10 idee per aiutare i bambini a bere più acqua

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

Il corpo umano è composto per oltre il 60% di acqua. Nel neonato questa percentuale supera il 75%. L'acqua, sia intra che extracellulare, ha un ruolo fondamentale nel mantenere l'omeostasi dell'organismo e nel determinare il buon funzionamento degli scambi cellulari. Per questo motivo è estremamente importante mantenere l'idratazione corporea ad un buon livello, soprattutto d'estate quando le alte temperature determinano un'intensa sudorazione che tende a far disperdere liquidi e sali minerali. Questo può essere difficoltoso quando si tratta di bambini, sia perché sono sempre in movimento (quindi sudano molto), sia perché in genere non bevono volentieri. Può essere d'aiuto conoscere 10 idee per aiutare i bambini a bere.

211

Bere divertendosi

Una delle 10 idee per aiutare i bambini a bere è quella di sfruttare l'attitudine dei piccoli al divertimento. Fate in modo che l'atto di bere corrisponda ad un momento allegro e giocoso. Potete inventare un giochino o una filastrocca che accompagnino l'assunzione delle bevande da parte del piccolo. In questo modo diventerà un piacevole rito che unirà voi e il vostro bimbo e vi consentirà anche di controllare la quantità di liquidi assunti dal vostro piccino.

311

Bere con la cannuccia

Un'ottima idea per agevolare l'assunzione delle bevande da parte dei bambini è quella di utilizzare la cannuccia. Esistono moltissimi tipi di cannucce in vendita nei supermercati, ad un prezzo accessibilissimo. Giocate con le forme delle cannucce, scegliete quelle con i colori più vivaci e vedrete che i piccoli berranno più volentieri.

Continua la lettura
411

Bere con il bicchiere

Un altro trucco per aiutare i bambini a bere più acqua è quello di utilizzare bicchieri fantasiosi. Potete scegliere il bicchiere con l'effige del supereroe preferito, quello con i personaggi dei fumetti che il bimbo predilige, o semplicemente dei bicchieri molto colorati. Potete inoltre rendere allettante l'assunzione delle bevande aggiungendo al bicchiere qualche ombrellino colorato o qualche animaletto divertente "appollaiato" al bordo del bicchiere.

511

Bere al risveglio

Sicuramente quando si tratta di idratare l'organismo l'acqua è la scelta migliore. Non sempre, però, il bimbo la gradisce. Potete aiutare i bambini a bere più acqua creando un piccolo rito mattutino: al risveglio, fate bere qualche sorso d'acqua fresca al vostro bimbo, per pulire la bocca e prepararla alla colazione. Il piccolo apprezzerà la sensazione piacevole dell'acqua fredda e in breve tempo diventerà un'abitudine.

611

Bere a merenda

Una delle 10 idee per aiutare i bambini a bere più acqua è quella di sfruttare il momento della merenda per favorire l'assunzione di liquidi. In questo caso potete offrire al vostro bimbo una merenda rappresentata da un ghiacciolo o da un frullato di frutta: non si accorgerà che sta, di fatto, bevendo dell'acqua e gradirà molto il sapore dolce.

711

Bere l'acqua degli alimenti

Un ottimo modo per aiutare i bambini a bere più acqua è quello di approfittare di quella contenuta naturalmente negli alimenti. Per la preparazione dei loro pasti utilizzate, quindi, cibi ricchi d'acqua, come la frutta e la verdura. Cercate di non usare troppo spesso alimenti secchi, come crackers o grissini, che tendono a "consumare" l'acqua dell'organismo: preferite il pane.

811

Bere acqua aromatizzata

Un ottimo modo per aiutare i bambini a bere più acqua è quello di utilizzare acque aromatizzate. Non si tratta di bevande gassate, il cui uso dovrebbe essere limitato, ma di the o tisane dai vari sapori. In commercio se ne trovano di diversi tipi, a base di erbe e/o di frutta: scegliete i gusti che il vostro bimbo preferisce. Preparategli una di queste tisane, calda o fresca a seconda della stagione, è dolcificatela con un po' di zucchero o di miele. Sicuramente la gradirà.

