10 regole per farsi ubbidire dai bambini senza urlare

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

Quando si decide di avere un bambino, in una coppia, si deve fin da subito essere cosciente che, in parte, la nostra vita da fidanzatini, da li a poco, cambierà. Preso coscienza di questa cosa, allora si può anche parlare di mettere a mondo un'anima innocente. Infatti, crescere un figlio è davvero impegnativo e quando poi arriverà il tempo di farsi ubbidire è bene sapere che urlare non è proprio il metodo più efficace per farsi sentire. Pertanto, vi suggerisco 10 regole Per Farsi Ubbidire Dai Bambini Senza Urlare.

211

Impariamo a dire no

Dire sempre si ai nostri bambini non va affatto bene. Occorre dire anche no. Alcuni studiosi infatti, hanno dimostrato che se fin dalla nascita si abitua il bambino a sentire questa parola, da grande il bambino non si sentirà attaccato dai genitori e quindi a diventare capriccioso e dispettoso, fino al punto che, i genitori dovranno per forza accontentarlo, anzi si arrenderà.

311

Correggiamo il linguaggio

Fin da subito in casa dovrà essere buona abitudine cambiare linguaggio ovvero seguire regole precise. Per il bambino sarà più facile seguire qualcosa che ha sempre sentito. Urlare non serve a nulla anzi usando lo stesso linguaggio, possiamo ottenere la stessa cosa, se detta in modo diverso.

Continua la lettura
411

Cambiamo la nostra autorevolezza

Urlare esprime rabbia e potenza, per cui, si trasmette al bambino il messaggio che chi strilla deve avere ragione e pertanto si rischia di creare nel bambino, le fondamenta di un atteggiamento aggressivo. Inseguito, il bambino per ottenere qualcosa non farà altro che urlare.

511

Cambiamo il modo di comunicare

La prima regola per farsi ubbidire dai bambini, è cambiare il modo di comunicare. Sculacciare non è una soluzione al problema perché il bambino vi ubbidirà solo in quel momento ma poi rifarà la stessa cosa. Sono invece la paura e il senso di colpa a dettare un limite.

611

Pensiamo positivo

. Credere che al bambino faccia piacere ricevere complimenti solo per comportamenti buoni, è sbagliato. L'approvazione non deve essere generica ma diretta ad un'azione specifica. Si dice bravo infatti, per aver fatto i compiti ma anche per aver apparecchiato la tavola.

711

Concentriamoci sulla marachella di oggi

Al bambino da molto fastidio sentirsi gridare, figuriamoci poi se alla marachella fatta in quel momento si abbina quella fatta il giorno prima. Con questo voglio dire che, se dobbiamo gridare il bambino facciamolo con modestia perché a volte i bambini pur di non sentirci, si nascondono in un mondo del tutto loro e questo potrebbe essere davvero un problema.

811

Aiutiamolo a responsabilizzarsi

Il vero compito del bambino è crescere e diventare una persona autonoma. Infatti, tagliare il cibo nel piatto dei bambini, vestirli o guardarli mentre si vestono, serve a noi perché ci fa guadagnare tempo ma, per i piccoli è la perdita del momento per diventare più esperti e sicuri. Così facendo non si responsabilizzeranno mai.

911

Elogiamo il bambino

Elogiare il bambino per un atteggiamento corretto, è molto utile. La lode e l'incoraggiamento lo sproneranno a ripetere il comportamento che è oggetto di tanti elogi. Questo farà in modo che il bambino non farà più capricci e si comporterà inseguito allo stesso modo.

1011

Condividiamo le regole

Le regole devono essere decise da entrambi i genitori, in modo che non si crei confusione nella mente del bambino. È infatti inutile che, un genitore detti delle regole e poi l'altro gli permetta di non seguirle. Non si ricaverebbe niente di buono.

1111

Adeguiamo le regole

Il bambino deve avere regole adeguate alla sua età. Ad esempio, non si può pretendere che un bambino piccolo possa stare fermo delle ore pensando che non combini niente. Mentre invece, con uno più grande, questo può essere tranquillamente fatto.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come educare i figli senza urlare

In questo articolo vi spiegherò come educare i figli senza urlare. Nel passato si usavano le maniere forti per impartire l'educazione ai propri figli. Si è invece confermato che questo non è di certo il metodo migliore per l'educazione dei figli. Per...
Bambino

Come calmare bambini iperattivi

I bambini che definiamo "iperattivi" presentano delle particolari caratteristiche. Hanno infatti difficoltà a stare fermi o seduti. Inoltre si mostrano quasi sempre agitati e vivaci. Un bambino iperattivo incontra qualche difficoltà evidente anche nello...
Bambino

10 modi per farsi ascoltare dai propri bambini

Si sa, fare il genitore è uno dei mestieri più difficili al mondo. L'educazione è il primo passo per accompagnare il bambino nella crescita ma insegnarla spesso diventa un'impresa. Quante volte vi siete chiesti come mai vostro figlio e così dispettoso...
Bambino

Come educare i bambini all'ascolto e all'attenzione

I bambini sono spesso restii all'ascolto ed è difficile richiamare la loro attenzione, soprattutto se sono concentrati sul gioco o stanno guardando i cartoni. Molti genitori preferiscono assecondare l'indole dei loro figli, pensando così di regalare...
Bambino

Come insegnare ad un bambino il rispetto delle regole

Tutti quanti abbiamo dovuto sottostare a delle regole sociali impartite dai nostri genitori, nonostante le abbiamo trasgredite regolarmente. Quando si tende a diventare adulti e genitori, ovviamente, si comprende che insegnare il rispetto ad un bambino...
Bambino

Come far riordinare i giocattoli al bambino

Avere figli, si sa, non è un compito facile. Superata la fase della prima infanzia, infatti, bisogna insegnare ai bambini alcune regole, per fare in modo che apprendano come comportarsi, in casa e a scuola. Un'abitudine che è importante insegnare è...
Bambino

Come avere un buon dialogo con i figli

Il dialogo fra genitori e figli è un aspetto molto importante nel rapporto tra i membri di ogni famiglia: da esso dipende il comportamento futuro dei ragazzi e la loro maturità. Se i bambini rimangono soli, senza la possibilità di aprirsi, arriveranno...
Bambino

Come interpretare l'aggressività del bambino

Quando il bambino entra in contatto con gli altri suoi coetanei può manifestare comportamenti aggressivi nei loro confronti, ma anche in quelli di chi cerca di capirne le cause e cercare una soluzione, come genitori e insegnanti. Come interpretare l'aggressività?...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.