10 cose da sapere sul latte artificiale

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

Il latte artificiale è indubbiamente una buona soluzione qualora l'allattamento al seno sia impossibile. Tuttavia ci sono 10 cose da sapere sul latte artificiale prima di somministrarlo al bambino se si vuole essere sicuri.

211

Cosa è il latte artificiale e come è fatto

Chiariamo innanzitutto cosa si intende per latte artificiale. Il latte artificiale non è altro che latte vaccino adattato per l'alimentazione del neonato. Il latte viene fatto essiccare facendo evaporare tutti i liquidi in esso contenuti.

311

Le prescrizioni del latte artificiale devono essere fatte dal medico a seconda dei tipi di sviluppo

La prescrizione del latte artificiale deve essere fatta dal pediatra che segue il bambino fin dalla nascita. A seconda del periodo di sviluppo del bambino il pediatra indicherà il tipo di latte che ritiene più adatto per il suo nutrimento. Per i primi 6 mesi il pediatra prescriverà un latte di formula 1, che ha in genere una composizione piuttosto simile a quella del latte materno. Dopo il sesto mese viene prescritto un latte di formula 2 che è più indicato per lo sviluppo e la crescita. Ogni latte può contenere alcuni elementi nutritivi differenti ed il medico prescriverà dunque il tipo di latte che ritiene più indicato per il bambino a seconda delle sue esigenze e degli elementi che più si ritengono necessari.

Continua la lettura
411

Controllare la purezza dell'acqua per la preparazione del latte

Qualsiasi acqua può andar bene per la preparazione del latte artificiale, l'importante è che sia pura il più possibile e che la quantità di nitrati non superi i 10 mg/l. Tuttavia è possibile utilizzare anche l'acqua oligominerale. Leggendo le etichette sulle bottiglie di molte acque oligominerali in commercio c'è proprio indicato che sono adatte per l'alimentazione dei neonati.

511

Gestire l'allattamento artificiale del neonato

L'allattamento artificiale del bambino va gestito a seconda della fase di sviluppo, la quantità deve essere definita dal pediatra. Durante la prima settimana si parte da 10 ml a pasto aumentando progressivamente di 10 ml al giorno la dose, fino a raggiungere all'inizio della settimana successiva i 100 ml di latte, mantenendo tale dose per tutto il primo mese. I mesi successivi si aumenta il dosaggio fino a raggiungere i 150 ml di latte. Il pediatra può eventualmente stabilire eventuali dosaggi differenti a seconda delle esigenze del bambino.

611

Norme igieniche per preparare il latte artificiale

Il latte artificiale deve essere preparato secondo alcune regole ben precise. Prima di tutto il biberon e le tettarelle si devono sterilizzare tra un utilizzo e l'altro, uno dei migliori metodi è la bollitura per circa 20 minuti. L'acqua per la preparazione del latte deve raggiungere almeno 70°C prima di aggiungere il latte in polvere, meglio sarebbe però che raggiungesse una temperatura più alta. Prima di preparare il latte è necessario lavarsi accuratamente le mani. Dopo aver sterilizzato il biberon è necessario riporlo in una zona pulita igienicamente.

711

Cosa può causare il latte artificiale per la salute del bambino

Il latte artificiale deve essere somministrato solo se strettamente necessario, infatti l'uso di questo latte può anche portare varie conseguenze negative per la salute del bambino. Pur essendo adattato però non contiene tutto ciò che contiene il latte materno, alcuni elementi mancano sempre ed a volte il bambino può non aver assunto tutti questi elementi necessari. Una conseguenza è quindi una possibile carenza di elementi di cui il bambino necessita. Un eccessivo utilizzo di latte artificiale può essere particolarmente dannoso e provocare alcune malattie.

811

Integrare il atte artificiale con il latte materno

Qualora il latte materno non venga prodotto in quantità sufficiente per il nutrimento del bambino, lo si può integrare con il latte artificiale. Anche in questo caso, il latte deve essere prescritto dal medico. Si può ad esempio fornire la quantità di latte materno che si ha a disposizione il giorno e terminare l'alimentazione con quello artificiale. Questa soluzione può essere consigliata dal medico, se si ha poco latte materno a disposizione e lo si vuole conservare a lungo.

