5 modi per dire al partner che si desidera un figlio

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per il sesso femminile pensare ad una gravidanza e quindi ad un figlio è una cosa che viene naturale, anche in età giovanile. Le donne quindi, chi prima chi poi, crescono con la consapevolezza e con il desiderio che un giorno della loro vita saranno madri. Per far si che questo sogno si realizzi però c'è bisogno che il partner che si trova affianco alla donna abbia in lui la stessa volontà, cioè desideri anch'egli di diventare padre e crescere un figlio. Molte volte questo desiderio non è condiviso da entrambi i partner, ma succede che spesso il lui in questione non si senta pronto e per lei diventa difficile confessargli di volere un bambino. Di seguito sono elencati 5 modi per dire al partner che si desidera un figlio.

26

Dichiarare il desiderio di aver un figlio esplicitamente

Diventare genitori è bello, ma al tempo stesso si deve essere consapevoli della vita che cambia; e con l'aumentare delle responsabilità si perde quella spensieratezza e quella libertà di pensare e agire. Per questo motivo il partner potrebbe essere spaventato all'idea di essere padre e dunque rinuncia alla felicità di avere un bambino. Nonostante la probabile rinuncia però, come in ogni coppia che funziona, è importante parlare e dichiarare il proprio desiderio di maternità. Quindi perché non dire nel modo più schietto che ci sia: "Voglio un figlio!". Il dialogo è alla base della vita di coppia, parlandone si capisce insieme cosa fare e, se è il caso, si aspetta affinché ogni minimo dubbio sia sciolto e la gioia sarà condivisa da entrambi.

36

Fermarsi a guardare le vetrine dei negozi per neonati

Se non volete essere dirette, magari potrete farvi scappare il vostro desiderio di essere mamma, nel bel mezzo di una passeggiata in centro, di fronte ad uno di quei negozi di articoli per neonati. Che siano giocattoli oppure vestitini ed elementi di corredo per la nascita, nel guardare queste cose ci sente sempre allegri ed entusiasti e sul momento risulterà facile dirlo e magari sarà altrettanto facile ricevere una risposta positiva che ricambi il vostro desiderio.

Continua la lettura
46

Andare a casa di amici neo-genitori e coltivare lo stesso desiderio

Un altro modo per lasciarsi andare alla confessione del vostro pensiero di volere un/a figlio/a potrebbe essere quello di recarsi a casa di amici che hanno avuto un/a bambino/a. Questi spinti dalle cose belle che stanno vivendo in prima persona vi metteranno al corrente delle cose negative, come le notti insonni, ma sicuramente vi diranno che tutto sarà ricompensato quando ci si ferma a guardare la dolcezza e la tenerezza di un/a neonato/a. L'idea di notare ogni suo cambiamento, giorno dopo giorno, e prendersene cura aumenterà la curiosità di sentirsi madre o padre quindi potete sfruttare il momento per dire all'altro/a di farci un pensierino, nella speranza di condividere presto la gioia del lieto evento.

56

Cominciare a preparare la stanza per lui o lei che verrà

La decisione di avere un figlio viene naturale quando si vive sotto lo stesso tetto. Avendo di base una relazione stabile e duratura è quasi automatico pensare all'arrivo di un bebè. Anche se questo comporta delle modifiche delle abitudini della vita di coppia, uno dei due partner quindi potrebbe cominciare ad apportare delle modifiche alla casa, iniziando a manifestare chiaramente il suo desiderio di avere un/a figlio/a e dare vita così a quella che poi sarà la cameretta del nascituro.

66

Evidenziare i segni del tempo che passa

Infine, un fattore che influenza il desiderio di maternità di una donna è il tempo che passa ed i segni che esso provoca sul corpo femminile. Sottolineare una ruga o il semplice trascorrere degli anni, soprattutto se si è in coppia da tantissimo tempo, potrebbe essere utile per far capire al proprio compagno che è giunto il momento di mettere in cantiere un/a figlio/a.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

I motivi per cui la neomamma é più nervosa

La gravidanza viene vista, dalla maggior parte delle donne come il più grande dono che la vita concede loro. È naturale che dev'essere davvero desiderata e non capitata per caso, per evitare che all'interno di quest'evento straordinario e spettacolare,...
Gravidanza

Lavoro e gravidanza: consigli pratici

Ecco ci siamo, ci speravate così tanto, avete fatto il vostro test di gravidanza ed eccolo là in bella mostra il risultato che speravate così tanto, siete incinte! Contentezza, gioia, mista a paura e smarrimento si agitano in voi, per non parlare...
Famiglia

Come coinvolgere il papà nella cura del neonato

Tantissimi auguri Mamma e Papà da oggi avrete una bocca in più da sfamare, no non si tratta certamente della mia, ma quella di vostro figlio. Non preoccupatevi perché grazie a questa semplicissima guida riuscirete a diventare dei super genitori e riuscirete...
Famiglia

Come affrontare il rientro al lavoro dopo il congedo di maternità

La maternità è certamente un'esperienza bellissima ed unica nel suo genere. Ogni mamma la vive in modo diverso, ma l'attaccamento al bambino è sempre di una forza straordinaria, tanto che una mamma lavoratrice ha sempre difficoltà a rientrare a lavoro...
Bambino

come proteggere un figlio dal complesso del figlio unico

Nel panorama sociale ed economico odierno si assiste ad un notevole calo delle nascite. Il sostentamento di un figlio richiede molte risorse che non sempre sono a disposizione delle giovani coppie, inoltre il modo di vivere la maternità è decisamente...
Famiglia

Come chiedere il congedo di maternità

Una donna che lavora ed è "in stato interessante", ha bisogno di tutelare i suoi diritti. Capire in cosa consiste l'astensione obbligatoria dal lavoro evita malintesi con il datore. Soprattutto quando, a causa di problematiche, alcune donne richiedono...
Famiglia

10 consigli per essere un buon padre

Avere un figlio è sicuramente molto difficoltoso, soprattutto per coloro che non hanno avuto figli in precedenza e devono riuscire a capire come educare il nuovo arrivato. In questa lista molto breve, vi mostreremo 10 utili consigli per essere un buon...
Famiglia

5 consigli per evitare i conflitti padre-figlio

All'interno di una famiglia il rapporto tra padre e figlio è sempre stato importante, molti padri darebbero perfino la vita per i propri figli, molti figli definirebbero eroi i loro padri, tuttavia, potrebbero nascere dei contrasti che mirerebbero a...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.