911

Bere le spremute

Ottimo per aiutare i bambini a bere più acqua è l'utilizzo delle spremute. Gli agrumi sono molto ricchi di acqua, di sali minerali e di vitamine. Utilizzate tutti gli agrumi che il bimbo gradisce, si tratti di arance, mandarini, pompelmi o anche, perché no, di limoni. Potete fare la spremuta con un solo tipo di agrume o mista ed eventualmente dolcificarla se risultasse troppo aspra. Giocate sul colore acceso della bevanda e vedrete che il bambino la berrà volentieri.

1011

Bere i succhi

Una delle 10 idee per aiutare i bambini a bere più acqua è quella di preparare loro dei succhi di frutta o di verdure. Questi possiedono, oltre ad un ingente contenuto idrico, anche moltissimi sali minerali. I succhi, che si possono ottenere facilmente con una centrifuga o un estrattore, sono un ottimo metodo per aiutare i bimbi ad assumere liquidi per esempio negli stati febbrili, quando è particolarmente importante mantenere una buona idratazione. Non sottovalutate il succo di carota: ha un sapore delicato ed è dolce naturalmente, oltre che colorato: in genere i piccoli lo gradiscono molto, meglio se mescolato a del succo di mela.

1111

Bere le minestre

In genere i bambini non gradiscono molto il brodo o le minestre, ma con un po' di fantasia e di furbizia potrete utilizzare anche questo come uno dei 10 modi per aiutare i bambini a bere più acqua. Usando gli alimenti che loro apprezzano maggiormente e attingendo alla vostra creatività, potrete preparare delle creme, delle zuppe o delle minestre che i vostri bimbi mangeranno volentieri. In questo modo assumeranno una sufficiente quantità d'acqua. Per l'estate, per esempio, potrete utilizzare il gazpacho, una crema fredda di verdure: con una spolverata di origano e qualche cubetto di mozzarella sarà una fantastica pizza estiva. Durante i mesi invernali, sfruttate il fascino indiscusso dei tortellini preparandoli in brodo.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come svezzare un neonato

Lo svezzamento assume un'importanza fondamentale nella vita di un bambino, sia dal punto di vista sensoriale, che nutrizionale, sia psico-emotivo. Trattasi di passare infatti, da un'alimentazione soltanto lattea, alla sperimentazione di sensazioni olfattive...
Bambino

10 consigli se il bimbo non vuole mangiare

Quante mamme si sono ritrovate alle prese con l'inappetenza dei propri figli. Il fatto che il proprio bambino non voglia mangiare può diventare un vero incubo per la mamma che è terrorizzata all'idea che se il bambino non mangia, allora non crescerà,...
Bambino

Come far passare le coliche ai bambini

In questa piccola guida potrai trovare consigli preziosi su come far passare le coliche ai bambini in modo semplice e veloce. Per iniziare, a volte, è sufficiente un leggero massaggio in senso orario su tutta la pancia, usando un po' d'olio per bambini....
Bambino

Come comportarsi se il tuo bambino non vuole mangiare le verdure

Le verdure, sono un alimento fondamentale per la crescita dei figli e per la salute in generale di tutta la famiglia. Spesso i bambini si rifiutano di mangiarle, esistono però alcuni trucchi e tanta pazienza per ovviare a questo problema, con un po'...
Bambino

Svezzamento: quando introdurre il pomodoro

Il pomodoro, come tutte le verdure, è un elemento davvero importante per una corretta alimentazione del bambino, poiché contiene numerose sostanze indispensabili ad un sano sviluppo psico-fisico del bimbo. Il pomodoro, infatti, è ricco di acqua, vitamine,...
Bambino

Come far assumere più proteine ai bambini

I bambini sono molto golosi di gelati, caramelle, patatine fritte e merendine reclamizzate in televisione, ma davanti ad alimenti ricchi di proteine storcono il naso e iniziano a fare i capricci a tavola. Chiaramente i genitori, nonostante gli innumerevoli...
Bambino

Come eliminare la crosta lattea

La crosta lattea, che è conosciuta anche dermatite seborroica, è un disturbo che colpisce facilmente i bambini già a partire dalle prime settimane di vita. È così chiamata proprio per il fatto che interessa i bambini nell'età in cui si nutrono esclusivamente...
Bambino

I migliori libri per un bimbo dislessico

Un bimbo dislessico si ritrova ad affrontare una problematica particolarmente delicata che rende molto difficoltosa la lettura dei testi, creando spesso un forte disagio psicologico, soprattutto a causa del confronto con gli altri bambini, privi di questa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.