5 modi per incoraggiare tuo figlio il primo giorno di scuola

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Da che mondo è mondo, i bambini, soprattutto in tenera età, trovano tutte le scuse possibili per non andare a scuola. Ecco che quindi spuntano i classici mal di pancia, mal di testa, mal di denti, sensi di vomito, spesso e volentieri immaginari, ma attenzione, non sempre! Infatti alcuni bambini possono davvero risentire del distacco da mamma e papà con manifestazione di malessere fisico. Ecco perché spesso non bisogna dare per scontato nulla. In questa guida daremo dei piccoli ma efficaci consigli su come spronare il bambino ad andare volentieri a scuola e, nello specifico illustreremo 5 modi per incoraggiare il proprio figlio il primo giorno di scuola.

26

Superare gli ostacoli

L'ostacolo maggiore, soprattutto se si tratta del primo giorno in assoluto di scuola per il proprio figlio, è per coloro che hanno un bambino particolarmente introverso. In tal caso, invece di rischiare di dare un trauma al bambino lasciandolo solo in balia di compagni nuovi, mai conosciuti, è sempre consigliabile anticipare di un bel po' di tempo una sorta di "terapia d'urto". Dovrete fare in modo che il bambino venga a contatto (anche per breve tempo) con altri bambini, per esempio al parco, ai giardini, alle giostre, così da sbloccarsi un po'.

36

Prospettare un bell'ambiente

L'ansia maggiore, per il vostro bambino, è quella del distacco dai propri cari e la presenza di bambini nuovi e di una nuova maestra. Naturalmente stiamo parlando del primo giorno nelle scuole elementari. È chiaro che adesso non avrà più a che fare con i giochi e i divertimenti della scuola materna, adesso dovrà stare tra i banchi ordinato e diligente. Prospettategli un ambiente migliore, fate del vostro meglio per far capire al bambino che adesso sta crescendo e imparerà tantissime cose bellissime insieme ai suoi compagni che, tra l'altro, avranno le sue stesse ansie, quindi dovranno aiutarsi a vicenda grazie anche all'aiuto della nuova maestra.

Continua la lettura
46

Chiedere un aiuto alla maestra

Una buona idea, per affrontare al meglio il primo giorno di scuola, è quello di conoscere anticipatamente la maestra. Se i genitori hanno più informazioni sulla scuola e sui metodi dei maestri, sarà più semplice dare al bambino una maggiore serenità. Inoltre, è buona norma che la maestra, il bambino e la mamma (o il papà), stiano anche solo cinque minuti a parlare così da far rilassare il bambino.

56

Il primo giorno non si scorda mai!

A volte (anche se più raramente), capita che il bambino abbia proprio una gran voglia di cominciare la scuola, anche con i nuovi compagni e, in realtà, l'apprensione e le ansie sono solo dei genitori. Questo è il caso più semplice. Capita raramente, ma quei pochi bambini che entrano a scuola con questo spirito ricordano sempre con grande piacere il proprio primo giorno di scuola!

66

A scuola con gli amici di sempre

Spesso e volentieri invece si presenta l'occasione di frequentare una scuola elementare in cui, tutti, o quasi, i compagni di scuola sono bambini già conosciuti alle scuole materne. Di conseguenza sarà molto più semplice cercare di convincere e incoraggiare il bambino ad andare a scuola senza rischiare di cadere in balia di mal di pancia, mal di testa e vomito.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Giocattoli: quali scegliere per i bambini da 0 a 3 anni

I primi tre anni di vita di un bambino sono fondamentali per la sua crescita e il suo sviluppo, non solo fisico ma anche comportamentale ed emotivo. Per un bambino piccolo ogni giorno è una nuova scoperta e sicuramente con l'aiuto dei giocattoli giusti...
Famiglia

Come aiutare i bambini a studiare in maniera proficua

Vediamo insieme come aiutare i bambini a studiare in maniera proficua ed efficace, aiutandoli ad aumentare l'autostima e la sicurezza in se stessi. Quando il bambino si affaccia per la prima volta al mondo della scuola, è importante restare al suo fianco...
Bambino

5 modi per insegnare a leggere al tuo bambino

Avviare i bambini in età prescolare alla lettura implica un processo educativo impegnativo. I genitori che intendono insegnare a leggere al proprio figlio dovranno munirsi di una buona dose di pazienza, nella consapevolezza che ciascun bimbo necessita...
Bambino

10 consigli per stimolare il linguaggio del bambino

La capacità comunicativa verbale dei bambini comincia a prendere forma già nei primi mesi di vita con il pianto, ma è solo tra i 12 ed i 18 mesi che i piccoli cominciano ad articolare le prime frasi composte. Ogni bambino ha i suoi tempi, anche se...
Bambino

10 errori da evitare con i bambini piccoli

Occuparsi di un bambino piccolo è un compito meraviglioso, emozionante ma per niente facile. Anche con le migliori intenzioni è facile commettere degli errori educativi. Cedere a capricci e ricatti, essere incoerenti, ma anche errori meno ''ovvi''....
Bambino

Come realizzare un attestato per bambini

È sempre bello premiare un bambino se si comporta bene o se è particolarmente meritevole. Per questo motivo, è possibile realizzare un attestato, per dimostrargli che il suo impegno è andato a buon fine. Ma l'attestato di merito può essere consegnato...
Bambino

10 consigli per le vacanze scolastiche

Le vacanze scolastiche sono accolte con molta gioia ed entusiasmo dai bambini, poiché messi via libri e quaderni, potranno godere di un meritato riposo. Staccata la spina dagli impegni scolastici, occorre pianificare le vacanze dei propri figli, organizzare...
Bambino

Come gestire un bambino che prende in giro i compagni

Ognuno di noi ha tratti particolari che caratterizzano la personalità sin dai primi anni. Li ereditiamo dai genitori e sono presenti nel nostro corredo genetico. Quando cresciamo molte caratteristiche si rafforzano mentre altre qualità vengono meno....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.