911

Latti artificiali speciali per allattare i bambini allergici

Qualora il bambino risulti allergico o intollerante al latte vaccino esistono dei latti artificiali speciali. Ad esempio il latte ipoallergenico viene trattato in modo da idrolizzare le proteine del latte scomponendole in amminoacidi semplici o peptidi. C'è poi il latte delattosiato, trattato in modo da eliminare il lattosio al suo interno rendendolo quindi più digeribile. Altra ottima soluzione è quella di adottare il latte di soia, le cui proteine vengono fornite dalla soia e quindi è privo di lattosio e saccarosio.

1011

Come deve essere conservato il latte artificiale

Il latte artificiale in polvere deve essere conservato con sicurezza. Innanzitutto la confezione deve essere tenuta chiusa e la si deve aprire solo al momento in cui si prepara il latte, in questo modo non vi si deposita la polvere e non viene contaminato da eventuali insetti presenti in casa. Sarebbe buona regola conservare la confezione aperta in un contenitore a chiusura ermetica, se si vuole essere certi che il latte si conservi a dovere. Una volta nel biberon, il latte deve essere consumato entro 24 ore. Trascorse le 24 ore il latte avanzato deve essere gettato via e sterilizzato il biberon.

1111

Normative da sapere sul latte artificiale

Per il latte artificiale la normativa Italiana ed Europea stabilisce alcune importanti regole. Innanzitutto non deve contenere OGM. L'etichetta deve specificare per quale fascia d'età è indicato il latte in questione, e quindi deve indicare se il latte è di formula numero 1 o 2.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Latte artificiale: quando preferirlo a quello materno

L'allattamento ricopre per mamma e bambino una grande importanza, il contatto fisico e la trasmissione di anticorpi che avviene sin dai primi giorni di vita, attraverso le prime gocce di colostro, proteggono il bimbo da infezioni e malattie. In alcuni...
Bambino

Come mantenere le poppate al seno

Arriva un momento in cui la straordinaria esperienza dell'allattamento al seno finisce. In questi casi si deve educare il piccolo a bere dal biberon e a mangiare le prime pappe. È un passaggio fondamentale della vita e della relazione fra mamma e bambino....
Bambino

Cibi da evitare durante i primi mesi di svezzamento

Lo svezzamento è un periodo molto delicato nella vita del bambino, siccome che il latte materno o quello artificiale, ossia dall'alimentazione liquida, si passa in modo graduale all'alimentazione solida. Prendersi cura del proprio piccolo e crescerlo...
Bambino

Come alimentare Il Neonato

Dopo il parto l'apparato digerente del piccolo affronta un'esperienza del tutto nuova. Il bebè possiede istintivamente il meccanismo della suzione. Questo ci fa capire il desiderio e la necessità di assumere liquidi. L'allattamento al seno materno è...
Bambino

Come aiutare un neonato stitico

La stitichezza in un neonato non è una cosa rara e, quindi, non deve preoccupare i genitori. Ciò può dipendere da una predisposizione ereditaria oppure dal tipo di latte che assume. Capita spesso che il bambino lo si ritiene stitico anche quando soffre...
Bambino

Come capire se il latte materno è sufficiente

Essere mamma rappresenta indubbiamente uno dei fenomeni più belli ed entusiasmanti che ci possano mai attraversare la vita di una donna. Si tratta infatti di un'esperienza unica, fatta di gioie ma anche di tantissime preoccupazioni verso il proprio bambino....
Famiglia

Come compensare le poppate

Dopo la nascita, l'apparato digerente del bambino comincia a funzionare autonomamente. Il neonato ha fame e spinto da un forte istinto, cerca il seno, succhia e deglutisce: iniziano le poppate. L'allattamento al seno è il modo più naturale oltre che...
Bambino

Coliche neonatali: come affrontarle e prevenirle

La nascita di un bambino all'interno di una famiglia, è sempre un esperienza unica e di grande gioia. Molto spesso però, i primissimi mesi di vita del neonato, rappresentano per i genitori un periodo veramente stressante. Specialmente con il primo figlio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.