gli adulti attraverso il pianto. In questa guida vi elencheremo quali sono i 5 segnali chiave per capire che il vostro bebè ha fame.

26

Schiocca la lingua sul palato

Il consiglio principale per le neo-mamme è quello di non far passare molto tempo tra una poppata e l'altra, non più di tre ore, questo perché il pianto è l'ultima tappa. Il bambino piange quando non c'è la giusta attenzione della mamma di provvedere al suo nutrimento; c'è il rischio quindi che il bambino si addormenti senza aver mangiato la quantità necessaria. Così come accade negli adulti, anche nei bambini l'appetito può variare: quando è moderato, potete riconoscere se il vostro bebè ha fame osservando che il bambino inizierà a schioccare la lingua sul palato o inizierà a succhiarsi le labbra.

36

Cerca il seno

Un altro gesto che i bambini fanno per segnalarci che hanno fame è quello di cercare il seno: aprono la bocca e iniziano a girare la testa a destra e a sinistra tenendo fuori la lingua. Questo segno non deve essere interpretato solo come un segnale di fame da parte del bambino, ma è anche un modo che chiamare la propria mamma, cercare affetto da lei che lo ha cresciuto e dalla quale dipende una volta venuto al mondo.

Continua la lettura
46

Si succhia il dito

Quando i bambini hanno molta fame, nella maggior parte dei casi, portano la mano alla bocca e iniziano a succhiarsi un dito, solitamente il pollice, pensando che fosse un ciuccio. Questo è forse il gesto che ci fa capire meglio quando un bambino ha fame, ma il suo appetito è notevole e potrebbe essersi anche un po' innervosito.

56

Respira velocemente

Man mano che la fame aumenta, il bambino si agita sempre di più e sarà anche più difficile allattarlo oppure dargli il latte artificiale. Un altro segnale che i bambini ci lanciano quando hanno fame è quello di respirare velocemente, iniziano ad agitarsi tra le braccia materne e a dare dei lievi e piccoli colpi su di esse o sul petto, tirano anche qualche piccolo calcio.

66

Piange

Il pianto è l'ultima fase, quando il bambino non resiste più alla fame ed è altamente nervoso. Prima di allattarlo è consigliato tranquillizzarlo altrimenti sarà difficile farlo mangiare. Accompagnerà spesso il pianto con dei borbottii o dei gemiti e, solo quando si sarà tranquillizzato, potete dargli da mangiare. Riconoscere questi segnali vi aiuterà non solo a capire meglio il vostro bambino e quello di cui ha bisogno, ma giocherà a favore di un rapporto madre-figlio unico e piacevole.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Pianto del neonato: 5 consigli per calmarlo

Tutti i neonati piangono, chi più chi meno, ma la maggior parte dei genitori ha, spesso, numerose difficoltà nel calmarli, soprattutto se alla prima esperienza. Calmare il pianto di un bambino, infatti, può rivelarsi un'impresa molto ardua. Per risolvere...
Bambino

Come interpretare il pianto di un neonato

Capire il perché un neonato piange non sempre è facile ed immediato: questo diviene spesso una notevole fonte di preoccupazione e talvolta addirittura ansia per il papà e per la mamma, specialmente se si trovano ad affrontare la loro prima esperienza...
Bambino

5 trucchi per calmare il neonato che piange spesso

Ogni neonato è diverso dall'altro. C'è il bimbo che non piange quasi mai, e quello che, invece, lo fa spesso! Ciò che accomuna tutti, però, è lo scopo del pianto, ovvero: comunicare. Il neonato, infatti, non ha altro modo per far capire che qualcosa...
Bambino

Come capire i bisogni di un neonato

I primi mesi del neonato sono i più difficili da affrontare. Ovviamente non occorre allettarsi ma cercare di capire i suoi bisogni. Ma non è il caso di cedere all'ansia pensando che il piccolo non stia bene. Infatti, a volte questo è causa di altre...
Bambino

Le 5 S per calmare il pianto del neonato

Avete mai sentito parlare delle "5 S" per calmare il pianto del neonato? Si tratta dei 5 trucchi per acquietarlo: "swadding, side/stomach, shushing, swinging, sucking 5 mosse proposte dal pediatra di tutte le mamme vip di Hollywood! Volete sapere in cosa...
Bambino

Come gestire il pianto del neonato

Ogni neonato affinché possa comunicare con l'ambiente esterno e con tutte le persone che lo circondano ricorre al pianto. Quando un bambino piange infatti può avere tanti significati, bisogna perciò imparare ad interpretare e di conseguenza a gestire...
Bambino

Motivi per cui un neonato piange

Poiché tutti i bambini non hanno ancora l'uso della parola, l'unico metodo di comunicazione che ha un neonato per farsi capire dai genitori o da chi gli sta intorno è il pianto. Ogni qual volta che sente il bisogno di comunicare qualcosa infatti l'unico...
Bambino

Come regolare le poppate di un neonato

Avere un neonato nella propria abitazione rappresenta la gioia più immensa per un genitore, ma al tempo stesso, ci sono svariati dubbi che assalgono questi ultimi. Uno di questi riguarda, sicuramente, l'allattamento. Avviare per bene la fase di allattamento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.